Im/materiale. L’immagine artistica nell’era della sua smaterializzazione digitale

Seminario Dottorale:

“Im/materiale. L’immagine artistica nell’era della sua smaterializzazione digitale”.

Francesca Gallo, docente di storia dell’arte contemporanea presso La Sapienza, e Domenico Quaranta, storico dell’arte e autorità nel campo della new media art, si confronteranno, con apertura interdisciplinare, sulle tematiche e problematiche dei linguaggi visivi della contemporaneità.

01.07.2017 – Ore 15
Balbi 2, Aula Magna
Genova

Giornata delle Digital Humanities

Il Dottorato in Digital Humanities organizza la prima Giornata di Studi dedicata unicamente alle DIGITAL HUMANITIES.

I dottorandi parleranno delle scoperte e riflessioni maturate nei loro progetti e dialogheranno, fra loro e con il pubblico, su temi che intrecciano arte, letteratura, educazione, lingue, e tecnologia.

Un’occasione di scambio e confronto aperta a tutti gli appassionati di scienze umanistiche e/o tecnologia, e l’occasione perfetta per tutti coloro che non sanno che cosa sono le Digital Humanities per scoprire di più su questa nuova disciplina.

PROGRAMMA

10.00 – 12.30 Apertura lavori e a seguire Presentazioni dei dottorandi e Tavola Rotonda sul tema “Carta e schermo: La tecnologia al servizio delle scienze umanistiche”

14.30 – 17.00 Presentazioni dei dottorandi e Tavola Rotonda sul tema “L’evoluzione dei sensi: Le scienze umanistiche e i nuovi contenuti digitali”

L’incontro si terrà in Aula I nel dipartimento di Lingue nel palazzo in Piazza Santa Sabina 2.

Moderano l’evento Luca Sabatini e Fabrizio Bracco.

Dottorande responsabili dell’organizzazione:
Serena Zampolli
Maria Cecilia Reyes

 

Evento Facebook

CFP DH Conference: Resources, Methods, and Research (Scadenza 1 aprile)

Place: Perm, Russia
Dates: 16-18 May 2017

Deadline for proposal and visa invitation documents: 9 March 2017
Deadline for papers: 1 April 2017

Website: dh.psu.ru/conf/eng
Facebook: facebook.com/dhpsuru
Twitter: @DH_PSU
Contact email: histlab@gmail.com

General Information

From 16 to 18 May 2017 Perm State University in cooperation with the Russian Association “History and Computing” holds the International scientific conference “Digital humanities: resources, methods, and research”.

The conference will be held as a part of the Perm Natural Science forum.

The theme of the International Conference “Digital Humanities: Resources, Methods, and Research” is dedicated to the Digital Humanities, modern interdisciplinary direction, which is connected with both the use of information technology in specific areas of the humanities and the development of common approaches and methods.

Perm State University and the Russian Association “History and Computing» invite submissions on any aspect of digital humanities. These include, but is not limited to:

  • Social, institutional, global, multicultural and linguistic aspects of digital humanities.
  • Information technologies in historical research, historical information science, and digital history.
  • Computational linguistics, textology and textometry.
  • Digital technology in sociocultural practices.
  • Digital technologies in the preservation, study and visualization of historical and cultural heritage. Digital archives, museums, libraries.
  • Digital art, architecture, music, cinema, theater, electronic literature, art practices.
  • Presentation of projects and resources.

The conference is supported by Russian Foundation for Basic Research (grant 17-06-20071 G).

Proposals and papers

The theme of your proposal and personal information (position, institution, degree) should be sent to the organizing committee e-mail: histlab@gmail.com till 9 of March 2017. 

Papers in English or Russian (5000 characters including spaces, preferably without tables, diagrams or illustrations), the annotation (100-200 words) and keywords should be sent to histlab@gmail.com till 1 of April 2017. Recommended template is given here (only in Russian, not mandatory).

Visa Information

If you need a visa to visit Russia, please fill and sign the application form, assure the signature by a stamp of the organization where you work. Send the digital copy of this form (scan) and the digital copy of the first page of your passport to histlab@gmail.com till 9 of March 2017. These documents are required for registration of a formal invitation, which is necessary for visa to Russia.

The application form must be completed in English. Translation of the application form points see below:

  1. Full name (as in passport)
  2. Date and place of birth (country, exact place of birth)
  3. Series and number of passport of a foreign citizen
  4. Date of issue and expiry date of passport
  5. Full home address
  6. Place of work / study – full name and exact address
  7. Position
  8. Travel dates (to the Russian Federation)
  9. Place of obtaining a Russian visa – country, city (where there is a Russian consulate)
  10. Cities to visit in Russia

If you have any difficulties in filling out the application form or its translation, please write to histlab@gmail.com.

CFP Studia UBB Digitalia (Scadenza 15 maggio)

First call for papers – Studia Universitatis Babes-Bolyai Digitalia

The Studia UBB Digitalia is the official journal of the Transylvania Digital Humanities Center – DigiHUBB. It publishes papers on digital humanities current research topics, and will have a special section dedicated to South Eastern Europe related to the history of computing, digital art, linguistic analysis, corpora creation and other topics related to digital humanities.
Studia UBB Digitalia is a double-blind peer reviewed journal devoted to promote a high level of academic research on innovative subjects and emergent topics at the crossroads of digital humanities, linguistics, history, art and various professional practices, striving to foster a strong collaboration among researchers from Babes-Bolyai University Cluj-Napoca and from abroad.

For the first issue we welcome papers on general topics related to digital humanities. This is an exploratory issue, trying to gather papers on current trends, debates, paradigms and theories in digital humanities. We welcome applications from scholars at all stages of their careers from all disciplines and fields, from private sector companies and public sector organizations, from artists and public intellectuals, from networks and individuals. Studia UBB Digitalia is a multilingual journal and accepts papers in English, French, German, Romanian. All articles should be submitted with an abstract and keywords in English. Please use the MLA Style in redacting your paper. The length of submitted texts should be between 5000 and 8000.

Important dates
Deadline for submission: 15th of May 2017.
The first Issue will be published in late June 2017.
The papers will be submited trough the journal platform:
http://digihubb.centre.ubbcluj.ro/journ…/index.php/digitalia
Further information
Corina Moldovan, editor in chief
Mail: corina.moldovan@lett.ubbcluj.ro

Narrazione Interattiva in Realtà Virtuale: Vivere il film

Sono stata invitata al OpenDay del CrossmediaLab dell’Università di Bogotà Jorge Tadeo Lozano per parlare sulle diverse possibilità delle narrative che si possono sperimentare nella realtà virtuale. Se pensiamo al concetto Realtà Virtuale al di fuori del contesto tecnologico, troviamo una grossa ambiguità del termine che vuol dire qualcosa tipo: “la realtà virtuale è un evento o soggetto che è reale in effetto ma non di fatto”, quest’ambiguità gioca con quello che effettivamente succede quando utilizziamo un HMD (head mounted display) ovvero la maschera di realtà virtuale: la realtà fisica si allontana dalla realtà cognitiva, la nostra mente vive una realtà diversa a quella che vive il nostro corpo, situazione che possiamo vivere “in natura” quando dormiamo o sotto l’effetto di qualche sostanza psicodelica o anestisiante. Non in vano Google ha denominato la sua azienda per la VR “Daydream“.

Inizia una sfida per i creatori di contenuti. Abbiamo un nuovo mezzo a disposizione per raccontare storie che ora sono esperienze, e cambiano le regole del gioco. Per chi proviene da un background nettamente tecnologico le scienze umanistiche saranno un importante aiuto nella costruzione di esperienze realistiche. Concetti basilari della narrativa classica, la cinematografia e il teatro, offrono indizi e chiavi per iniziare a decostruire il linguaggio della Realtá Virtuale, un linguaggio che in qualche modo possiamo intuire grazie alla educazione audiovisiva che abbiamo ricevuto grazie ai film e la tv, e alla educazione interattiva che ci ha offerto l’ipertestualità negli ultimi anni. Non è un mezzo strano per noi, anche se è diverso da qualsiasi altro mezzo che abbia mai creato l’umanità e che poteva solo emergere oggi con gli sviluppi tecnologici. Nelle caverne, le chiese, le tombe e i panorami, l’uomo ha cercato di creare ambienti sferici che rinchiudono la visione umana per allontanarlo dalla realtà quotidiana, ciò nonostante solo ora la nostra coscienza riesce ad essere completamente estrapolata. Chris Milk, uno dei più riconosciuti creatori per VR, dice che la realtà virtuale è l’ultimo medium, il medium definitivo, perché se negli altri medium la coscienza interpretava il medium, in VR la coscienza è il medium.

In effetti, il creatore diventa una sorta di Dio, creando una realtá dove immergerá completamente al suo recettore, da dove il fruitore può solo uscirne togliendo la maschera. Emergono quindi tante domande: “come possiamo creare esperienze attraenti che riescano a mantenere l’attenzione del fruitore?”  “come possiamo creare un senso di autonomia e libertà per il fruitore nel nostro universo narrativo?” “come possiamo dare un vero senso di realtà che permetta una vera immersione?”

Mentre l’era dell’informazione elettronica matura, l’era dell’esperienza inizia. Già nella storia dell’umanità migliaia di artisti ci hanno regalato un vasto numero di universi narrativi che possiamo riconoscere a colpo d’occhio. È ora di iniziare a pensare come portare questi universi a un mezzo che mette alla prova la nostra sensorialità e la nostra corporeità. E mentre diventiamo sempre più bravi a creare esperienze artificiali, alcune delle domande tradizionali della filosofia smettono di essere solo ipotesi. Nel momento in cui il nostro tempo trascorre in una realtà parallela diversa, nell’altrove, e anche se per un solo istante ci dimentichiamo della realtà -quella reale- cominciamo a chiederci cos’è la realtà, eppure, cos’è l’esistenza.

Nella prossima settimana svilupperemo un workshop con 12 studenti con l’obiettivo di creare due cortometraggi a 360º dove il tema centrale sarà la riconciliazione, tema molto importante in Colombia a proposito degli accordi di pace.

Fototeche – Archivi per la storia dell’arte

Il 16 marzo 2017 si è tenuto presso l’Università degli Studi di Udine, a Palazzo Toppo Wassermann il convegno dal titolo FOTOTECHE  – ARCHIVI PER LA STORIA DELL’ARTE.

Ho partecipato su invito di una collega che ha avuto l’occasione di parlare dei nostri progetti di dottorato durante la tavola rotonda con la prof. Donata Levi.

Il convegno

Attraverso un quadro di metodo generale e la proposta di alcuni casi specifici di rilievo nazionale, il convegno offre una riflessione sulle fototeche come strumento fondamentale della stopria dell’arte. La giornata ospita anche una tavola rotonda dedicata alle fototeche di ateneo, quale patrimonio di archivi fotografici ricchi quanto inesplorati e talvolta a rischio di dispersione.

L’iniziativa è stata ideata e realizzata dalla Rete regionale delle fototeche e degli archivi fotografici, a cura di ERPAC – Ente Regionale per il Patrimonio Cultura del Friuli Venezia Giulia – Servizio catalogazione, formazione e ricerca.

La Rete

La Rete regionale delle fototeche e degli archivi fotografici nasce dalla volontà di consolidare i rapporti tra le varie realtà regionali sui temi che riguardano la conservazione, la catalogazione, la valorizzazione e la promozione dei beni fotografici. In particolare la Rete si propone un ruolo di coordinamento finalizzato a ideare attività di analisi, discussione e formazione; a promuovere lo scambio di buone pratiche; a comunicare i valori della fotografia anche attraverso eventi divulgativi.

Il programma

FOTOTECHEprogramma16marzo17

 

Online i video della conferenza sulle DH “Experiences and Perspectives”

Sono disponibili online le registrazioni video relative al convegno sulle Digital Humanities che si è tenuto a Varsavia nei giorni 8 e 9 dicembre 2016. Il titolo era “Experiences and Perspectives” e ha indagato il ruolo delle DH oggi e la loro evoluzione.

Ringraziamo l’Università di Varsavia per avere reso disponibili questi video online e cogliamo l’occasione per ricordarvi che il nostro Dottorato ha istituito un canale YouTube che mette a disposizione le registrazioni degli eventi organizzati dal dottorato e altri interessanti approfondimenti. Seguitelo per rimanere sempre aggiornati.

 

Fotografia e intermedialità. La reinvenzione del medium nelle pratiche contemporanee

locandina-png

Fotografia e intermedialità. La reinvenzione del medium nelle pratiche contemporanee

Coordinamento : Elisa Bricco

3 febbraio 2017 – Aula Magna, Via Balbi 2, Università degli Studi di Genova

Dialogo con Marinella Paderni

Laura Quercioli

Dialogo con Valentina Vannicola

Martina Massarente

 

Call for Papers – 6th International Conference on Language, Literature and Technology

The Faculty of Foreign Languages (Alfa BK University in Belgrade) is glad to announce its Sixth International Conference on Language and Literary Studies, which will be held on 19-20 May, 2017.

For the sixth issue of our annual conference, we hope to gather scholars, teachers and professionals whose scientific research focuses on the study of

LANGUAGE, LITERATURE AND TECHNOLOGY

Within the scope of this topic and with your presence and collaboration, we shall attempt to address and analyze from various perspectives issues such as:

  • Impact of technology on changes in communication paradigms
  • Importance and impact of technology in corpus and cognitive linguistics, sociolinguistics and other areas of the science of language
  • Application of digital technologies in teaching language and literature
  • Technology and literature
  • Development of new technologies in the field of translation and publishing
  • Application of new technologies in scientific research practice

Your proposals for a fifteen-minute presentation (followed by a short discussion) should be sent by e-mail to fsj.conference@alfa.edu.rs,  by 1 April 2017. The proposals should contain your name, affiliation and e-mail address, title of the presentation and an abstract of 200 to 250 words, together with up to 10 keywords. Proposals should be submitted in the language in which the presentation will be delivered: English or Bosnian/Croatian/Montenegrin/S erbian.

Conference fee is 50 EUR

We sincerely look forward to welcoming you at the conference,

Faculty of Foreign Languages, Alfa BK University

Call for Papers, CSDH/SCHN Conference 2017 Toronto (Canada), May 29-31, 2017

Call for Papers, CSDH/SCHN Conference 2017
Toronto (Canada), May 29-31, 2017

The Canadian Society for Digital Humanities (http://csdh-schn.org/) invites scholars, practitioners, and graduate students to submit proposals for papers and digital demonstrations for its annual meeting, which will be held at the 2017 Congress of the Social Sciences and Humanities, Ryerson University, from May 29th to 31st (http://congress2017.ca/). The theme of this year’s Congress is “From Far and Wide: Canada’s Next 150”, and is aimed at encouraging diversity, an awareness of our past, and a critical look at where we are headed. The Program Committee encourages submissions on all topics relating to both theory and practice in the evolving field of the digital humanities.

Per saperne di più

Un patrimonio in immagini. Gli archivi fotografici di storia dell’arte e archeologia.

 Un patrimonio in immagini. Gli archivi fotografici di storia dell’arte e archeologia

Lucis Impressio

Incontri internazionali di studio sugli archivi fotografici e la fotografia di documentazione

Convegno internazionale, Napoli 26 – 27 gennaio 2017

Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università degli Studi di Napoli Federico II

Via Porta di Massa, 1 – Aula Piovani

Il convegno organizzato dal Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università degli Studi di Napoli Federico II , si inserisce nell’ambito del progetto di studio e informatizzazione dell’Archivio fotografico “Giovanni Previtali” del Dipartimento avviato nel 2012. Le due giornate di studio a cura di Paola D’Alconzo e Rossella Monaco sono state dedicate a una specifica tipologia di archivio, quello di documentazione storico -artistica e archeologica, rientrante nella categoria degli archivi di riproduzione e traduzione del patrimonio culturale. Considerato il grande interesse che negli ultimi anni gli studi stanno dimostrando per la fotografia analogica e per i fondi storici degli archivi fotografici, in parallelo alle iniziative sempre più numerose di digitalizzazione dei patrimoni di fototeche e diateche, il convegno mira a riflettere sul ruolo degli archivi fotografici di storia dell’arte e archeologia, da luoghi di ricerca a oggetti essi stessi di studio, e sulle loro prospettive future, tra tutela dei beni custoditi, trasmissione della memoria fotografica analogica e individuazione delle più corrette modalità di divulgazione e fruizione dei formati digitali.

Data la specificità della tematica, sono stati invitati relatori provenienti da Istituzioni che hanno una consolidata esperienza di gestione e una tradizione di studi legata agli archivi fotografici di storia dell’arte e archeologia. Accanto ad esponenti del mondo accademico che conducono ricerche su questi temi, dimostrando le inesauribili possibilità d’indagine di cui i fondi storici sono generatori, saranno presenti esperti impegnati tanto nell’elaborazione di metodi e strumenti per la più corretta conoscenza, conservazione e informatizzazione del patrimonio fotografico, quanto nell’ideazione di strategie per la valorizzazione contestuale dei formati analogici e digitali.

Questa call for posters è dunque stata indirizzata a studiosi e operatori che hanno presentato proposte finalizzate alla presentazione di progetti di studio e lavori in corso presso fototeche e diateche dedicate alla documentazione del patrimonio storico-artistico e archeologico.
In particolare, i casi presentati rientrano nelle seguenti aree tematico-progettuali:
• indagini conoscitive e/o riordino di archivi fotografici o di specifici fondi storici;
•catalogazione del patrimonio fotografico;
• digitalizzazione dei formati analogici;
• interventi di conservazione o restauro dei formati analogici;
• valorizzazione dei formati analogici e/o digitali;
• strategie di fruizione dei formati digitali;
• diritto delle immagini per la fotografia storica di riproduzione e gli archivi di traduzione del patrimonio culturale.

Grazie a un programma ricco di interventi il convegno ha restituito una mappa degli studi attualmente in corso e ha proposto nuove possibili prospettive di indagine nel campo delle applicazioni tecnologiche al settore fotografico e storico – artistico.

SEZIONE POSTER

Roberta Acampora, Università di Napoli Federico II

Progettare la conservazione. Le diapositive su vetro del Fondo storico dell’Archivio Fotografico “Giovanni Previtali” del DSU

Michela Agazzi, Università Ca’ Foscari Venezia

Archivio Fototeca di Antonio Morassi. Dipartimento Filosofia e Beni culturali, Università Ca’ Foscari Venezia.

Alessandra Giovannini Luca, Università degli Studi di Torino

Arte in Piemonte e fotografia. La raccolta di Alessandro Baudi di Vesme.

Marisa Iori, Mario Mineo, Oscar Nalesini, Museo delle Civiltà di Roma

Gli archivi del Museo di Civilità di Roma.

Martina Massarente, Università degli Studi di Genova

Diapositive e materiali fotografici di Giusta Nicco Fasola. Progetto per una fototeca del DIRAAS: fasi di lavoro e prospettive future.

Maria Passaro, Università degli Studi di Salerno

La Fototeca del Dipartimento di Scienze del Patrimonio Culturale dell’Università degli Studi di Salerno.

Ilaria Schiaffini, Emanuela Iorio, Sapienza Università di Roma

L’Archivio Storico Fotografico del Dipartimento di Storia dell’arte dell’università La Sapienza di Roma.

Martina Visentin, Università degli Studi di Udine

Fondo fotografico Marchetti. Una mostra virtuale per la valorizzazione di un fondo inedito.

Si allega il programma dettagliato degli interventi

programma-lucis-impressio

La CritoTv del Corso di Critica giornalistica delle arti

La CritoTv del corso di Critica giornalistica delle arti

Un canale YouTube per giovani giornalisti digitali

Università degli Studi di Genova

Corso di Laurea Magistrale in Informazione ed Editoria

Docente: Prof. Maurizia Migliorini

Tutor: Chiara Capobianco, Martina Massarente, Maria Cecilia Reyes

Il corso di Critica giornalistica delle arti ha avuto tra gli obiettivi di quest’anno la ricerca e l’analisi di nuove strategie di comunicazione giornalistica digitale approfondendo il variare delle dinamiche dell’informazione, dalla nascita della Tv fino a You Tube (e alle nuove forme di comunicazione in rete).

Il corso ha toccato diversi punti fondamentali della storia della televisione per giungere all’indagine della comunicazione su internet. Particolare attenzione è stata riservata all’approfondimento di alcuni programmi culturali e alle figure di storici dell’arte che hanno lavorato a stretto contatto con il mondo del cinema e della televisione, tra i quali figurano Roberto Longhi e la sua collaborazione con il regista Umberto Barbaro e il ben noto Carlo Ludovico Ragghianti con i suoi Critofilm (ai quali è ispirato il titolo del corso).

Navigando tra le piattaforme multimediali e studiando le innovative modalità di presentazione di servizi e contenuti informativi on line, il corso ha introdotto gli studenti nel mondo della critica e del giornalismo contemporaneo. Sono inoltre state organizzate visite di gruppo alle mostre promosse dai Musei di Genova tra le quali si citano: Genova e il Medioevo, esposizione realizzata presso il Museo di Sant’Agostino; Andy Warhol. Pop Society; Helmut Newton – White Women, Sleepless nights, Big nudes entrambe a Palazzo Ducale.

Come introduzione ad autori ed esposizioni sono state strutturate lezioni specifiche finalizzate alla trasmissione di informazioni pratiche e di metodologie di approccio alla ricerca delle fonti, alla scrittura dei comunicati stampa, all’organizzazione di un servizio giornalistico e alla sua realizzazione (dalla scrittura del testo alla ripresa e al montaggio video).

Lo scopo del corso è stato quello di offrire agli studenti una panoramica del lavoro del giornalista e del DO IT YOURSELF ossia, della realizzazione di un prodotto multimediale interamente self made.

Al termine del corso sono state realizzate dagli studenti video-recensioni attualmente visibili sul canale You Tube appositamente creato come spazio di condivisione dei loro materiali.

Il progetto è un work in progress in costante arricchimento al quale ogni studente interessato è chiamato a collaborare liberamente.

La CritoTv: https://www.youtube.com/results?search_query=critica+giornalistica+delle+arti