Enabling the Arts for Community Health – Arts in Health International Symposium – Barcellona


Giovedì 23 e venerdì 24 febbraio 2023 si è tenuta a Barcellona, presso il Museu Nacional d’Art de Catalunya la conferenza ‘Enabling the Arts for Community Health’, organizzata dal Museo catalano, dall’Institut Català de la Salut (ICS) e da Arts in Health International Foundation (AiHIF). In queste giornate, il tema del binomio arte e benessere è stato discusso in modo estensivo, presentando progetti di varia natura il cui scopo era quello di esplorare le potenzialità dell’arte per migliorare il benessere, la salute e potenziare le cure e la ripresa di persone fragili, gruppi sociali emarginati e malati terminali. Questo il programma: https://ics.gencat.cat/web/.content/Assistencia/Arts-en-salut/Simposi_europeu_artsensalut/Programa-simposio-EACH-23-EN.pdf.

Anche alcuni componenti dell’Università di Genova hanno preso parte al convegno. Giovedì 23 febbraio la professoressa Antonella Poce ha presentato il progetto europeo Inclusive Memory, di cui con l’Università di Modena e Reggio Emilia è coordinatrice. Lo scopo del progetto è quello di creare percorsi inclusivi museali che possano incrementare il benessere, la salute e l’inclusione di gruppi sociali fragili, fornendo specifica formazione a professionisti del settore museale, sanitario, dell’educazione e della cura.

Nella giornata del 24 febbraio, la Professoressa Poce, insieme ai partners del progetto IM e la dottoranda Maria Tolaini, ha condotto un workshop dal titolo «Museums as inclusive spaces for health and Wellbeing’ participatory workshop». 36 persone, fra professionisti museali, infermieri, designer, assistenti sociali, arte-teraupeti e medici, sono state divise in due gruppi e hanno preso parte al workshop interattivo. L’intento del workshop era quello di comprendere l’opinione dei partecipanti riguardo l’utilizzo di strumenti digitali per migliorare il benessere del pubblico al museo. Dopo un giro di presentazione per conoscere il profilo dei partecipanti, la maggior parte dei partecipanti ha raccontato di utilizzare cellullare e computer per lavorare e comunicare, dimostrando diversi livelli di competenza. Ad ogni partecipante è stato poi chiesto di descrivere con una parola la relazione tra benessere e tecnologia. Parole come creatività, velocità, inclusione, apertura e immediatezza sono state citate, dimostrando una generale concezione positiva di questo binomio.

Digital Culture & Heritage Talks – Timisoara Capitale della Cultura 2023

Venerdì 17 febbraio 2023 si è tenuta a Timisoara la conferenza “Digital Culture & Heritage Talks & XR Show with NFT launch” che ha dato avvio al ricco anno di eventi culturali organizzati a Timisoara, capitale della cultura 2023.

I temi discussi dalla conferenza organizzata da Universității Politehnica Timișoara (UPT) hanno riguardato i vari modi in cui le tecnologie digitali hanno contribuito alla creazione di nuove possibilità, stimolato innovazione nel campo culturale e permesso alle università e musei di dare avvio a nuovi sviluppi educativi e curatoriali. Esperti da tutta Europa hanno partecipato a questo evento ibrido, in presenza e on-line.

Anche alcuni componenti dell’Università di Genova hanno preso parte al convegno. La professoressa Antonella Poce ha presentato il progetto europeo Inclusive Memory, di cui con l’Università di Modena e Reggio Emilia è coordinatrice. La dottoranda Maria Tolaini insieme ad alcuni colleghi dell’Università della Sapienza sono intervenuti parlando della loro esperienza come vincitori del contest Spotligh Heritage 2021 e 2022 per studenti internazionali. Il contest Spotlight Heritage 2022 ha visto l’implementazione di esperienze di realtà virtuale ed aumentata al fine di valorizzare il quartiere Cetate di Timisoara. Gruppi di studenti internazionali provenienti dalle Università di Politehnica University di Timișoara, Aalborg University della Danimarca e l’Università di Modena e Reggio Emilia hanno collaborato alla realizzazione delle diverse esperienze che promuovevano i siti culturali di maggiore interesse del suddetto quartiere. Le università rumene e danesi si sono occupate della parte tecnologica, mentre quella italiana della creazione di contenuti di digital storytelling per la cultura. Nello specifico, la dottoranda Maria Tolaini ha collaborato alla realizzazione dell’esperienza di promozione culturale della Sinagoga del quartiere Cetate, contribuendo alla progettazione del design dell’esperienza e la creazione di contenuti testuali. Inoltre, in collaborazione con la collega Giulia Innocentini,  Silviu Berzescu (master’s student at the Politehnica University of Timișoara), Mikkel Sang Mee Baunsgaard (master’s student at the University of Aalborg, Denmark ) ha realizzato “Timisoara quest in XR”, esperienza di realtà virtuale dove gli utenti interagivano con alcuni oggetti del Museo Nazionale di Banat. 

Convegno Nazionale SIPED 2023 – Bologna

Da giovedì 2 a sabato 4 febbraio 2023 si è svolto il Convegno Nazionale della Società Italiana di Pedagogia (SIPED) a Bologna presso il Dipartimento di Scienze dell’Educazione dal titolo “Sistemi educativi, Orientamento, Lavoro”. Le giornate di studio hanno visto la partecipazione di più di 1000 studiosi e studiose provenienti da tutta Italia, che hanno affrontato il tema dell’educazione da molteplici punti di vista, dall’orientamento alla formazione al lavoro, dall’inclusione e benessere e all’innovazione digitale. 

I lavori della prima giornata, giovedì 2 febbraio, sono stati avviata dal presidente SIPED, il professor Malavasi, dal cardinale e arcivescovo Zuppi, dalla professoressa Iori e dalla professoressa Polenghi. Nel pomeriggio di giovedì si sono tenute le sessioni tematiche parallele junior.

Venerdì 3 febbraio sono proseguiti i lavori con gli interventi del professor Ara, professor Molari, professor Fabbri e del professor Malavasi. Nel pomeriggio di venerdì si sono tenute le sessioni tematiche parallele.

Nella mattinata di sabato 4 febbraio, il professor Simeone ha portato i saluti istituzionali e si sono svolte le ulteriori sessioni tematiche e tavole rotonde.

Anche alcuni componenti dell’Università di Genova hanno preso parte al convegno. La professoressa Antonella Poce ha partecipato come relatrice alla sessione tematica parallela del 3 febbraio “Inclusione, percorsi di autonomia (autodeterminazione), progettazione e lavoro. Prospettive di ricerca teorica e metodologica” con un contributo intitolato “Educazione, benessere e patrimonio per lo sviluppo sociale delle comunità di riferimento”. La dottoranda Maria Tolaini ha presentato nella sessione tematica Junior del 2 febbraio “Disegnare il futuro tra cura e benessere. Lavoro, orientamento, pratiche didattiche nei sistemi educativi per nuove cittadinanze” un contributo dal titolo “Promuovere inclusione e benessere attraverso l’apprendimento digitale delle lingue in contesti museali” basato sulla sua ricerca dottorale.