LA MEMORIA DIGITALE – 12° EDIZIONE CONVEGNO ANNUALE AIUCD. SIENA, 5-7 GIUGNO 2023

Il consueto appuntamento annuale dell’Associazione per l’Informatica Umanistica e la Cultura Digitale si è svolto quest’anno a Siena dal 5 al 7 giugno 2023.

Il Convegno, organizzato dal Dipartimento di Filologia e critica delle letterature antiche e moderne (DFCLAM), dal Centro interuniversitario di Studi Comparati i Deug-su, con il supporto di CLARIN-IT, è stato realizzato in collaborazione con i Dipartimenti di Ingegneria dell’Informazione e Scienze Matematiche (DIISM), di Scienze sociali, politiche e cognitive (DISPOC) e di Scienze storiche e dei Beni Culturali (DSSBC) dell’Università degli Studi di Siena.

La conferenza AIUCD 2023 si è focalizzata sull’importante tema della memoria digitale. Durante questa conferenza, sono state esplorate diverse sfaccettature del topic, concentrandosi principalmente sulle forme della testualità e sull’organizzazione della conoscenza. Tuttavia, non sono stati trattati solamente questi aspetti, ma è stato possibile dare spazio a considerazioni trasversali a diversi ambiti.

La filologia digitale, ovvero lo studio delle opere e dei testi nel contesto digitale, è stato uno dei filoni chiave della conferenza. Sono state presentate riflessioni teoriche e metodologiche su come analizzare, interpretare e conservare testi digitali utilizzando strumenti e approcci computazionali.

Inoltre, è stata dedicata attenzione all’organizzazione e alla preservazione delle collezioni digitali, che comprendono sia materiali digitalizzati che contenuti nati digitalmente. Questo implica lo sviluppo di strategie efficaci per l’archiviazione, la catalogazione e l’accesso ai materiali digitali, nonché la conservazione a lungo termine di tali risorse preziose.

Un altro argomento centrale durante il convegno, attuale e di grande interesse, riguardava l’applicazione delle tecniche di Intelligenza Artificiale nell’ambito della memoria digitale. L’utilizzo di algoritmi avanzati e modelli di machine learning può consentire l’estrazione di informazioni significative dai dati digitali, facilitando l’analisi e l’interpretazione di grandi quantità di testo e immagini.

Infine, è stato affrontato anche il problema della conservazione del patrimonio digitale. Poiché sempre più informazioni e risorse culturali sono disponibili in formato digitale, sorge la necessità di garantirne la conservazione a lungo termine, evitando la perdita irreversibile di importanti testimonianze storiche e culturali.

La conferenza AIUCD 2023 ha fornito, quindi, un’importante occasione di scambio per la condivisione di conoscenze, esperienze e prospettive su questi argomenti cruciali, coinvolgendo studiosi, ricercatori e professionisti impegnati nel campo della memoria digitale e delle sue molteplici sfaccettature.

Anche l’Università di Genova ha attivamente preso parte al convegno, sia con il contributo dei dottorandi Selenia Anastasi e Daniele Zolezzi, dal titolo “Breaking the Canvas”: A Serious Game to challenge stereotypes in Visual Culture through Fine Arts, che della dottoranda Tiziana Pasciuto, la quale ha presentato un lavoro congiunto con il CNR-IMATI dal titolo GECA 3.0 – A new tool for cataloguing and enjoying cultural heritage.

Programma Convegno

Proceedings Convegno

di Anastasi Selenia, Pasciuto Tiziana, Zolezzi Daniele



Citare questo post
Tiziana Pasciuto (2023, 23 Giugno). LA MEMORIA DIGITALE – 12° EDIZIONE CONVEGNO ANNUALE AIUCD. SIENA, 5-7 GIUGNO 2023. Digital Humanities PhD. Recuperato il 30 Maggio 2024, da https://doi.org/10.58079/nlew

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.