Digital Humanities and Digital Communication: AI and (new) literacies – Summer School Digital Humanities 2023 UniMoRe. Modena, 12-16 giugno

Dal 12 al 16 giugno 2023, si è svolta presso la Fondazione Marco Biagi la Summer School Digital Humanities and Digital Communication: AI and (new) literacies dell’Università di Modena e Reggio Emilia (UniMoRe).

L’edizione 2023 ha esplorato il tema dell’alfabetizzazione all’Intelligenza Artificiale (IA) e i nuovi orizzonti intellettuali aperti da strumenti digitali quali ChatGPT e simili.

Alcune delle domande a cui si è tentato di rispondere durante le cinque giornate della Summer School hanno riguardato sfide e opportunità nel dialogo tra IA ed esseri umani: è possibile che l’IA intacchi le capacità e le competenze umane al punto da renderne alcune addirittura superflue? È possibile che limiti il nostro desiderio di pensare, scrivere o disegnare per il gusto di farlo? Oppure può l’IA essere un aiuto, un supporto, stimolando nuove forme di creatività umana e nuovi percorsi di ricerca?

Il programma ha combinato workshop e lezioni di relatori di fama internazionale con sessioni in cui i giovani ricercatori hanno avuto la possibilità di presentare il loro lavoro e ricevere un feedback dai relatori. Le lezioni si sono tenute sia in modalità tradizionale sia sotto forma di laboratori pratici, in cui i partecipanti hanno potuto sperimentare l’uso di diversi applicativi. Il clima di dialogo e di confronto ha permesso anche un proficuo e stimolante scambio di opinioni a livello interdisciplinare tra i dottorandi partecipanti.

Tra tutte le lezioni proposte, di particolare interesse per la loro trasversalità sono stati gli interventi di:

  • Naomi S. Baron dal titolo AI and Human Writing: Collaboration or Appropriation? che ha presentato l’Intelligenza Artificiale sia dal punto di vista storico sia da quello applicativo. La Professoressa dell’American University di Washington ha presentato e proposto una riflessione sull’IA, che può assumere alternativamente il ruolo di autore, di traduttore, così come di collaboratore nella produzione scritta.
  • John Bateman (University of Bremen) sul tema della Multimodalità, con la lecture Digital Humanities and the Challenge of Multimodality: dealing with non-textual materials e il workshop Capturing multimodal artefacts and performances: applying theory across scales and media.

Anche l’Università di Genova ha partecipato attivamente alla Summer School grazie ai contributi delle dottorande Chiara Storace ed Elena Margherita Vercelli, che hanno presentato i propri progetti, intitolati rispettivamente Civics in middle school: CLIL and Computational Thinking in the Center-West of Genoa e The Socio-discursive construction of ‘real’ and ‘fake’ refugees: a tool-based analysis of the representations of Ukrainian and Syrian exiles.

Il programma integrale è consultabile sul sito della Summer School

Processi di scrittura e riscrittura in letteratura e linguistica – Convegno del Dottorato in Studi Linguistici e Letterature Straniere. Pisa, 7-8 giugno 2023

Locandina convegno dottorale Processi di Scrittura e Riscrittura Pisa 7-8 giugno 2023

Nei giorni 7 e 8 giugno si è tenuta la conferenza dal titolo Processi di scrittura e riscrittura in letteratura e linguistica, prima edizione del convegno organizzato dal Dottorato in Discipline linguistiche e letterature straniere (DiLLes) dell’Università di Pisa.

L’evento si è articolato su due giornate: una dedicata alle relazioni di contenuto letterario e una incentrata sulle sessioni dal contenuto linguistico. Tema principale del convegno è stato la scrittura, intesa come una costruzione sociale che corrisponde a un oggetto in dinamica trasformazione. La produzione scritta è analizzabile da innumerevoli prospettive e questo ha permesso al convegno di raggruppare interventi interdisciplinari che hanno offerto stimolanti spunti di riflessione, nonché opportunità di confronto sia tra i giovani ricercatori sia tra i docenti presenti.

Durante le sessioni del convegno dottorale si sono susseguiti diversi argomenti, come, ad esempio, alcuni casi di riscrittura o di traduzione di opere letterarie di vario genere (dalla rappresentazione teatrale al mito), così come questioni di adattamento e di scrittura legata al discorso politico o all’opinione pubblica. Si è esplorato, poi, il rapporto tra letteratura e altri media, in particolare con il cinema e con i fumetti. La conferenza ha, inoltre, trattato alcune tematiche proprie delle Digital Humanities come la filologia di autore digitale, la cultural heritage e l’uso delle nuove tecnologie in ambito educativo e divulgativo. Non sono mancati, infine, gli interventi dal respiro internazionale, uno su tutti quello tenuto da Sameena Malik e Ahsan Chandio intitolato Detecting Writing Anxiety Factors among ESL Undergraduates.

Anche l’Università di Genova ha attivamente preso parte al convegno, con l’intervento della dottoranda Chiara Storace dal titolo Scrittura e videoscrittura, insegnare il Writing in classi con studenti con DSA nella scuola secondaria di secondo grado italiana, il quale si è andato ad inserire nella sessione dedicata alla didattica della scrittura in L1 e L2 e ai disturbi legati alla produzione scritta.

Programma Convegno

Didacta Italia 2023 – Firenze

https://fieradidacta.indire.it/it/

Da mercoledì 8 a venerdì 10 marzo 2023 si è tenuta la sesta edizione di Didacta Italia, l’appuntamento fieristico sull’innovazione nel mondo della scuola italiana che ogni anno trasforma Firenze nella capitale europea della scuola del futuro. Docenti, dirigenti e imprenditori del settore si riuniscono alla Fortezza da Basso creando un luogo non solo di incontro, ma anche di confronto per il mondo dell’educazione.

La manifestazione si rivolge a tutti i livelli di istruzione e formazione, con un format sviluppato su due piani: da un lato un area espositiva, dove le principali aziende della filiera della scuola mostrano i loro prodotti e presentano i loro servizi, dall’altro eventi formativi rivolti a insegnanti e dirigenti scolastici incentrati su diversi ambiti educativi (sport, formazione professionale, STEM, glottodidattica e molto altro). 

I workshop e i seminari organizzati da Didacta sono stati più di 150 ( il programma è disponibile qui ), toccando tout court tutti gli argomenti più caldi e dibattuti nell’ambiente scolastico: dallo sviluppo e l’innovazione delle metodologie didattiche, fino all’inserimento del coding nei differenti cicli di istruzione, con la certezza di riuscire ad intercettare in un modo o nell’altro l’interesse e la curiosità di tutte le figure coinvolte quotidianamente nel complesso circuito della scuola.

Di particolare interesse nell’ottica delle Digital Humanities sono stati gli incontri: 

  • Il coding in viaggio con Ulisse. Una storia epica!
    Relatore: Alessandro Suizzo, Insegnante di Lettere e vincitore del premio nazionale “Atlante 2018 – Italian Teacher Award”, indetto da Repubblica in collaborazione con United Network Europa.
    Il docente ha presentato un progetto che dimostra come il Coding si presti bene per un insegnamento coinvolgente, interdisciplinare e, soprattutto, trasversale, nonché adatto e adattabile a ogni livello di istruzione.
  • The future of language learning
    Relatrice: Joanna Paolinelli, Managing Director della British School di Pisa.
    L’incontro ha discusso di come l’approccio umanistico all’apprendimento delle lingue migliori non solo le competenze linguistiche, ma aiuti anche a sviluppare negli studenti atteggiamenti emotivamente positivi. Metodologie come il Project-based learning e il Task-based learning unite all’uso delle nuove tecnologie possono essere usate come strumento metacognitivo che rinforza l’idea del Learning by doing
  • Dal Videogame alla Visual Novel. Viaggio alla ricerca del buon gaming per la scuola
    Relatori: Marco Mazzaglia – Video Game Evangelist di Synesthesia e Docente al Politecnico di Torino; Fabio Di Nuzzo – Insegnante di Matematica di scuola secondaria di secondo grado
    Il convegno ha trattato la tematica dei Serious Games e della Gamification, discutendo delle possibilità offerte dal Flow state  all’apprendimento scolastico. È stata presentata, poi, una panoramica dei videogiochi, dei programmi e delle buone pratiche utilizzabili per ogni livello di istruzione.

Fiera Didacta Italia è organizzata da Firenze Fiera; il Ministero dell’Istruzione e del Merito, Didacta International, la Regione Toscana, Il Comune di Firenze, Unioncamere, la Camera di Commercio di Firenze, il Florence Convention & Visitors Bureau, ITKAM (Camera di Commercio Italiana per la Germania) compongono il comitato organizzatore; INDIRE è partner scientifico.