Infrastructures of Racism and the Contours of Black Vitality and Resistance – Torino – 23-25 Marzo, 2023

Dal 23 al 25 Marzo 2023 presso il Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere e Culture Moderne dell’Università degli Studi di Torino si è svolta la conferenza internazionale Infrastructures of Racism and the Contours of Black Vitality and Resistance, organizzato da Sonia Di Loreto, Cristina Di Maio, Maria Ilaria Tonelli e Andrea Carosso nell’ambito del ciclo annuale “American Studies in Turin”.

La conferenza ha esplorato le infrastrutture continue e sistemiche del razzismo e la natura discriminatoria delle politiche degli spazi e delle tecniche di gestione della popolazione organizzata secondo linee razziali negli Stati Uniti. Il punto di ingresso in tale discussione è stata l’analisi dei sistemi materiali – le infrastrutture – come traccia tangibile dell’impatto istituzionale sulla vita dei soggetti racialized negli Stati Uniti, dal progetto della piantagione, alle varie iterazioni e fasi di istituzioni come manicomi, carceri, sistemi di welfare e scuole.

In questo senso, si è cercato in questa conferenza di immaginare un futuro abolizionista e quindi di riallinearsi verso i dibattiti in corso sulla personalità giuridica e le pratiche di cittadinanza. Gli interventi chiave e i paper inclusi nella conferenza di tre giorni hanno affrontato lo sviluppo e le risposte a questo problema multiforme e attuale nella cultura americana, dalla prospettiva di studi culturali, letterari e storici. In particolare, riportiamo gli interventi dei keynote speakers:

“Racial Capitalism and the Story of Sweetness: Milk, Sugar, Honey and the Food Chain” di Elizabeth Maddock Dillon (Northeastern University, USA)

“I’d Rather Get Out Of Jail Than Get $1,000,000” dell’artista interdisciplinare Nic[o] Brierre Aziz (USA)

“The Matter of Black Sentences” di Kevin E. Quashie (Brown University, USA)

“The Personal and the Political in African American Fiction of the Early Jim Crow Era” di M. Giulia Fabi (Università di Ferrara, Italy)

Alle lezioni dei keynote speakers sono seguiti panel che hanno affrontato diverse iterazioni di razzismo sistemico e di pratiche di resistenza. Tra i contributi, anche quello di Maria Ilaria Tonelli, dottoranda in Digital Humanities presso l’Università di Torino che ha presentato un intervento dal titolo “Refashioning American Philosophy: Harriet Jacobs’s Struggle as Organic Intellectual”.

L’evento ha anche esteso la sua portata oltre l’ambiente universitario per interagire con associazioni, enti e comunità locali (ASAI, ASGI, Camminare Insieme, Ufficio Pastorale Migranti) che quotidianamente si confrontano con il razzismo e le discriminazioni sistemiche, affinché le testimonianze delle loro lotte e dei loro successi potessero ispirare ulteriore cambiamento e coinvolgimento. Nello stesso spirito, l’evento ha incluso anche un workshop rivolto al pubblico incentrato sulle prassi antirazzista, in collaborazione con diversi licei torinesi e con la partecipazione di Nathasha Fernando (University of Westminster, UK), una delle autrici del podcast Sulla Razza (https://www.sullarazza.it/). Il workshop è stato moderato da Cristina Di Maio e Maria Ilaria Tonelli.



Citare questo post
mariailariatonelli (2023, 11 Maggio). Infrastructures of Racism and the Contours of Black Vitality and Resistance – Torino – 23-25 Marzo, 2023. Digital Humanities PhD. Recuperato il 31 Maggio 2024, da https://doi.org/10.58079/nleq

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.