CIPA2023 Symposium – Firenze, 26-30 giugno 2023

Dal 26 al 30 giugno si è tenuto a Firenze il 29° CIPA2023 Symposium “Documenting, Understanding, Preserving Cultural Heritage: Humanities and Digital technologies for Shaping the Future”, a cui ha partecipato come uditrice la dottoranda del XXXVIII° ciclo, Arch. Simonetta Acacia.

Nella prima giornata si sono svolta la cerimonia di apertura all’interno del Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio: sono state tenute le keynotes di Claudio Margottini e Mario Santana Quintero, oltre ad alcune premiazioni

In chiusura di giornata, è stato possibile partecipare alla digital performance “Il fregio di Ceppo” nella quale la Compagnia dell’Accademia Teatrale di Firenze ha messo in scena il fregio ceramico dello Spedale del Ceppo di Pistoia, seguendo una sceneggiatura generata da intelligenza artificiale e rielaborata dagli attori. I “tableau vivant” dinamici erano sincronizzati con la proiezione su sette schermi del fregio acquisito con fotogrammetria digitale dal Laboratorio Geco dell’Università di Firenze.

Le giornate successive sono state interessate dalla vera e propria attività congressuali, articolate in sessioni parallele, oltre ad ulteriori Keynotes (Paola Pisano, Sarah Kenderdine e, per lo sponsor Leica, Simone Oppici).

La dottoranda ha seguito le sessioni maggiormente pertinenti al suo tema di ricerca, riportate di seguito insieme all’indicazione di eventuali interventi di particolare interesse:

  1. VIRTUAL, AUGMENTED AND EXTENDED REALITY AND CULTURAL HERITAGE 3D REPRODUCTION 1-2-3
    • Krober and Bruschke, Introducing a multimodal dataset for the research of urban development
    • Kim, Designing an XR mobile guide application to communicate and interpret serial world heritage sites: a case study of Korea’s Seowon UNESCO world heritage site
    • Ferdani, Brancacci Chapel in Florence: surveying and real-time 3D simulation for conservation and communication purposes
    • Georgiadis, A workflow for validation and evaluation of a dynamic visualization platform for underground antiquities
    • Pavelka, Modern methods of documentation and visualization of historical mines in the UNESCO mining region in the Ore Mountains
    • Bono, Creating VR using a social virtual environment: Phygital exhibition at the Museum Passion in Sordevolo
    • Chen, The survey of the use of VR and AR at immovable tangible cultural heritage tourism
  2.  GEORES – 3D TECHNOLOGY SUPPORTING HERITAGE MANAGEMENT AND CONSERVATION 1-3
    • Tronconi and Gasparetto, What communication about heritage conservation? A challenge for digital documentation content
    • Galantucci, A rapid pipeline for periodic inspection and maintenance of architectural surfaces
  3. ARQUEOLOGICA 2.0 – DOCUMENTING ARCHAEOLOGICAL SITES 2
    • Freitas, Digital participation and heritage documentation: an interface for surveying attributes and values of architectural ruins in Laranjeiras, Brazil
    • Delpozzo, Bridging the gap: an open source GIS+BIM system for archaeological data. The case study of Altinum, Italy
    • Alby, Creation of a 3D reference model of an archaeological site from a large set of ground and UAV images
  4. ARTIFICIAL INTELLIGENCE AND DOCUMENTATION OF CULTURAL HERITAGE 1
    • Patrucco, Enhancing automation of heritage processes: generation of artificial training datasets from photogrammetric 3D models
  5. AI AND NeRF FOR 3D RECONSTRUCTION
    • Murtiyoso, Initial assessment on the use of state-of-the-art NeRF Neural Network 3D Reconstruction for heritage documentation
    • Häcki and Pfister, Crowd-sourced surveying for Building Archaeology: the potential of Structure from Motion (SfM) and Neural Radiance Fields (NeRF)
  6. DIGITAL TWINS, DATA MANAGEMENT, STANDARDS 2
    • Kuroczyński, Scientific reference model – defining standards, methodology and implementation of serious 3D models in archaeology, art and architecture history
    • Sancak, Photogrammetric model optimization in digitalization of architectural heritage: Yedikule Fortress
    • Teppati Losè, Designing the metric survey for built heritage documentation using 360° images and an online cloud-based platform
  7. NEW TECHNOLOGIES FOR NEW MUSEUMS ACCESSIBILITY
    • Kowalsky, From archives sources to virtual 3D reconstruction of military heritage – case study of Portowa Battery in Gdańsk
    • Jouan, Virtual representations in immersive environments to support cultural significance assessment
  8. TRAINING EXPERIENCES AND TECHNOLOGIES CHANGING EDUCATION 2
    • Muenster, Digital history education for pupils. First steps towards a teaching learning lab

Programma, presentazioni e proceedings, oltre ad altri contenuti, sono disponibili sulla webAPP realizzata appositamente per l’evento.

Il CIPA2023 Symposium è stata un’occasione di incontro, formazione e aggiornamento su tecnologie e procedure attualmente adottate a livello internazionale, nel campo del Cutural Heritage.

Esperienze di VR/AR/IR a Roma

Dal 17 al 19 aprile 2023 si è svolto il viaggio-studio a Roma organizzato dalla Scuola di Specializzazione in Beni Architettonici e del Paesaggio, dal Laboratorio di progettazione per il restauro e la valorizzaione del patrimonio culturale (docenti Prof. Arch. S.F. Musso, Ing. S. Podestà) e dal corso di Riqualificazione e riuso del patrimonio recente (docente Prof.ssa Arch. G. Franco) dell’Università degli Studi di Genova, a cui ha partecipato anche la dottoranda del XXXVIII° ciclo, Arch. Simonetta Acacia.

Il viaggio ha previsto, nelle prime due giornate, la visita di cantieri di restauro e consolidamento statico all’interno del Parco archeologico del Colosseo (https://parcocolosseo.it/) – di cui l’Ing. Podestà è progettista e direttore dei lavori per le opere strutturali – e la visita alla Domus Aurea neroniana; nella terza giornata, invece, è stato visitato il quartiere Flaminio, con tappe presso alcuni edifici realizzati in occasione delle Olimpiadi di Roma 1960, l’Auditorium Parco della Musica (https://www.auditorium.com/) e il MAXXI – Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo (https://www.maxxi.art/).

Il viaggio-studio è stato interessante non solo dal punto di vista architettonico, ma anche per quanto riguarda le tecnologie digitali adottate per la valorizzazione del patrimonio culturale. Si segnalano in particolare le seguenti esperienze:

  • Museo del Palatino: decorazione di volta dipinta reintegrata tramite video-mapping;
Museo del Palatino – decorazione di volta ricostruita tramite video-mapping
  • Chiesa di Santa Maria Antiqua (*): ricostruzione della decorazione parietale tramite video-mapping, integrato da testi descrittivi e sottofondo musicale; schermi video con ulteriori informazioni e ricostruzioni grafiche del manufatto architettonico;
Santa Maria Antiqua – video-mapping
  • Chiesa di San Pietro in Vincoli: realtà aumentata tramite l’app SPiVAR sviluppata da Land S.r.l. – Roma;
San Pietro in Vincoli – l’app SPiVAR installata su dispositivo mobile
  • Domus Aurea: proiezione emozionale nella galleria di accesso (*); lungo il percorso, illuminazione variabile (allestimento, simulazione luce naturale originaria, simulazione luce delle fiaccole al momento della riscoperta del sito); realtà immersiva nella Sala della volta dorata, tramite Oculus con audio (*); simulazione cascata d’acqua tramite video-mapping nella Sala ottagonale (*).
Domus Aurea – postazioni per esperienza di realtà immersiva allestite nella Sala della volta dorata; dispositivo Oculus indossato da una visitatrice

Le diverse esperienze di VR/AR/IR sperimentate hanno offerto un ampio ventaglio di soluzioni attualmente adottate per la valorizzazione di beni culturali di primaria importanza. La maggior parte di esse si è rivelata coinvolgente per l’utente ed efficace nel veicolare contenuti culturali.

(*) Esperienze realizzate da Progetto Katatexilux (https://www.katatexilux.com/).