Enabling the Arts for Community Health – Arts in Health International Symposium – Barcellona


Giovedì 23 e venerdì 24 febbraio 2023 si è tenuta a Barcellona, presso il Museu Nacional d’Art de Catalunya la conferenza ‘Enabling the Arts for Community Health’, organizzata dal Museo catalano, dall’Institut Català de la Salut (ICS) e da Arts in Health International Foundation (AiHIF). In queste giornate, il tema del binomio arte e benessere è stato discusso in modo estensivo, presentando progetti di varia natura il cui scopo era quello di esplorare le potenzialità dell’arte per migliorare il benessere, la salute e potenziare le cure e la ripresa di persone fragili, gruppi sociali emarginati e malati terminali. Questo il programma: https://ics.gencat.cat/web/.content/Assistencia/Arts-en-salut/Simposi_europeu_artsensalut/Programa-simposio-EACH-23-EN.pdf.

Anche alcuni componenti dell’Università di Genova hanno preso parte al convegno. Giovedì 23 febbraio la professoressa Antonella Poce ha presentato il progetto europeo Inclusive Memory, di cui con l’Università di Modena e Reggio Emilia è coordinatrice. Lo scopo del progetto è quello di creare percorsi inclusivi museali che possano incrementare il benessere, la salute e l’inclusione di gruppi sociali fragili, fornendo specifica formazione a professionisti del settore museale, sanitario, dell’educazione e della cura.

Nella giornata del 24 febbraio, la Professoressa Poce, insieme ai partners del progetto IM e la dottoranda Maria Tolaini, ha condotto un workshop dal titolo «Museums as inclusive spaces for health and Wellbeing’ participatory workshop». 36 persone, fra professionisti museali, infermieri, designer, assistenti sociali, arte-teraupeti e medici, sono state divise in due gruppi e hanno preso parte al workshop interattivo. L’intento del workshop era quello di comprendere l’opinione dei partecipanti riguardo l’utilizzo di strumenti digitali per migliorare il benessere del pubblico al museo. Dopo un giro di presentazione per conoscere il profilo dei partecipanti, la maggior parte dei partecipanti ha raccontato di utilizzare cellullare e computer per lavorare e comunicare, dimostrando diversi livelli di competenza. Ad ogni partecipante è stato poi chiesto di descrivere con una parola la relazione tra benessere e tecnologia. Parole come creatività, velocità, inclusione, apertura e immediatezza sono state citate, dimostrando una generale concezione positiva di questo binomio.



Citare questo post
Maria Tolaini (2023, 20 Marzo). Enabling the Arts for Community Health – Arts in Health International Symposium – Barcellona. Digital Humanities PhD. Recuperato il 30 Maggio 2024, da https://doi.org/10.58079/nlej

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.