Gli archivi fotografici di storia dell’arte

Corso sugli Archivi fotografici di storia dell’arte

a cura di Francesca Mambelli e Riccardo Vlahov
11-12 maggio 2017 – Bologna, Fondazione Federico Zeri

Ho partecipato a questo corso in due occasioni, dapprima nel 2015 durante il mio primo anno di servizio presso il dottorato in Digital Humanities e in seguito nel 2017, al mio ultimo anno. I due corsi hanno dedicato particolare attenzione alle metodologie e alle buone pratiche da tenere durante le ricerche e lo studio dei fondi fotografici, nonché ai principi necessari al riordino di grandi quantità di materiali fotografici.

Che cosa fare quando ci troviamo di fronte a cumuli di fotografie? A sedimentazioni apparentemente casuali? Come intervenire e come lavorare su questi materiali?

La Fondazione Federico Zeri di Bologna vanta un curriculum di grande prestigio nel campo degli archivi fotografici di storia dell’arte anche per quanto attiene all’utilizzo delle nuove tecnologie, delle Digital Humanities e del Cultural Heritage grazie alla professionalità e alle competenze di uno staff completo che dai tecnici, agli informatici, agli storici dell’arte, lavora quotidianamente per valorizzare il grande patrimonio fotografico e bibliografico donato da Federico Zeri all’Università degli Studi di Bologna. Durante il corso è stata approfondita la conoscenza delle fotografie di documentazione storico artistica, degli strumenti metodologici per la gestione degli archivi fotografici nonché le basi e le metodologie di approccio all’ inventariazione e catalogazione delle fotografie, con particolare riguardo per il funzionamento della scheda F (fotografia) e per il nuovo tracciato della scheda FF (fondo fotografico).

Il corso è stato strutturato in lezioni teoriche, presentazione di raccolte e progetti catalografici, con una sezione dedicata ad esercitazioni pratiche, singole e di gruppo, sul riconoscimento delle tecniche fotografiche antiche e sui materiali fotografici rispettivamente della Fototeca Zeri e del Dipartimento delle Arti dell’Università di Bologna. Grazie alle ricche lezioni di Riccardo Vlahov è stato possibile addentrarsi, con dovizia di particolari, nel riconoscimento degli aspetti tecnici delle pratiche fotografiche monocrome e a colori trasmettendoci competenze e “trucchi del mestiere” che si sono rivelati particolarmente utili per muovermi all’interno della ricca varietà di stampe conservata presso il Dipartimento di Storia dell’arte dell’Università di Genova.

Un ringraziamento particolare va a Francesca Mambelli che mi ha seguito durante il percorso della mia ricerca e non ha mancato di darmi suggerimenti fondamentali per l’orientamento dei miei studi e a Lorenza Fenzi che mi ha instradata verso le migliori pratiche utili alla pulitura e alla conservazione degli originali analogici.

Il programma del corso

Riccardo Vlahov
La fotografia a colori

Lorenza Fenzi
Problematiche conservative in fototeca: manipolazione, manutenzione, pronto intervento

Lettura guidata dei materiali della Fototeca del Dipartimento delle Arti dell’Università di Bologna e della Fototeca Zeri

Francesca Mambelli
Fonti e repertori per la catalogazione delle fotografie delle opere d’arte

Riccardo Vlahov
Introduzione all’esercitazione sull’identificazione delle tecniche fotografiche monocrome

Esercitazione di identificazione delle tecniche fotografiche monocrome

Francesca Mambelli
La scheda F: i nodi informativi

Cinzia Frisoni
La catalogazione di beni semplici e di beni complessi

Cinzia Frisoni
La soggettazione: concetti, ordine, sintassi

Esercitazione di catalogazione in gruppo

Esercitazione di catalogazione individuale

La schedatura informatizzata. Esercitazione di catalogazione su SIGECweb
con i catalogatori della Fondazione Federico Zeri

Narrazione Interattiva in Realtà Virtuale: Vivere il film

Sono stata invitata al OpenDay del CrossmediaLab dell’Università di Bogotà Jorge Tadeo Lozano per parlare sulle diverse possibilità delle narrative che si possono sperimentare nella realtà virtuale. Se pensiamo al concetto Realtà Virtuale al di fuori del contesto tecnologico, troviamo una grossa ambiguità del termine che vuol dire qualcosa tipo: “la realtà virtuale è un evento o soggetto che è reale in effetto ma non di fatto”, quest’ambiguità gioca con quello che effettivamente succede quando utilizziamo un HMD (head mounted display) ovvero la maschera di realtà virtuale: la realtà fisica si allontana dalla realtà cognitiva, la nostra mente vive una realtà diversa a quella che vive il nostro corpo, situazione che possiamo vivere “in natura” quando dormiamo o sotto l’effetto di qualche sostanza psicodelica o anestisiante. Non in vano Google ha denominato la sua azienda per la VR “Daydream“.

Inizia una sfida per i creatori di contenuti. Abbiamo un nuovo mezzo a disposizione per raccontare storie che ora sono esperienze, e cambiano le regole del gioco. Per chi proviene da un background nettamente tecnologico le scienze umanistiche saranno un importante aiuto nella costruzione di esperienze realistiche. Concetti basilari della narrativa classica, la cinematografia e il teatro, offrono indizi e chiavi per iniziare a decostruire il linguaggio della Realtá Virtuale, un linguaggio che in qualche modo possiamo intuire grazie alla educazione audiovisiva che abbiamo ricevuto grazie ai film e la tv, e alla educazione interattiva che ci ha offerto l’ipertestualità negli ultimi anni. Non è un mezzo strano per noi, anche se è diverso da qualsiasi altro mezzo che abbia mai creato l’umanità e che poteva solo emergere oggi con gli sviluppi tecnologici. Nelle caverne, le chiese, le tombe e i panorami, l’uomo ha cercato di creare ambienti sferici che rinchiudono la visione umana per allontanarlo dalla realtà quotidiana, ciò nonostante solo ora la nostra coscienza riesce ad essere completamente estrapolata. Chris Milk, uno dei più riconosciuti creatori per VR, dice che la realtà virtuale è l’ultimo medium, il medium definitivo, perché se negli altri medium la coscienza interpretava il medium, in VR la coscienza è il medium.

In effetti, il creatore diventa una sorta di Dio, creando una realtá dove immergerá completamente al suo recettore, da dove il fruitore può solo uscirne togliendo la maschera. Emergono quindi tante domande: “come possiamo creare esperienze attraenti che riescano a mantenere l’attenzione del fruitore?”  “come possiamo creare un senso di autonomia e libertà per il fruitore nel nostro universo narrativo?” “come possiamo dare un vero senso di realtà che permetta una vera immersione?”

Mentre l’era dell’informazione elettronica matura, l’era dell’esperienza inizia. Già nella storia dell’umanità migliaia di artisti ci hanno regalato un vasto numero di universi narrativi che possiamo riconoscere a colpo d’occhio. È ora di iniziare a pensare come portare questi universi a un mezzo che mette alla prova la nostra sensorialità e la nostra corporeità. E mentre diventiamo sempre più bravi a creare esperienze artificiali, alcune delle domande tradizionali della filosofia smettono di essere solo ipotesi. Nel momento in cui il nostro tempo trascorre in una realtà parallela diversa, nell’altrove, e anche se per un solo istante ci dimentichiamo della realtà -quella reale- cominciamo a chiederci cos’è la realtà, eppure, cos’è l’esistenza.

Nella prossima settimana svilupperemo un workshop con 12 studenti con l’obiettivo di creare due cortometraggi a 360º dove il tema centrale sarà la riconciliazione, tema molto importante in Colombia a proposito degli accordi di pace.

Giusta Nicco Fasola e l’insegnamento della storia dell’arte a Genova

In occasione dell’uscita del volume L’archivio di Cesare e Giusta Nicco Fasola (1870 – 1965) edito dalla Soprintendenza Archivistica e Bibliografica dell’Umbria e delle Marche, i Dottorati di Studio e valorizzazione del patrimonio storico, artistico-architettonico e ambientale e in Digital Humanities, tecnologie digitali, arti, lingue culture e comunicazione, con la Scuola di Specializzazione in Beni storico – artistici del DIRAAS, organizzano un seminario dal titolo

Giusta Nicco Fasola e l’insegnamento della storia dell’arte a Genova negli anni Cinquanta del Novecento: documenti e testimonianze

L’incontro è stato organizzato lunedi 28 novembre 2016 presso l’Aula Magna della Scuola di scienze umanistiche, Palazzo Balbi Cattaneo, Via Balbi 2, per sottolineare il ruolo che Giusta Nicco Fasola (1901 – 1960) ebbe nella fondazione dell’Istituto di Storia dell’arte, nella formazione, negli anni della sua permanenza a Genova, tra il 1948 e il 1958, di molti studiosi della materia e nell’indicazione di un metodo di ricerca e di didattica che ha segnato la vicenda degli studi storico – artistici a Genova.

Purtroppo non ha potuto partecipare Rossella Santolamazza che avrebbe dovuto aprire i lavori della giornata seminariale; al suo posto, l’intervento iniziale è stato curato dal prof. Lauro Magnani sul tema L’archivio di Cesare Fasola e Giusta Nicco Fasola seguito da Silvio Ferrari  che ha parlato sul soggetto I Fasola, ruolo culturale e impegno politico.

A seguito di questi interventi è stata organizzata una tavola rotonda con Ezia Gavazza sul tema Giusta Nicco Fasola e l’Istituto di Storia dell’arte a Genova: le qualità di un maestro, con interventi delle ex allieve della professoressa Fasola e di testimoni degli avvenimenti di quegli anni tra le quali si ricordano Emmina De Negri, Giovanna Rotondi Terminiello e Carla Casalone.

Infine ho parlato della mia personale ricerca su Giusta Nicco Fasola con un intervento dal titolo: Per una restituzione dell’archivio fotografico di Giusta Nicco Fasola presso l’Istituto di storia dell’arte dell’Università di Genova oggi DIRAAS.

“Minds Online: Teaching Effectively with Technology”

minds_online

Titolo: Minds Online: Teaching Effectively with Technology

Autore: Michelle R. Miller

Casa editrice: Harvard University Press

Luogo: Cambridge (MA)

Anno: 2014

Come parlare di tecnologie didattiche senza correre il rischio di descrivere l’Avveniristico e arrivare in stampa con l’Obsoleto? Michelle D. Miller aggira l’ostacolo con astuzia: parla, è vero, di prodotti specifici, ma la visione che sottende il libro ruota attorno alla ricerca scientifica sulla mente. Se gli strumenti digitali si susseguono e si superano, insomma, le loro radici restano ancorate a modelli cognitivi assodati, i punti cardinali di cui servirsi per navigare il mare magnum delle tecnologie didattiche. È così che Minds Online: Teaching Effectively with Technology accompagna il lettore in un viaggio all’interno della mente per meglio cogliere il modo in cui pensiamo, capiamo, impariamo: un compito ambizioso che riesce nell’intento di disegnare una cornice teorica da sfruttare nella pratica quotidiana dell’insegnamento.

Miller, docente di Psicologia preso la Northern Arizona University, passa dapprima brevemente in rassegna il dibattito sull’utilizzo delle tecnologie nell’apprendimento: moda passeggera o ribaltamento di un paradigma? La risposta è, evidentemente, quest’ultima: ma l’approccio di Miller convince proprio per la misurata non partigianeria delle proposte. Senza sacralizzare lo strumento digitale, l’autrice individua i come e i perché di un utilizzo ragionato delle tecnologie, che restano comprimarie rispetto alla centralità data all’individuo, docente universitario (l’interlocutore primario del testo) o studente che sia. Al primo vengono forniti i mezzi per costruirsi una cassetta degli attrezzi di competenze preziose per re-impostare la propria didattica; la formazione del secondo, invece, costituisce la meta ultima della tensione pedagogica del testo.

Miller si sgancia (come molti altri) dalla mitologia del nativo digitale: l’immersione multimediale tipica dell’universo contemporaneo non ne garantisce un utilizzo ragionato e critico. Sembra vero piuttosto il contrario: l’accerchiamento da parte di dispositivi digitali, veri e propri colonizzatori delle nostre comunicazioni, crea un utente passivo, impigrito, poco scaltro, poco curioso: lo studente, ancorché “nativo” incarna lo stereotipo dell’utilizzatore medio, privo di quello sguardo esterno che permette la comprensione delle potenzialità e peculiarità del mezzo. L’argomento è noto, e non deve stupire: pensiamo all’elevato numero di analfabeti funzionali, immersi in una giungla irta di messaggi trasmessi attraverso la scrittura (tecnologia, anch’essa, ormai invisibile), ma il cui senso profondo sfugge, e per cui l’analisi critica è ostica. Tale è, o rischia di essere, la situazione dello studente contemporaneo. Educare e rieducare, insomma, alla tecnologia si pone come uno degli scopi primari della didattica.

Partendo da tre aree cognitive fondamentali (l’attenzione, la memoria, l’organizzazione del pensiero) per orientare la strutturazione di un corso e di attività didattiche, le suggestioni di Miller puntano verso la creazione di  un individuo autonomo, motivato, che esercita la propria creatività nei compiti proposti, che lavora in gruppo, un individuo in grado di valutare criticamente e costruttivamente l’operato proprio e altrui, che conquista, infine, la capacità di pensare criticamente. Una pedagogia totale che si avvale delle tecnologie per dialogare su più piani con il suo destinatario, sganciandosi dalla tirannia della lezione frontale, in molti modi mancante. Se ne conoscono le pecche: coinvolge poco gli studenti, li lascia a crogiolarsi in un atteggiamento passivo di piatta fruizione, ribadisce il primato del sapere dell’insegnante senza incentivare lo scambio e la relazione. Relazione che è invece al centro della didattica, che avvenga tra studente e docente, promossa dalla rapidità delle comunicazioni che conducono a feedback sul lavoro svolto, oppure tra gli stessi studenti, focalizzata su un obiettivo e che pone un’ulteriore sfida: la gestione del gruppo, la distribuzione dei ruoli e delle responsabilità, l’armonia tra personalità più o meno trainanti o gregarie. L’ambiente tecnologico arricchisce gli stimoli, le occasioni e le modalità dell’apprendimento, ma anche le difficoltà, le responsabilità: l’accento è sull’agentività di tutte le parti in causa, chiamate a rispondere attivamente di sé.

Qui riemerge una visione più ampia della didattica: la lezione non viene più visualizzata come una cinghia di trasmissione, lineare e meccanica, di informazioni, ma come uno scenario complesso in cui l’intelligenza dello studente è coinvolta nel suo senso più pieno, che non disprezza il lato emotivo e sociale, ma che anzi spalanca una porta su una dimensione altra, collegando il sapere che si va costruendo con il sé, i desideri, le passioni, i sogni. Intelletto, fantasia, anima. Una didattica che si articola grazie alle tecnologie ma che ribadisce l’importanza delle persone, docenti e studenti.

Una visione pedagogica che va a scacciare lo spauracchio della virtualità asettica e spersonalizzante: le tecnologie restano strumento di cui servirsi creativamente, non panacea per tutti i mali della scuola e dell’apprendere. La soluzione, o meglio le soluzioni, del dilemma risiedono nel gioco complesso di prodotti e processi, degli oggetti da utilizzare e del modo in cui li utilizziamo, del modo in cui insegniamo a utilizzarli. È per questo che Minds Online resta un libro da leggere, non perché sia innovativo nei suoi contenuti ma come struttura di conoscenze che ci sappiano dire come e perché uno strumento funziona, superando l’intuizione per arrivare all’evidenza. In definitiva, va letto per viaggiare sul percorso dell’apprendimento, come guida pratico-teorica che porta a costruirci come soggetti attivi della didattica.