« LE STATUT DU VERBE DANS LES DISCOURS SPÉCIALISÉS ENTRE THÉORIE ET PRATIQUE(S) » – UNIVERSITÉ DE PISE, 11 ET 12 AVRIL 2024

 

 

 

 

 

L’11 e 12 aprile 2024, nell’Aula Magna storica del Palazzo della Sapienza, si è tenuto il convegno internazionale intitolato “Le statut du verbe dans les discours spécialisés entre théorie et pratique(s). Questo evento ha avuto come obiettivo principale fare il punto sui più recenti sviluppi teorici e metodologici riguardanti il ruolo del verbo nei discorsi specializzati.

Nella terminologia, la dimensione concettuale ha privilegiato la categoria sintattica del nome (L’Homme, 2004). Solo negli ultimi anni è emerso un crescente interesse per il ruolo del verbo nell’analisi terminologica testuale e nella linguistica dei corpora.

Le tematiche previste per il convegno sono le seguenti:

  • Il ruolo del verbo nelle teorie terminologiche.
  • Verbi specializzati e linguistica di corpora.
  • Discorsi specializzati e traduzione automatica neuronale.
  • Fraseologia terminologica basata sui verbi.
  • Applicazioni terminografiche e lessicografiche specializzate.
  • Verbi specializzati metaforici.
  • Verbi e terminologia diacronica.

Tra i vari interventi, la dottoranda Giada D’Ippolito del 38° ciclo di Digital Humanities: Lingue, culture e tecnologie digitali dell’Università degli Studi di Genova, ha presentato una relazione intitolata: “Rôle et apport des verbes pour la construction et la modélisation de connaissances spécialisées du patrimoine muséal“. Questo lavoro, realizzato in collaborazione con la prof.ssa Micaela Rossi (Università degli Studi di Genova), la prof.ssa Cécile Frérot (Université Grenoble Alpes), la prof.ssa Caroline Djambian (Université Grenoble Alpes) e il dottorando Emrick Poncet (Universités de Saint Etienne e Grenoble Alpes), si inserisce nel contesto del progetto ITinHeritage (Djambian et al., 2023).

Il convegno ha rappresentato un momento di scambio proficuo tra dottorandi, docenti e ricercatori di tutto il mondo, sottolineando l’importanza del verbo come termine e unità specializzata, nonché come rappresentazione della conoscenza, particolarmente in domini specifici. Nell’ambito del progetto ITinHeritage, i verbi, in particolare, forniscono un significato diacronico e aiutano a identificare le relazioni tra i concetti.

Tra gli altri relatori figurano:

  • Marie-Claude L’Homme (Université de Montréal)
  • Danio Maldussi (Università degli Studi di Bergamo)
  • Maria Francesca Bonadonna (Università di Verona)
  • Sabrina Aulitto (Università di Napoli Federico II) & Pascaline Dury (Université Lyon 2)
  • Chiara Preite (Università di Modena e Reggio Emilia)
  • Badreddine Hamma (Université d’Orléans LLL), Lian Chen (Université d’Orléans, LLL) et Fabrice Menneteau (Bibliothèque Nationale de France,LLL)
  • Natalie Kübler – Université Sorbonne Paris Cité
  • Daniel Henkel (Université Paris 8) & Valeria Zotti (Università di Bologna)
  • Paolo Frassi (Università di Verona), Matteo Pessot (Università di Verona),
  • Gabriella Serrone (Università di Bari « Aldo Moro »)
  • Michela Tonti (Università degli Studi di Bergamo)
  • Mouna Cherni (Institut Supérieur des Langues de Tunis & Université d’Orléans)
  • Chems-Eddine Chiheb (Université de Bourgogne)

Le riflessioni emerse durante il convegno hanno evidenziato il ruolo cruciale del verbo come fonte di informazioni, rivelando la natura dei sostantivi nominali e descrivendo relazioni che altrimenti rimarrebbero inesplorate.

Questo convegno ha offerto un’opportunità unica per approfondire la comprensione del ruolo del verbo nella terminologia e per discutere delle ultime ricerche e metodologie in questo campo.

È prevista la pubblicazione degli atti del convegno sulla rivista Repères-Dorif durante l’anno accademico 2024/2025.

Programma

Lo Spazio della città tra socialità e performatività

Nella giornata di mercoledì 10 aprile, presso l’aula Benvenuto DAD della facoltà di Architettura, nell’ambito del corso di Visualizzazione dello Spazio Scenico tenuto dalla prof. Angela Zinno, è stata organizzata la giornata di studi dal titolo Lo Spazio della città tra socialità e performatività in collaborazione con il Falcone Teatro Universitario di Genova e con il patrocinio del CiVis.

A partire dall’introduzione del coordinatore del corso di laurea in Design Prodotto Evento, prof. Massimo Sale Musio, è stato chiaro fin da subito l’intento di questa giornata: riflettere sulle innumerevoli possibilità di descrizione dello spazio grazie alle intersezioni tra ambiti differenti che trattano il tema in oggetto. La componente spaziale infatti è analizzabile da prospettive di carattere artistico e tecnico e, nello specifico, in ambito ingegneristico e architettonico ma anche fisico, teatrale, performativo e sonoro.

La prima parte della mattinata ha visto succedersi tre interventi di natura differente per ambito e per approccio. Gli elementi di coesione tra le parti presenti sono state presentate dalla prof. Zinno la quale ha condiviso le modalità con cui la giornata è stata sviluppata: è essenziale riconoscere ad oggi la connessione fondamentale che lega ambiti apparentemente così distanti dal momento che si stanno aprendo nuovi confini tra design e arte performativa. Ci sono quindi elementi che devono essere presi in considerazione per poter sviluppare qualcosa di nuovo e considerare l’imprevisto che è poi l’elemento che garantisce la riuscita di un prodotto finale come nel design così nel teatro. Lo spazio scenico recupera quindi nuova linfa: coscienza dell’utenza e analisi di tutto ciò che occupa lo spazio. Il concetto dello spazio muta infatti nel tempo sino ad arrivare al momento in cui la parola spazio viene attribuita al concetto dell’infinito ma anche allo spazio emotivo, lo spazio fisico che viene condiviso.

Il primo intervento è firmato dalla prof. Gaia Leandri che ha descritto lo spazio cittadino di Genova con un’analisi dal titolo «Pietre e vuoti del medioevo genovese». Focus di questo, il concetto di vuoto spaziale: in una società oramai spesso terrorizzata dall’horror vacui che trova serenità (apparente) nella ricerca di costanti riempitivi intangibili, la prof. Leandri, con un percorso artistico-storiografico, ripercorre l’evoluzione degli spazi pubblici ed abitativi della città di Genova passando (letteralmente) attraverso le logge non più visibili ma presenti e ben nascoste nel capoluogo ligure, spazi che ad oggi ancora non sono totalmente scoperti e catalogati.

Ad un’analisi dello spazio dal punto di vista architettonico, segue l’intervento del prof. Roberto Cuppone dal titolo «Teatro, luogo dell’imminenza?»: una panoramica dello spazio teatrale in un’evoluzione architettonica ma indissolubilmente legata all’evoluzione dei valori in tale architetture contenute; un viaggio dal teatro di Pergamo passando per il teatro greco, ai teatri inglesi costruiti in legno senza alcuna pretesa di divenire testimonianza per i posteri, attraversando il teatro No giapponese fino al teatro di anatomia, scavalcando gli spazi cittadini sfruttati per le rappresentazioni delle passioni.

A chiudere gli interventi della mattinata, la presentazione di Monica Canu (DH PhD) dal titolo «Genova Sonora: tra acusma e letteratura», un confronto sull’importanza ed il valore della drammaturgia sonora e delle numerose possibilità di rappresentazione delle immagini visive trasformabili in immagini sonore per raccontare la città di Genova.

A chiudere la mattinata, Gaia Leandri e Angela Zinno in dialogo con Christian Spadarotto, presidente dell’Associazione ‘Via del Campo e Caruggi’. Partendo dai principi di performatività nello spazio, la riflessione è stata costruita a partire dalla constatazione della situazione attuale degli spazi del centro storico. Genova ed in particolare il suo secolare centro storico forniscono infatti una possibile interpretazioni dello spazio in una città diversificata, una visione artistica, storica, sonora parte di una descrizione molto più ampia che giunge a toccare ambiti come l’urbanistica e la sociologia.

Ciò che Spadarotto ha sottolineato è l’obiettivo di ‘Via del Campo e Caruggi’: ritrovarsi come associazione e ricostruire un tessuto sociale con progetti da condividere senza politicizzare quanto fatto, nella coscienza soprattutto di eterogeneità degli individui che vivono gli spazi. Genova, sostiene, appare disorganizzata, non riesce ad essere inclusiva: le piazze non vengono più frequentate. Il centro storico è un contenitore di anime che trasmettono emozioni e se si rallentasse si potrebbe capire quanto è fondamentale la sensibilità all’ascolto. Il contesto storico ci riporta a tempi lontani: Genova è storicamente una città di scambi, è un porto, è una città che parla. Spesso non si riconoscono i suoni e i luoghi ai quali sono attribuiti. Ciò che restituisce Genova, a prescindere dall’interlocutore, è sempre un arricchimento, una storia nuova. Sono fondamentali per il centro storico i momenti conviviali come una cena sociale, in cui l’atmosfera è sembrata una prima volta per tutti, un incontro di realtà, un’atmosfera famigliare che scardina le idee preconcette di un luogo. 

Sostiene però Spadarotto che le condizioni di queste zone hanno una ricaduta sul suo potenziale: nei vicoli è facile perdersi e il fattore paura è il motivo per il quale alcune zone vengono volontariamente esclusi da molti circuiti. La domanda è “perché nel Trecento il centro storico funzionava e adesso no?”

La sessione pomeridiana della giornata ha avuto il suo focus nello spazio performativo. Roberto Cuppone e Angela Zinno hanno dialogato con il Teatro Akropolis nelle figure di David Beronio (Direttore Artistico) e Clemente Tafuri (Direttore Artistico) che hanno presentato l’artista Claudio Angelini del Collettivo Città di Ebla. È stata occasione di confronto sul tema del teatro in relazione allo spazio architettonico e allo spazio della città. Akropolis nasce a Sestri Ponente quindi zona di periferia, si rivolge ad un tessuto e contesto diverso da quello solito del centro cittadino. Tuttavia, oltre le peculiarità dello spazio esterno ci sono anche quelle di quello interno: quando quindici anni fa quello spazio interno dovette essere ripensato, fu necessario immaginare (e progettare) lo spazio nella sua interezza quindi immaginazione e azione si sono fuse.

La seconda parte del pomeriggio, infine, è stata dedicata ad un fruttuoso e partecipato workshop a cura di Claudio Angelini dal titolo Spazio-presenza-azione – dialoghi spontanei sullo spazio pubblico. I presenti sono stati infatti definiti ‘cavie’ di una ricerca che, partendo dalla definizione di spazio pubblico e condividendo immagini, fotografie e citazioni ha sviluppato un ampio e diversificato dialogo sul tema dello spazio e della spazialità sfociando in questioni sociali, politiche ed economiche e da numerose riflessioni di natura davvero eterogenea.

Locandina

Locandina2

 

Monica Canu

New Music Writing Processes for Cinema (Prin2020, Prot. 2020XWWY3M)

Nella data di venerdì 2 febbraio 2024 si è svolta, presso l’aula Magna di via Balbi 2, una giornata dedicata ai risultati, sino ad ora raggiunti, all’interno del progetto New Music Writing Processes for Cinema (Prin2020, Prot. 2020XWWY3M).

La giornata, organizzata dalla prof.ssa Giada Viviani, ha visto la presenza dei più importanti musicologi nazionali e studiosi di audiovisivo presenti in sala e connessi a distanza: il progetto citato infatti vede la partecipazione di diverse unità accademiche tra cui l’ospitante Genova, alla quale si aggiungono Torino, Udine e Rovigo.

Le attività della giornata si sono suddivise tra la mattinata, dedicata al confronto attivo della tavola rotonda dei partecipanti, quindi la sessione pomeridiana in cui hanno esposto quanto ad oggi sviluppato, all’interno del progetto, gli assegnisti dott. Siel Agugliaro e dott. Daniele Peraro e la dottoranda Monica Canu.

La discussione della mattinata ha visto confrontarsi i presenti sul tema dell’archiviazione del processo compositivo della musica per film. Sono emerse criticità rispetto alla diffusa multi autorialità dei prodotti audio, sono state descritte le modalità con cui è necessario, ad oggi, indicare le fonti audio a livello archivistico, il problema della non uniformità nella denominazione dei differenti elementi presi in analisi, i rapporti che intercorrono tra formati analogici e digitali e come la diffusione dei secondi mantenga un fondamentale legame con i primi. La discussione ha inoltre messo in evidenzia il tema della postproduzione, in era digitale, dei prodotti audio, le difficoltà legate alla suddivisione delle mansioni nel processo di archiviazione dei documenti costitutivi della creazione compositiva e infine il tema dell’obsolescenza delle fonti.

La mattinata si è rivelata davvero soddisfacente per i presenti e per il denso contributo di nuove proposte metodologiche emerse dal collaborativo confronto.

La sessione pomeridiana si è rivelata preziosa occasione per gli autori dei tre interventi. Partendo da sei interviste a compositori per il cinema svolti dai ricercatori Agugliaro e Peraro, gli oratori hanno esposto i risultati sino ad ora raggiunti sul tema della ricerca. Sono state proposte infatti in questa sede questioni di carattere metodologico ed epistemologico. In particolare, le riflessioni avanzante riguardavano:

  • la ricerca del suono in  prospettiva storica. Il compositore, in epoca analogica, immaginava mentre oggi le tecnologie digitali permettono di sentire il timbro di uno strumento anche preliminarmente
  • la sperimentazione non è univoca: ogni compositore deve cimentarsi con le singole soluzioni adottate sulla standardizzazione
  • La complessità nel delineare i processi creativi all’interno della cinematografia.
  • La consapevolezza nell’approcciarsi ai nuovi strumenti digitali

Inoltre sono stati evidenziati alcuni dei fattori che influiscono sulla composizione e la produzione dei prodotti audiovisivi:

  • La definizione di un budget (necessario per affittare la sala registrazione e stipendiare i  collaboratori per missaggio oltre che i membri dell’orchestra) e l’impegno del compositore stesso che deve pensare a come gestire le spese
  • Il genere cinematografico: si rielabora il materiale preesistente ma dipende dal genere. Ad esempio i documentaristi lasciano maggior spazio alla composizione. Nei film di animazione ad esempio i tempi sono più dilatati dunque il compositore ha maggior tempo per riflettere.
  • Motivi drammaturgici: le indicazioni del regista influiscono sul compositore
  • In quale fase della produzione del film il compositore viene coinvolto? Alcuni fin da subito altri quando è espresso il soggetto altri ancora quando è stato girato il film e agiscono quindi sul film già montato.

Inoltre è stata svolto un lavoro in ambito metodologico individuando gli elementi del processo creativo in oggetto. 

La dottoranda ha avuto in questa occasione possibilità di descrivere parte del suo lavoro di ricerca in essere.

Partendo dall’analisi del progetto di Andrea Liberovici articolato tra Venezia Acustica e Acoustic Postcards Venice, si vuole proporre un’esplorazione del processo artistico per la creazione di una drammaturgia sonora. In collaborazione con il laboratorio permanente teatrale dell’Università di Genova Il Falcone, lavorando con gli studenti e sotto la supervisione del direttore artistico Angela Zinno (PhD) e del presidente (professor Roberto Cuppone), la dottoranda esplora e documenta i suoni distintivi e le atmosfere sonore uniche della città di Genova, catturando l’essenza acustica della sua cultura, dei suoi quartieri e dei suoi luoghi emblematici, promuovendo la consapevolezza e l’apprezzamento dei suoni urbani e dell’acusmatica vocale quali elementi essenziali dell’identità e della vita quotidiana della città, incoraggiando la riflessione dell’impatto del paesaggio sonoro per creare una drammaturgia sonora.

Obiettivo finale è la creazione di un podcast su piattaforma della radio universitaria UnigeRadio composto da 7 puntate. Durante la giornata di studi è stata presentata una demo della puntata 2 dal titolo Cechov. 

In questa occasione sono stati fondamentali gli apporti dei presenti in particolare dei discussant intervenuti tra cui Alessandro Cecchi, Maurizio Corbella, Marco Cosci, Roberto Cuppone, Giulia Ferdeghini, Ilario Meandri e Angela Zinno, presenti sia nelle fasi della mattina che nella sessione pomeridiana ai quali vanno i più sinceri ringraziamenti per il contributi offerti.

New Music Writing Processes for Cinema

 

Colloque jeunes chercheuses et chercheurs de R2DIP 2023 – Cergy, 18-19 dicembre 2023

Il 18 e 19 dicembre 2023, la CY Cergy Paris Université ha ospitato il convegno per giovani ricercatori e ricercatrici di R2DIP (Réseau de Recherches sur les Discours Institutionnels et Politiques), la rete universitaria di ricerca e analisi di discorsi istituzionali e politici che vede tra i suoi membri anche l’Università di Genova.

La rete R2DIP è nata nel 2014 dalla collaborazione di tre celebri ricercatori attivi nell’ambito dell’Analisi del Discorso Francese (ADF): Julien Longhi dell’Università di Cergy-Pontoise, Georges-Elia Sarfati dell’Università Ebraica di Gerusalemme e Nathalie Garric dell’Università di Nantes. Gli obiettivi di R2DIP sono la condivisione di lavori e buone pratiche tra i gruppi di ricerca associati e la promozione della ricerca universitaria sull’analisi del discorso.

Il primo convegno internazionale della rete fu organizzato nel 2015 e, da allora, si è trasformato in un appuntamento fisso, rinnovato quasi ogni anno. L’edizione 2023, intitolata Observables, Observant.e.s, Observés : construire et analyser des objets en analyse du discours, ha avuto come focus gli “osservabili” intesi, in senso lato, come gli oggetti di studio degli analisti del discorso, oggetti empirici quali parole, “formule” o costruzioni sintattiche caratterizzati da una natura ambivalente: da un lato, si tratta di dati sensibili e “concreti”, ma dall’altro, tali dati sono intrinsecamente “relazionali” perché dipendenti dalle condizioni di osservazione, dagli obiettivi della ricerca e dallo sguardo di chi li osserva e studia.

Il convegno, tenutosi presso il Site Cergy-Hirsch dell’Ateneo francese, è stato un’importante occasione di confronto per giovani dottorandi provenienti dalle università della rete (ma non solo), nonché un’opportunità per presentare i propri lavori, ricevere feedback da alcuni dei più eminenti linguisti attivi nell’ambito dell’ADF e ascoltare, durante le sessioni in plenaria, gli interventi di due ricercatrici più esperte e specializzate in questo campo: Claudia Cagninelli dell’Università di Milano e Nora Gattiglia dell’Università di Genova.

Oltre alla Dottoressa Gattiglia, per l’Ateneo genovese erano presenti anche Stefano Vicari, professore associato del Dipartimento di lingue e culture moderne, ed Elena Margherita Vercelli, dottoranda in Digital Humanities che ha tenuto una presentazione dal titolo Les représentations des réfugié.e.s des deux côtés des Alpes entre comparabilité des corpus et appropriation linguistique.

Gli scambi tra dottorandi, docenti e ricercatori si sono rivelati particolarmente fruttuosi e interessanti, anche in virtù della varietà e dell’interdisciplinarità che contraddistinguono le ricerche in ADF e che hanno marcato tanto i partecipanti – provenienti anche da background non propriamente “linguistici” – quanto le riflessioni – le quali hanno spaziato da questioni metodologiche, come la costruzione dei corpora, ad altre più etiche ed epistemologiche.  

Il programma completo delle due giornate è consultabile sul sito della rete a questo link.

XXXIII Convegno annuale dell’Associazione Italiana (Ass.I.Term) – “Terminologia del patrimonio culturale materiale e immateriale: analisi e approcci di studio” – Università L’Orientale di Napoli, 7 novembre 2023

Il 7 novembre 2023, presso il Palazzo Corigliano, sede dell’Università L’Orientale di Napoli, si è tenuto il XXXIII Convegno annuale dell’Associazione Italiana di Terminologia (Ass.I.Term).

L’evento, intitolato Terminologia del patrimonio culturale materiale e immateriale: analisi e approcci di studio, è stato promosso dal Dipartimento di Studi Letterari, Linguistici e Comparati dell’Università di Napoli L’Orientale, in collaborazione con la Rete di terminologia delle lingue romanze (REALITER), la Rete Lexicologie, Terminologie, Traduction (LTT) e l’Osservatorio di terminologie e politiche linguistiche (OTPL) dell’Università Cattolica del Sacro Cuore.

L’incontro ha generato uno spazio dinamico di dialogo e scambio di conoscenze tra docenti e ricercatori impegnati in progetti di ricerca innovativi su diverse aree tematiche correlate al contenuto del convegno.
Tra le principali spiccano gli studi linguistici, disciplinari e interdisciplinari in terminologia e l’elaborazione e diffusione dei dati terminologici. Inoltre, particolare rilevanza è stata data agli studi applicativi che includono la costruzione di terminologie, dizionari, ontologie e l’utilizzo di applicazioni informatiche per risorse terminologiche. Queste ultime spaziano dai sistemi di informazione alle biblioteche digitali specialistiche, dalla gestione delle conoscenze al web semantico.

In questo contesto, ben si è inserito il progetto ITinHeritage: Valorizzazione e mediazione del patrimonio culturale delle Tecnologie dell’Informazione. Promosso congiuntamente dall’Università di Genova e dall’Università di Grenoble-Alpes, il progetto è stato presentato durante il convegno dalla prof.ssa Caroline Djambian dell’Université Grenoble Alpe, la prof.ssa Micaela Rossi e la dottoranda di Digital Humanities Giada D’Ippolito, dell’Università di Genova.

In conclusione, il Convegno Ass.I.Term 2023 ha offerto uno sguardo approfondito sulle sfide e le opportunità legate alla terminologia nel contesto della rappresentazione e valorizzazione del patrimonio culturale.

Journée d’études internationale Horizons et enjeux de l’Analyse (et des analystes) du Discours : Trajectoires de recherche actuelles – Milano, 7 novembre 2023

Dal 21 settembre al 26 ottobre 2023, le ricercatrici Nora Gattiglia dell’Università di Genova e Claudia Cagninelli dell’Università di Milano hanno organizzato il ciclo di cinque seminari online L’Analisi del Discorso in Italia: trasmissioni, ibridazioni, traiettorie grazie alla collaborazione con il gruppo di ricerca AD – Do.Ri.F. Analyse du Discours, Argumentation, Rhétorique

L’obiettivo di questi incontri era proporre a un pubblico eterogeneo e non necessariamente esperto una riflessione su storia, ricezione, applicazione e (re)interpretazione dei principi teorici e metodologici dell’analisi del discorso di “scuola” francese (ADF) in Italia. Infatti, tale disciplina, che nasce e si situa all’intersezione tra campi di studi e di ricerca diversi (linguistica, sociologia e scienze della comunicazione, per citarne alcuni), riguarda le articolazioni tra un testo e un luogo sociale attraverso l’indagine delle modalità enunciative che legano l’uno all’altro e si presta dunque al dialogo inter- e pluri-disciplinare.

I cinque seminari hanno spaziato tra diversi argomenti e approcci teorico-metodologici dell’ADF e i relatori e le relatrici si sono soffermati in particolare su alcuni concetti fondanti per gli studi nell’ambito della francesistica e della linguistica in generale.

Di seguito vengono riportati i titoli e keynote speakers degli interventi:

  • Specificità dell’AD di tradizione francese – Paola Paissa (Università degli Studi di Torino) e Rachele Raus (Università Alma Mater di Bologna)
  • Enunciazione, polifonia, dialogismo – Francesco Attruia (Università degli Studi di Pisa) e Stefano Vicari (Università degli Studi di Genova)
  • Argomentazione, discorso politico e polemica – Silvia Modena (Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia) e Alida Maria Silletti (Università degli Studi di Bari)
  • Prospettive ibride dell’AD in Italia – Ilaria Cennamo (Università degli Studi di Torino) e Yannick Hamon (Università Ca’ Foscari Venezia)
  • Critical Discourse Analysis in Italia – Chiara Fedriani (Università degli Studi di Genova) e Chiara Zanchi (Università degli Studi di Pavia)

A conclusione del ciclo, il 7 novembre 2023, è stata organizzata presso l’Università degli Studi di Milano, la giornata di studi internazionale Horizons et enjeux de l’Analyse (et des analystes) du Discours : Trajectoires de recherche actuelles. Durante la giornata, sono intervenuti ricercatori di varie discipline, che hanno messo in luce ulteriori specificità e poliedricità dell’ADF.

Il programma della giornata è consultabile qui.

 

Rhythm, speed, path. Spatiotemporal, experiences narrative, poetry and drama. ENN7 + IGEL 2023 + ELIT. Monopoli, 26 – 30 settembre.

Dal 26 al 30 settembre 2023 presso il Museo Diocesano di Monopoli si sono svolti: il 7° convegno della ENN (European Narratology Network), il convegno annuale IGEL (International Society for the Empirical Study of Literature) e l’incontro finale del training network ELIT (Empirical Study of Literature Trainining Network). I tre convegni hanno abbracciato lo stesso tema (Rhythm, speed, path. Spatiotemporal, experiences narrative, poetry and drama) con l’obiettivo di offrire uno spazio di discussione multidisciplinare sul ruolo e sull’enactment dell’esperienza spazio-temporale in opere narrative, liriche e performative.

Il giorno 26 settembre ha visto l’incontro finale del network ELIT. ELIT mira a formare ricercatori innovativi e interdisciplinari nello studio empirico della letteratura. Ha sviluppato un programma che ruota attorno a una formazione integrativa enfatizzando la multidimensionalità dello studio dei processi di lettura. L’incontro finale ha visto le discussioni di dottorande/i le quali hanno discusso i propri lavori di ricerca acombinando approcci teorici con diversi metodi empirici. 

Lo stesso giorno ha visto l’avvio del convegno ENN, in parallelo alle discussioni ELIT. Questa giornata ha previsto un seminario dottorale che anticipava le discussioni nei panel paralleli. Le discussioni nel 1° panelhannop affrontato, precedute da due keynote speech, i seguenti temi: filmic style and devices; Digital spaces; epic constants and variants.

  • Keynote 1 ENN 
    Matías Martínez
    (University of Wuppertal, Germany)
    Borders of Narrative: Some recent challenges of Narrative Theory
    (26 settembre, 09:00 – 9:45)
  • Keynote 2 ENN 
    Stefania Sini
    (University of Eastern Piedmont, Italy)
    Energy spent in Orientation: Yuri Tynianov’s Motor-Forces Approach to Rhythm
    (26 settembre, 14:45 – 15:30)

Il giorno 27 settembre ha visto discutersi, dal 2° fino al 5° panel, i seguenti temi: The road across the media; Cognitve Narratology; Revisting key concepts; Diacrhonic narratology; Time and motion analysis; Sound and vision in reading poetry; Expansive experientiality in 21st-century storytelling; Ryhthmanalysis and narrative; Mapping Space; Narratological identity from antiquity to posthuman; Active readers.

Il giorno 28 settembre ha visto discutersi nella 6° sessione i seguenti temi: Women’s lives; Illustrating stories;  Displacement. Successivamente, una key note speech ha chiuso il convegno:

  • Keynote 3 ENN
    Evelyn Gius
    (Technical University Darmstadt, Germany)
    Time, Space, and Text: Perspectives from a Computational Narratology
    (28 settembre, 11:30 – 12:30 | Diocesan museum, ground floor)

Il giorno 28 settembre ha visto anche l’avvio del convegno IGEL. L’International Society for the Empirical Study of Literature (IGEL – Internationale Gesellschaft für Empirische Literaturwissenschaften), associazione nata in Germania, si propone di far progredire la ricerca letteraria empirica attraverso la cooperazione interdisciplinare e internazionale. La storia della società riflette una ricca tradizione di ricerca internazionale e interdisciplinare. Il convegno si è aperto con una keynote speech:

  • Keynot 1 IGEL
    Neil Cohn
    (Tilburg University, Netherlands)
    The Grammar of Visual Narrative
    (14:30 – 15:30)

La giornata è poi proseguita con una sessione di poster e una discussione nel 1° panel dei seguenti temi: The spatiotemporal in-between of music and language: poetry – ways to investigate phonemic paths, syllabic rhythmicity and metric phenomena; The virtual reality of literature, and literariness in vr; Narrative understanding.

Il giorno 29 settembre ha visto discutersi dal 2° al 4° panel i seguenti temi: Empirical ecocriticism and climate narratives or animal narratives; Reading and wellbeing; Computational models of literature; Digital reading experiences; The role of literature in life; Fictionality; Writing; Mind and others; Literary reading and the mind; Modelling emotions and narrative; the medium and its space.

Il giorno 30 ha visto discutersi nel 6° panel i seguenti temi: Reading poetry; Emotions arcs and audience response. Di seguito una keynote speech ha terminato il convegno IGEL:

  • Anežka Kuzmičová (Charles University, Czech Republic)
    Q methodology, a whole-person approach to story experience
    (Saturday 30th, 11:30 – 12:30)

Anche Naji Al Omleh, dottorando al secondo anno per il curriculum genovese Lingue, Culture e Tecnologie Digitali ha partecipato alla poster session con un poster dal titolo: Forms and Characteristics of The Unreliable Narrator in Reading “La Madre”.

LINK al programma dei convegni.
LINK all’associazione ENN.
LINK alla rete ELIT.
LINK all’associazione IGEL

XXVII Biennial AISNA Conference – “Vulnerabilities: Weaknesses, Threats, Resilience in the U.S.A. and in Global Perspective” – Narni, 21-23/09/2023

Dal 21 al 23 Settembre 2023 si è svolta a Narni (TR) presso l’Università di Perugia la ventisettesima edizione della conferenza biennale dell’Associazione Italiana di Studi Nord Americani, organizzata dal direttivo dell’associazione e dai coordinatori locali Alessandro Clericuzio (Università di Perugia) e Mirella Vallone (Università di Perugia).

Il tema di questa edizione è stato la vulnerabilità, declinata in termini di debolezze, minacce e resilienza con una prospettiva che ha messo in relazione gli Stati Uniti con l’arena globale. Particolare spazio è stato dato alle dicotomie come centro e periferia, domestico e
internazionale, domestico e selvaggio, ovvero a quelle definizioni spaziali che coinvolgono sia i vulnerabili che i forti all’interno di pratiche e fenomeni, la cui reciproca interazione, dialogo, confronto e contrasto ha costituito il focus di una buona parte degli elaborati proposti.

Di seguito gli interventi dei keynote speakers:

  • Jennifer Travis (St John’s University), “Threat Horizons: Vulnerability and Invulnerability in American Culture”;
  • Davis Roediger (University of Kansas), “Is the ‘White Worker’ in the US Unfathomable?: A Tribute to Howard Zinn”;
  • Giuseppe Nori (Università di Macerata), “As to the Men: Indoor Vulnerabilities in Emerson and Melville”;
  • Martha Fineman (Emory University School of Law), “Reasoning from the Body: Universal Vulnerability and Collective Responsibility”.

    Oltre alle sessioni plenarie dei keynote speakers, un ampio numero di panel (17) ha coperto varie declinazioni di vulnerabilità, toccando argomenti come la resilienza nelle narrative dei migranti e delle minoranze, la rappresentazione hollywoodiana delle debolezze americane, la fragilità del sogno californiano nell’immaginario collettivo, i recenti attacchi alla giustizia riproduttiva e, infine, debolezza e resilienza all’interno di narrazioni relative all’identità. All’interno di quest’ultimo panel, intitolato “Shaping an Image of the Self: Identity Formation as Resistance and Possibility” e coordinato da Anna Cadoni (Università di Roma 3) e Livia Bellardini (Università di Roma 3), è intervenuta anche Maria Ilaria Tonelli, dottoranda al primo anno del curriculum torinese Linguaggi, Letterature, Culture Straniere e Tecnologie, presentando un paper dal titolo “The Plot Against American Exceptionalism: Philip Roth’s Search for the American Identity and its Vulnerable Democracy” che elabora aspetti molto rilevanti di uno dei testi all’interno del corpus del suo progetto dottorale.
    E’ possibile consultare sul sito dell’associazione (link) il programma completo della conferenza.

Summer School – Seminario permanente di Narratologia VI 2023, Pegaso-Federico II-IULM. San Giorgio a Cremano, 5-8 settembre

Dal 5 al 8 settembre 2023 si è svolta la Summer School Seminario permanente di Narratologia VI 2023, presso la sede Villa Vannucchi dell’Universita Telematica Pegaso (San Giorgio a Cremano) organizzata in collaborazione con l’Università Federico II e l’Università IULM.

La Summer School è stata un’occasione per ripensare il quadro operativo della ricerca narratologica e verificare la fertilità degli incroci tra gli strumenti narratologici classici, la teoria dei generi compositivi, lo studio dei media e le prospettive metodologiche provenienti da retorica, stilistica, neurocognitivismo e cultural studies.

L’edizione 2023 ha esplorato come il sapere narratologico dialoga con tradizioni metodologiche focalizzate sulla consistenza linguistico-comunicativa della relazione letteraria, con la teoria e il sistema dei generi e infine con la dinamica dei media, che dalla rivoluzione industriale alla rivoluzione digitale è venuta conoscendo processi di integrazione e differenziazione molteplici, oltremodo influenti sulle forme e le possibilità della
narrazione. 

Il programma della summer school ha combinato sessioni di lezioni plenarie con sessioni laboratoriali dislocate lungo i primi tre giorni. Gli iscritti sono stati assegnati a un Tutor responsabile di uno dei laboratori seguiti. Tutor e iscritti sono stati chiamati a cooperare con per la costruzione di un intervento basato su uno spefico argomento di interesse contestuale ai temi del seminario. 

Qui di seguito il programma delle sessioni plenarie:

  • 5 settembre, ore 9.30-12.30
    Paolo Giovannetti (Università IULM, Milano), Le cornici della narratologia. Questioni di metodo e didattiche.
    Laura Neri (Università degli Studi di Milano), La dinamica delle voci in un genere ibrido: la prosa delle Operette morali di Giacomo Leopardi
  • 6 settembre, ore 9.30-12.30
    Silvia Contarini (Università degli Studi di Udine), La parola condizionata: forme dell’inattendibilità fra Tarchetti e Svevo
    Riccardo Castellana (Università degli Studi di Siena), Narratologia della finzione: lo strano caso della narrazione postuma
  • 7 settembre, ore 9.30-12.30
    Giancarlo Alfano (Università degli Studi di Napoli Federico II), Di fronte alla pagina: narrazione, fotografia, tipografia nell’opera di Sebald
    Pia Masiero (Università Ca’ Foscari Venezia), Gli uomini schifosi di David Foster Wallace tra pagina e schermo: due sistemi intenzionali a confronto

L’ultimo giornata (8 settembre) della summer school è stata impiegata per un confronto trasversale tra tutor, ricercatori e ricercatrici, avvenuto attraverso una comunicazione pubblica degli interventi elaborati durante il corso della summer school. 

Tra i partecipanti delle comunicazioni vi era anche il dottorando Naji Al Omleh, 37° ciclo del del percorso Digital Humanities: Lingue, culture e tecnologie digitali. Questi è intervenuto presentando uno componente analitica nel suo progetto di ricerca: Forme e caratteristiche dell’inattendibilità nella Trilogia della città di K. di Ágota Kristóf.

E’ prevista la pubblicazione degli atti del convegno durante l’anno accademico 2023/2024.

Per un confronto più approfondito con il programma della summer school si associa in allegato il bando.

di Naji Al Omleh.

 

HELSINKI DIGITAL HUMANITIES HACKATHON 2023 #DHH23 – Helsinki, 24/05–2/06

Si è tenuta a Helsinki, Finlandia, l’8° edizione della Summer School patrocinata dalle infrastrutture digitali CLARIN e DARIAH: l’Helsinki Digital Humanities Hackathon, un evento internazionale che accoglie candidature da tutta Europa e oltre.

La Summer School/Hackathon è un’opportunità per sviluppare, in un gruppo di ricerca interdisciplinare tematico, un vero e proprio progetto di ricerca dall’inizio alla fine nell’arco di 10 giorni. L’evento è rivolto a ricercatori e studenti di informatica, data science e discipline umanistiche e delle scienze sociali, per mostrare sul campo cosa è possibile ottenere attraverso tale fruttuosa collaborazione. Durante l’Hackathon, infatti, ogni gruppo sviluppa un tema tra quelli proposti dall’organizzazione, che quest’anno contava quattro diversi strand di ricerca tra:

  • Lettere: analizza i metadati epistolari (nomi e date dei mittenti/destinatari di lettere) di due importanti raccolte aggregate: la raccolta correspSearch, che comprende dati epistolari tedeschi dal XVII all’inizio del XX secolo, e la raccolta finlandese CoCo, che si concentra sul lungo materiale epistolare ottocentesco.
  • Interactional Dynamics of Online Discussion: volto a indagare quali strategie retoriche e strutturali utilizzano gli utenti di internet e dei Social Network, ad esempio per formare e trasmettere identità, sostenere i membri del gruppo nella conversazione e per deridere e respingere gli out-groups. I materiali di studio di casi hanno riguardato discussioni accese su questioni che vanno dalla politica dell’aborto, il fenomeno Incel e i dibattiti Twitter sui linciaggi in India e negli Stati Uniti.
  • Enlightening Illustrations: Analyzing the Role of Images in Early Modern Scientific Publications: a partire da un dataset di immagini (ECCO), il gruppo si interroga sulla comprensione generale del ruolo dell’illustrazione nell’editoria scientifica nel corso del XVIII secolo.

  • Parliament: Il gruppo si concentra sui dibattiti parlamentari nel Parlamento britannico, una delle più antiche assemblee rappresentative del mondo, dal XIX secolo ai giorni nostri. I dibattiti degli anni 2010 e 2020 con ricchi metadati e annotazioni linguistiche sono stati resi disponibili dal progetto CLARIN ERIC ParlaMint.

Lavorando insieme, formulano domande di ricerca rispetto a particolari set di dati, i partecipanti hanno sviluppato e applicato metodi e strumenti digitali, presentando infine il lavoro svolto sotto forma di poster.

Anche la dottoranda Selenia Anastasi, al secondo anno del curriculum genovese Lingue, Culture e Tecnologie Digitali, ha preso parte all’evento all’interno del gruppo di ricerca dedicato alle dinamiche di interazione e discussione online.

Link alla pagina dell’Evento

Semantic Web, Cultural Heritage, and Art Historical Knowledge: Conceptual Models, Ontologies, and Epistemological Implications – Màlaga, March 27-28

Si è svolto nella splendida cornice di Màlaga il seminario internazionale organizzato dall’Università di Màlaga e dall’iArtHis_Lab, con la collaborazioni del Museo Picasso Màlaga. La responsabile e ideatrice dell’evento, la Prof.ssa Nuria Rodríguez Ortega, è direttrice del Dipartimento di Storia dell’Arte dell’Università di Malaga e direttrice dello stesso iArtHis_Lab.

Nell’ambito dei progetti Andalex II e Complexhibit, il team di ricerca di iArtHis_Lab lavora allo sviluppo di OntoExhibit, un modello ontologico per il dominio del Cultural Heritage che aspira a dare un contributo all’avanzamento delle infrastrutture di ricerca del web semantico. OntoExhibit è sviluppata negli standard OWL2 e RDF, ed è stata progettata per consentire la rappresentazione, la pubblicazione, il consumo, l’accesso e il riutilizzo delle informazioni codificate semanticamente arricchite del dominio museale e delle pratiche discorsive e socio-comunicative associate.

Il seminario internazionale ha visto raccogliersi diverse figure, accademiche e professionali, provenienti da ogni parte d’Europa, con l’obiettivo di approfondire in particolare le implicazioni epistemologiche coinvolte nella costruzione di modelli concettuali e ontologie per i campi del patrimonio culturale: temporalità sfocate e ambigue, sovrapposizione e intreccio di livelli interpretativi, gerarchie concettuali post-antropocentriche, pregiudizi epistemologici e di genere, e convenzioni culturali incorporate nei modelli esistenti.

Il seminario riunisce un gruppo di esperti con una vasta esperienza nell’intersezione tra le tecnologie del web semantico e il campo culturale. Tra i relatori figurano: Fátima Díez-Platas, Professore Associato di Storia dell’Arte (Università di Santiago de Compostela), Nicola Carboni, Post-doctoral fellow (University of Geneve), Javier Pantoja (Responsabile Area Digitale Museo del Prado, Madrid), Ethienne Posthumus (FIZ Karlsruhe – Istituto Leibniz), Aldo Gangemi (University of Bologna, Italy), Andrea Vlachidis (University College London), Cesar Gonzalez-Perez, Staff Scientist presso l’Institute for Heritage Sciences (Incipit) (CSIC), Magdalena Tyżlik-Carver (she/her), Assistant Professor in comunicazione e cultura digitale e direttrice del Center for Critical Data Practices (University of Aarhus (DK)), Jorge Sebastián Lozano, Assistant Professor presso il Dipartimento di Storia dell’Arte (Universitat de València), Charles Van den Heuvel (University of Amsterdam) e Raúl Garcia Castro, Assistant Professor Senior presso l’Universidad Politécnica de Madrid (UPM).

Anche Selenia Anastasi, dottoranda al secondo anno per il curriculum genovese Lingue, Culture e Tecnologie Digitali è stata coinvolta come guest speaker nei due giorni di Workshop, con una relazione dal titolo Feminist Digital Humanities and The Semantic Web: Towards an Integrated Research Agenda.

Link alla pagina dell’Evento

 

CIPA2023 Symposium – Firenze, 26-30 giugno 2023

Dal 26 al 30 giugno si è tenuto a Firenze il 29° CIPA2023 Symposium “Documenting, Understanding, Preserving Cultural Heritage: Humanities and Digital technologies for Shaping the Future”, a cui ha partecipato come uditrice la dottoranda del XXXVIII° ciclo, Arch. Simonetta Acacia.

Nella prima giornata si sono svolta la cerimonia di apertura all’interno del Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio: sono state tenute le keynotes di Claudio Margottini e Mario Santana Quintero, oltre ad alcune premiazioni

In chiusura di giornata, è stato possibile partecipare alla digital performance “Il fregio di Ceppo” nella quale la Compagnia dell’Accademia Teatrale di Firenze ha messo in scena il fregio ceramico dello Spedale del Ceppo di Pistoia, seguendo una sceneggiatura generata da intelligenza artificiale e rielaborata dagli attori. I “tableau vivant” dinamici erano sincronizzati con la proiezione su sette schermi del fregio acquisito con fotogrammetria digitale dal Laboratorio Geco dell’Università di Firenze.

Le giornate successive sono state interessate dalla vera e propria attività congressuali, articolate in sessioni parallele, oltre ad ulteriori Keynotes (Paola Pisano, Sarah Kenderdine e, per lo sponsor Leica, Simone Oppici).

La dottoranda ha seguito le sessioni maggiormente pertinenti al suo tema di ricerca, riportate di seguito insieme all’indicazione di eventuali interventi di particolare interesse:

  1. VIRTUAL, AUGMENTED AND EXTENDED REALITY AND CULTURAL HERITAGE 3D REPRODUCTION 1-2-3
    • Krober and Bruschke, Introducing a multimodal dataset for the research of urban development
    • Kim, Designing an XR mobile guide application to communicate and interpret serial world heritage sites: a case study of Korea’s Seowon UNESCO world heritage site
    • Ferdani, Brancacci Chapel in Florence: surveying and real-time 3D simulation for conservation and communication purposes
    • Georgiadis, A workflow for validation and evaluation of a dynamic visualization platform for underground antiquities
    • Pavelka, Modern methods of documentation and visualization of historical mines in the UNESCO mining region in the Ore Mountains
    • Bono, Creating VR using a social virtual environment: Phygital exhibition at the Museum Passion in Sordevolo
    • Chen, The survey of the use of VR and AR at immovable tangible cultural heritage tourism
  2.  GEORES – 3D TECHNOLOGY SUPPORTING HERITAGE MANAGEMENT AND CONSERVATION 1-3
    • Tronconi and Gasparetto, What communication about heritage conservation? A challenge for digital documentation content
    • Galantucci, A rapid pipeline for periodic inspection and maintenance of architectural surfaces
  3. ARQUEOLOGICA 2.0 – DOCUMENTING ARCHAEOLOGICAL SITES 2
    • Freitas, Digital participation and heritage documentation: an interface for surveying attributes and values of architectural ruins in Laranjeiras, Brazil
    • Delpozzo, Bridging the gap: an open source GIS+BIM system for archaeological data. The case study of Altinum, Italy
    • Alby, Creation of a 3D reference model of an archaeological site from a large set of ground and UAV images
  4. ARTIFICIAL INTELLIGENCE AND DOCUMENTATION OF CULTURAL HERITAGE 1
    • Patrucco, Enhancing automation of heritage processes: generation of artificial training datasets from photogrammetric 3D models
  5. AI AND NeRF FOR 3D RECONSTRUCTION
    • Murtiyoso, Initial assessment on the use of state-of-the-art NeRF Neural Network 3D Reconstruction for heritage documentation
    • Häcki and Pfister, Crowd-sourced surveying for Building Archaeology: the potential of Structure from Motion (SfM) and Neural Radiance Fields (NeRF)
  6. DIGITAL TWINS, DATA MANAGEMENT, STANDARDS 2
    • Kuroczyński, Scientific reference model – defining standards, methodology and implementation of serious 3D models in archaeology, art and architecture history
    • Sancak, Photogrammetric model optimization in digitalization of architectural heritage: Yedikule Fortress
    • Teppati Losè, Designing the metric survey for built heritage documentation using 360° images and an online cloud-based platform
  7. NEW TECHNOLOGIES FOR NEW MUSEUMS ACCESSIBILITY
    • Kowalsky, From archives sources to virtual 3D reconstruction of military heritage – case study of Portowa Battery in Gdańsk
    • Jouan, Virtual representations in immersive environments to support cultural significance assessment
  8. TRAINING EXPERIENCES AND TECHNOLOGIES CHANGING EDUCATION 2
    • Muenster, Digital history education for pupils. First steps towards a teaching learning lab

Programma, presentazioni e proceedings, oltre ad altri contenuti, sono disponibili sulla webAPP realizzata appositamente per l’evento.

Il CIPA2023 Symposium è stata un’occasione di incontro, formazione e aggiornamento su tecnologie e procedure attualmente adottate a livello internazionale, nel campo del Cutural Heritage.

EDULEARN23 – 15th annual International Conference on Education and New Learning Technologies – Palma de Mallorca (Spain). 3rd – 5th of July, 2023.

La conferenza EDULEARN23, quest’anno svolta dal 3 al 5 luglio a Palma de Mallorca, fornisce una piattaforma per i professionisti coinvolti nell’istruzione e nelle nuove tecnologie di apprendimento per condividere conoscenza e acquisire una visione dello stato dell’arte delle attuali tecnologie, tecniche e soluzioni nell’istruzione e nelle nuove tecnologie di apprendimento così come sono state sviluppate e applicate in diversi paesi. I partecipanti provengono dalla ricerca e dal mondo accademico, ma anche dai settori industriali e dalle organizzazioni governative.
Il 3D Lab Factory dell’Università di Genova è stato presente con l’articolo “A proposal for a virtual reality method in language learning”, scritto dal dottorando Mario Vallarino e dal prof. Gianni Vercelli. Il lavoro presentato riguarda lo studio dell’approccio metodologico nell’applicazione di tecnologie immersive alla didattica a distanza delle lingue. Un aspetto ancora poco studiato in questo ambito è infatti l’uso della dimensione della profondità − caratteristica dei media immersivi − allo scopo di migliorare l’efficacia del processo di apprendimento. La Teoria dell’apprendimento multimediale di Richard Mayer ha studiato una metodologia al fine di utilizzare visione (canale visivo) e sonoro (canale verbale) nella maniera più efficace per generare apprendimento. Con la VR si può ipotizzare la presenza di un terzo canale oltre a quelli visivo e verbale: il canale cinestesico, che porta la profondità nel processo di apprendimento per favorire, in questo caso, l’apprendimento delle lingue.
In particolare, l’articolo presentato riguarda due prototipi di attività in VR realizzate con il software Unreal Engine per essere fruite tramite il visore Meta Quest 2, che sfruttano la cinestesia per migliorare la comprensione delle strutture grammaticali e la memorizzazione di parole nuove in lingua francese.

International Semantic Web Summer School (ISWS), Bertinoro (FC), 11-17 giugno 2023

Dal 11 al 17 giugno, la pittoresca cittadina di Bertinoro ha ospitato come ogni anno l’International Semantic Web Summer School 2023 (ISWS). Questa esperienza ha offerto ai partecipanti l’opportunità di interagire con esperti di spicco, di collaborare su problemi e progetti di ricerca e di creare connessioni durature all’interno della comunità del web semantico. Con una combinazione di lezioni intensive, sessioni interattive di lavoro di gruppo e attività sociali, ISWS 2023 ha incarnato lo spirito di creatività, metodologia, divertimento e rigore che caratterizza la futura generazione di ricercatori del web semantico.

I partecipanti hanno potuto godere di una serie di lezioni e keynote tenute da relatori di fama, i quali hanno fornito preziosi approfondimenti e prospettive sulle ultime innovazioni nel campo del web semantico, condividendo le loro conoscenze e le loro esperienze, trattando una vasta gamma di argomenti per una comprensione completa del campo e del suo potenziale contributo in diversi ambiti.

Due pomeriggi sono stati dedicati alla presentazione dei poster inerenti ai progetti di ricerca di ogni dottorando partecipante, avendo l’occasione così, di sponsorizzare il proprio lavoro e ascoltare i consigli forniti dagli esperti del settore. Anche la dottoranda dell’Università di Genova, Giada D’Ippolito, ha presentato il proprio progetto intitolato Museum ‘IT-The Museum of Information Technologies, for enhancement of digital heritage.

Una delle caratteristiche distintive dell’ ISWS è l’approccio Learning by doing. I partecipanti sono stati immersi in un programma di lavori di gruppo, in cui hanno collaborato su problemi di ricerca sotto la guida, dunque, dei tutor. Questa esperienza ha permesso di applicare le proprie conoscenze in un contesto concreto, stimolando il pensiero critico e le capacità di problem solving. L’opportunità di lavorare fianco a fianco a ricercatori affermati e sviluppare un articolo sul tema trattato, ha creato un ambiente dinamico per l’apprendimento, l’innovazione e la crescita personale.

Inoltre, tale Summer School si distingue per la partecipazione ad attività sociali , come gite di gruppo, eventi ricreativi e incontri informali che hanno creato un’atmosfera rilassata e di stimolo per lo sviluppo di relazioni sociali e collaborazioni che vanno al di là delle barriere geografiche e culturali.