Colloque jeunes chercheuses et chercheurs de R2DIP 2023 – Cergy, 18-19 dicembre 2023

Il 18 e 19 dicembre 2023, la CY Cergy Paris Université ha ospitato il convegno per giovani ricercatori e ricercatrici di R2DIP (Réseau de Recherches sur les Discours Institutionnels et Politiques), la rete universitaria di ricerca e analisi di discorsi istituzionali e politici che vede tra i suoi membri anche l’Università di Genova.

La rete R2DIP è nata nel 2014 dalla collaborazione di tre celebri ricercatori attivi nell’ambito dell’Analisi del Discorso Francese (ADF): Julien Longhi dell’Università di Cergy-Pontoise, Georges-Elia Sarfati dell’Università Ebraica di Gerusalemme e Nathalie Garric dell’Università di Nantes. Gli obiettivi di R2DIP sono la condivisione di lavori e buone pratiche tra i gruppi di ricerca associati e la promozione della ricerca universitaria sull’analisi del discorso.

Il primo convegno internazionale della rete fu organizzato nel 2015 e, da allora, si è trasformato in un appuntamento fisso, rinnovato quasi ogni anno. L’edizione 2023, intitolata Observables, Observant.e.s, Observés : construire et analyser des objets en analyse du discours, ha avuto come focus gli “osservabili” intesi, in senso lato, come gli oggetti di studio degli analisti del discorso, oggetti empirici quali parole, “formule” o costruzioni sintattiche caratterizzati da una natura ambivalente: da un lato, si tratta di dati sensibili e “concreti”, ma dall’altro, tali dati sono intrinsecamente “relazionali” perché dipendenti dalle condizioni di osservazione, dagli obiettivi della ricerca e dallo sguardo di chi li osserva e studia.

Il convegno, tenutosi presso il Site Cergy-Hirsch dell’Ateneo francese, è stato un’importante occasione di confronto per giovani dottorandi provenienti dalle università della rete (ma non solo), nonché un’opportunità per presentare i propri lavori, ricevere feedback da alcuni dei più eminenti linguisti attivi nell’ambito dell’ADF e ascoltare, durante le sessioni in plenaria, gli interventi di due ricercatrici più esperte e specializzate in questo campo: Claudia Cagninelli dell’Università di Milano e Nora Gattiglia dell’Università di Genova.

Oltre alla Dottoressa Gattiglia, per l’Ateneo genovese erano presenti anche Stefano Vicari, professore associato del Dipartimento di lingue e culture moderne, ed Elena Margherita Vercelli, dottoranda in Digital Humanities che ha tenuto una presentazione dal titolo Les représentations des réfugié.e.s des deux côtés des Alpes entre comparabilité des corpus et appropriation linguistique.

Gli scambi tra dottorandi, docenti e ricercatori si sono rivelati particolarmente fruttuosi e interessanti, anche in virtù della varietà e dell’interdisciplinarità che contraddistinguono le ricerche in ADF e che hanno marcato tanto i partecipanti – provenienti anche da background non propriamente “linguistici” – quanto le riflessioni – le quali hanno spaziato da questioni metodologiche, come la costruzione dei corpora, ad altre più etiche ed epistemologiche.  

Il programma completo delle due giornate è consultabile sul sito della rete a questo link.

HELSINKI DIGITAL HUMANITIES HACKATHON 2023 #DHH23 – Helsinki, 24/05–2/06

Si è tenuta a Helsinki, Finlandia, l’8° edizione della Summer School patrocinata dalle infrastrutture digitali CLARIN e DARIAH: l’Helsinki Digital Humanities Hackathon, un evento internazionale che accoglie candidature da tutta Europa e oltre.

La Summer School/Hackathon è un’opportunità per sviluppare, in un gruppo di ricerca interdisciplinare tematico, un vero e proprio progetto di ricerca dall’inizio alla fine nell’arco di 10 giorni. L’evento è rivolto a ricercatori e studenti di informatica, data science e discipline umanistiche e delle scienze sociali, per mostrare sul campo cosa è possibile ottenere attraverso tale fruttuosa collaborazione. Durante l’Hackathon, infatti, ogni gruppo sviluppa un tema tra quelli proposti dall’organizzazione, che quest’anno contava quattro diversi strand di ricerca tra:

  • Lettere: analizza i metadati epistolari (nomi e date dei mittenti/destinatari di lettere) di due importanti raccolte aggregate: la raccolta correspSearch, che comprende dati epistolari tedeschi dal XVII all’inizio del XX secolo, e la raccolta finlandese CoCo, che si concentra sul lungo materiale epistolare ottocentesco.
  • Interactional Dynamics of Online Discussion: volto a indagare quali strategie retoriche e strutturali utilizzano gli utenti di internet e dei Social Network, ad esempio per formare e trasmettere identità, sostenere i membri del gruppo nella conversazione e per deridere e respingere gli out-groups. I materiali di studio di casi hanno riguardato discussioni accese su questioni che vanno dalla politica dell’aborto, il fenomeno Incel e i dibattiti Twitter sui linciaggi in India e negli Stati Uniti.
  • Enlightening Illustrations: Analyzing the Role of Images in Early Modern Scientific Publications: a partire da un dataset di immagini (ECCO), il gruppo si interroga sulla comprensione generale del ruolo dell’illustrazione nell’editoria scientifica nel corso del XVIII secolo.

  • Parliament: Il gruppo si concentra sui dibattiti parlamentari nel Parlamento britannico, una delle più antiche assemblee rappresentative del mondo, dal XIX secolo ai giorni nostri. I dibattiti degli anni 2010 e 2020 con ricchi metadati e annotazioni linguistiche sono stati resi disponibili dal progetto CLARIN ERIC ParlaMint.

Lavorando insieme, formulano domande di ricerca rispetto a particolari set di dati, i partecipanti hanno sviluppato e applicato metodi e strumenti digitali, presentando infine il lavoro svolto sotto forma di poster.

Anche la dottoranda Selenia Anastasi, al secondo anno del curriculum genovese Lingue, Culture e Tecnologie Digitali, ha preso parte all’evento all’interno del gruppo di ricerca dedicato alle dinamiche di interazione e discussione online.

Link alla pagina dell’Evento

Semantic Web, Cultural Heritage, and Art Historical Knowledge: Conceptual Models, Ontologies, and Epistemological Implications – Màlaga, March 27-28

Si è svolto nella splendida cornice di Màlaga il seminario internazionale organizzato dall’Università di Màlaga e dall’iArtHis_Lab, con la collaborazioni del Museo Picasso Màlaga. La responsabile e ideatrice dell’evento, la Prof.ssa Nuria Rodríguez Ortega, è direttrice del Dipartimento di Storia dell’Arte dell’Università di Malaga e direttrice dello stesso iArtHis_Lab.

Nell’ambito dei progetti Andalex II e Complexhibit, il team di ricerca di iArtHis_Lab lavora allo sviluppo di OntoExhibit, un modello ontologico per il dominio del Cultural Heritage che aspira a dare un contributo all’avanzamento delle infrastrutture di ricerca del web semantico. OntoExhibit è sviluppata negli standard OWL2 e RDF, ed è stata progettata per consentire la rappresentazione, la pubblicazione, il consumo, l’accesso e il riutilizzo delle informazioni codificate semanticamente arricchite del dominio museale e delle pratiche discorsive e socio-comunicative associate.

Il seminario internazionale ha visto raccogliersi diverse figure, accademiche e professionali, provenienti da ogni parte d’Europa, con l’obiettivo di approfondire in particolare le implicazioni epistemologiche coinvolte nella costruzione di modelli concettuali e ontologie per i campi del patrimonio culturale: temporalità sfocate e ambigue, sovrapposizione e intreccio di livelli interpretativi, gerarchie concettuali post-antropocentriche, pregiudizi epistemologici e di genere, e convenzioni culturali incorporate nei modelli esistenti.

Il seminario riunisce un gruppo di esperti con una vasta esperienza nell’intersezione tra le tecnologie del web semantico e il campo culturale. Tra i relatori figurano: Fátima Díez-Platas, Professore Associato di Storia dell’Arte (Università di Santiago de Compostela), Nicola Carboni, Post-doctoral fellow (University of Geneve), Javier Pantoja (Responsabile Area Digitale Museo del Prado, Madrid), Ethienne Posthumus (FIZ Karlsruhe – Istituto Leibniz), Aldo Gangemi (University of Bologna, Italy), Andrea Vlachidis (University College London), Cesar Gonzalez-Perez, Staff Scientist presso l’Institute for Heritage Sciences (Incipit) (CSIC), Magdalena Tyżlik-Carver (she/her), Assistant Professor in comunicazione e cultura digitale e direttrice del Center for Critical Data Practices (University of Aarhus (DK)), Jorge Sebastián Lozano, Assistant Professor presso il Dipartimento di Storia dell’Arte (Universitat de València), Charles Van den Heuvel (University of Amsterdam) e Raúl Garcia Castro, Assistant Professor Senior presso l’Universidad Politécnica de Madrid (UPM).

Anche Selenia Anastasi, dottoranda al secondo anno per il curriculum genovese Lingue, Culture e Tecnologie Digitali è stata coinvolta come guest speaker nei due giorni di Workshop, con una relazione dal titolo Feminist Digital Humanities and The Semantic Web: Towards an Integrated Research Agenda.

Link alla pagina dell’Evento

 

EDULEARN23 – 15th annual International Conference on Education and New Learning Technologies – Palma de Mallorca (Spain). 3rd – 5th of July, 2023.

La conferenza EDULEARN23, quest’anno svolta dal 3 al 5 luglio a Palma de Mallorca, fornisce una piattaforma per i professionisti coinvolti nell’istruzione e nelle nuove tecnologie di apprendimento per condividere conoscenza e acquisire una visione dello stato dell’arte delle attuali tecnologie, tecniche e soluzioni nell’istruzione e nelle nuove tecnologie di apprendimento così come sono state sviluppate e applicate in diversi paesi. I partecipanti provengono dalla ricerca e dal mondo accademico, ma anche dai settori industriali e dalle organizzazioni governative.
Il 3D Lab Factory dell’Università di Genova è stato presente con l’articolo “A proposal for a virtual reality method in language learning”, scritto dal dottorando Mario Vallarino e dal prof. Gianni Vercelli. Il lavoro presentato riguarda lo studio dell’approccio metodologico nell’applicazione di tecnologie immersive alla didattica a distanza delle lingue. Un aspetto ancora poco studiato in questo ambito è infatti l’uso della dimensione della profondità − caratteristica dei media immersivi − allo scopo di migliorare l’efficacia del processo di apprendimento. La Teoria dell’apprendimento multimediale di Richard Mayer ha studiato una metodologia al fine di utilizzare visione (canale visivo) e sonoro (canale verbale) nella maniera più efficace per generare apprendimento. Con la VR si può ipotizzare la presenza di un terzo canale oltre a quelli visivo e verbale: il canale cinestesico, che porta la profondità nel processo di apprendimento per favorire, in questo caso, l’apprendimento delle lingue.
In particolare, l’articolo presentato riguarda due prototipi di attività in VR realizzate con il software Unreal Engine per essere fruite tramite il visore Meta Quest 2, che sfruttano la cinestesia per migliorare la comprensione delle strutture grammaticali e la memorizzazione di parole nuove in lingua francese.

International Semantic Web Summer School (ISWS), Bertinoro (FC), 11-17 giugno 2023

Dal 11 al 17 giugno, la pittoresca cittadina di Bertinoro ha ospitato come ogni anno l’International Semantic Web Summer School 2023 (ISWS). Questa esperienza ha offerto ai partecipanti l’opportunità di interagire con esperti di spicco, di collaborare su problemi e progetti di ricerca e di creare connessioni durature all’interno della comunità del web semantico. Con una combinazione di lezioni intensive, sessioni interattive di lavoro di gruppo e attività sociali, ISWS 2023 ha incarnato lo spirito di creatività, metodologia, divertimento e rigore che caratterizza la futura generazione di ricercatori del web semantico.

I partecipanti hanno potuto godere di una serie di lezioni e keynote tenute da relatori di fama, i quali hanno fornito preziosi approfondimenti e prospettive sulle ultime innovazioni nel campo del web semantico, condividendo le loro conoscenze e le loro esperienze, trattando una vasta gamma di argomenti per una comprensione completa del campo e del suo potenziale contributo in diversi ambiti.

Due pomeriggi sono stati dedicati alla presentazione dei poster inerenti ai progetti di ricerca di ogni dottorando partecipante, avendo l’occasione così, di sponsorizzare il proprio lavoro e ascoltare i consigli forniti dagli esperti del settore. Anche la dottoranda dell’Università di Genova, Giada D’Ippolito, ha presentato il proprio progetto intitolato Museum ‘IT-The Museum of Information Technologies, for enhancement of digital heritage.

Una delle caratteristiche distintive dell’ ISWS è l’approccio Learning by doing. I partecipanti sono stati immersi in un programma di lavori di gruppo, in cui hanno collaborato su problemi di ricerca sotto la guida, dunque, dei tutor. Questa esperienza ha permesso di applicare le proprie conoscenze in un contesto concreto, stimolando il pensiero critico e le capacità di problem solving. L’opportunità di lavorare fianco a fianco a ricercatori affermati e sviluppare un articolo sul tema trattato, ha creato un ambiente dinamico per l’apprendimento, l’innovazione e la crescita personale.

Inoltre, tale Summer School si distingue per la partecipazione ad attività sociali , come gite di gruppo, eventi ricreativi e incontri informali che hanno creato un’atmosfera rilassata e di stimolo per lo sviluppo di relazioni sociali e collaborazioni che vanno al di là delle barriere geografiche e culturali.

TOTh 2023 TERMINOLOGY & ONTOLOGY: Theories and applications. Université Savoie Mont-Blanc (France), 30-31 MAGGIO/ 1-2 GIUGNO

Dal 1° al 2 giugno si è svolta presso l’Università Savoie Mont Blanc – Polytech Annecy Chambéry (Francia) la 17esima Conferenza Internazionale TOTh 2023, Terminology & Ontology: Theories and applications, che ha riunito come ogni anno ricercatori, professionisti ed esperti nel campo dell’ingegneria del linguaggio e della conoscenza.
Durante l’evento si sono tenute sette sessioni, di cui una dedicata all’esposizione di poster. Ogni sessione ha incluso uno o più interventi della durata di 35 minuti ciascuno, compresi i dibattiti, i suggerimenti e le riflessioni sulle tematiche appena esposte.

Di seguito viene fornita una breve panoramica dei principali argomenti trattati: classificazione terminologica, thesauri, terminologie, traduzione e traslitterazione, differenze tra termini e concetti, estrazione terminologica, ontologie e (onto)terminologie, con esempi concreti correlati a ciascun tema.
Di conseguenza, sono emersi numerosi strumenti di supporto alle attività umanistiche, che sono stati oggetto di analisi e riflessione, tra cui: Termout, Istex, Termostat e SketchEngine.

Nella prima sessione, a rappresentare l’Università degli Studi di Genova, è stato presentato il progetto Museum ‘IT – The Museums of Information Technologies Project for enhancement of digital heritage: terminology and ontology representation issues. La dottoranda Giada D’Ippolito ha partecipato come relatrice insieme a Caroline Djambian (Ass.Pr. presso l’Università Grenoble Alpes), in collaborazione con la Prof.ssa Micaela Rossi (Università degli Studi di Genova) e la Prof.ssa Elisa Bricco (Università degli Studi di Genova). La conferenza è stata preceduta da due giorni di corsi di formazione, dal 30 al 31 maggio, su Terminology & Digital Humanities, suddivisi come segue:

La prima giornata, prevalentemente teorica, è stata tenuta dalla Prof.ssa Maria Papadopoulou (Università di Atene, Università di Creta) e mirava a fornire una comprensione delle tematiche che sarebbero state affrontate nei giorni successivi. Sono state esaminate le teorie, i metodi e gli strumenti abbracciati dalle Digital Humanities, nonché il concetto di interdisciplinarietà, l’importanza del patrimonio culturale, i principi FAIR e i Linked Data e, in generale, l’incontro tra discipline umanistiche e intelligenza artificiale, in cui logica e matematica sembrano trovare trovare complicità. Sono state menzionate le norme presenti nelle DH (Europeana, CIDOC, Dublin Core, Skos) e i linguaggi per le ontologie (Owl, rdf, SPARQL), con l’esempio di alcuni progetti (FIRA, Dariah).

La seconda, affidata al prof. Christophe Roche (Università di Creta, Università Savoie Mont-Blanc), nonché presidente della Conferenza TOTh e del gruppo di ricerca Condillac, è dedicata alla costruzione di terminologie e ontologie nelle Digital Humanities, effettuando esercitazioni pratiche sull’esempio di antichi vasi greci. Lavoro che ha previsto l’utilizzo del software Protégé, l’editor di ontologie più comunemente usato.

Lectures on Computational Linguistics – Pisa, 29-31 maggio

Dal 29 al 31 maggio, la Sala Convegni del Polo Piagge dell’Università di Pisa (UniPi) ha ospitato l’edizione 2023 delle Lectures on Computational Linguistics. Si tratta di una Summer School dedicata a temi centrali nel campo della Linguistica Computazionale rivolta principalmente a studenti di Dottorato e di Master, ma aperta a chiunque abbia interesse per tali argomenti.

Quest’anno l’evento è stato organizzato dall’Associazione Italiana di Linguistica Computazionale (AILC) in collaborazione con il CNR-Istituto di Linguistica Computazionale “Antonio Zampolli” (CNR-ILC) e il Dipartimento di Filologia, Letteratura e Linguistica dell’Ateneo pisano e si è tenuto in concomitanza con Ital-IA, il terzo Convegno Nazionale CINI sull’Intelligenza Artificiale.

Questa edizione si è concentrata sui più recenti modelli di apprendimento e rappresentazione della conoscenza in contesti mono- e multi-modali, con un focus particolare sulll’ultima generazione di Neural Language Models. Le tematiche sono state affrontate in ottica interdisciplinare e declinate sia dal punto di vista teorico, linguistico e informatico, sia in scenari applicativi orientati alle Digital Humanities e al Natural Language Processing (NLP).

Il programma completo delle Lectures può essere consultato sul sito dell’AILC, ma qui di seguito viene riportato un sommario degli interventi di alcune delle più autorevoli voci nell’ambito del NLP a livello nazionale e internazionale.  

  • Tutorial 1 – Computational linguistic methods for linguistic analyses – Ellie Pavlick
  • Tutorial 2 – Grounding language in visual data: Models, datasets and recent results – Albert Gatt
  • Lecture – Computational linguistics for the humanities – Simonetta Montemagni
  • Lab 1 – Multimodality and NLP – Alessandro Bondielli & Lucia Passaro
  • Tutorial 3 – Transfer and Multi-Task Learning in Natural Language Processing – Barbara Plank
  • Lecture – Human centered AI – Dino Pedreschi
  • Tutorial 4 – Interpretability of linguistic knowledge in neural language models – Afra Alishahi
  • Lab 2 – Explaining Neural Language Models from Internal Representations to Model Predictions – Alessio Miaschi & Gabriele Sarti

Tra i partecipanti delle Lectures, vi erano anche alcuni dottorandi in Digital Humanities: Elena Margherita Vercelli per UniGe e per UniTo Annalisa Greco e Andrea Marra, il quale ha presentato il suo progetto dal titolo Exploring Gender Stereotypes: an interdisciplinary proposal to study gender-related stereotypical representation in (Italian) language

di Annalisa Greco, Andrea Marra ed Elena M. Vercelli

Digital Humanities Day – Maggio 2023

Si tiene il giorno 19 maggio la giornata delle Digital Humanities presso L’Università degli Studi di Genova. La giornata è un momento di incontro, di formazione e di informazione su argomenti di interesse generale. Occasione per incontrarsi e comunicare intorno ad argomenti relativi al vasto oggetto del dottorato Digital Humanities – Tecnologie Digitali, Arti, Lingue, Culture e Comunicazion

La giornata si svolgerà a Genova partire dalle 10:30 e si compone di un evento al mattino in cui dottori di ricerca in DH raccontano le proprie esperienza di ricerca:

I prerequisiti della ricerca
Dott.ssa Chiara Alzetta (XXXIII ciclo)
assegnista di ricerca – Istituto di Linguistica computazionale “A. Zampolli”- CNR Pisa
Teatro e nuove tecnologie: l’interdisciplinarità come obiettivo della ricerca
Dott.ssa Ester Fuoco (XXXI ciclo) assegnista di ricerca – Media and Performing Arts, Università IULM
Tenere la linea: costruirsi un’identità di ricerca
Dott. Fabrizio Ravicchio (XXXIII ciclo)
ricercatore – Istituto Tecnologie Didattiche – CNR Genova

Il pomeriggio, alle 15:00, si assiste all’intervento:

Lotta all’odio online e automazione tramite l’uso di Language model: dati e strategie
Dott. Marco Guerini
Fondazione Bruno Kessler, Trento

Qui la locandina.

LE UNIVERSITÀ ITALIANE E FRANCESI NELL’INIZIATIVA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE – Torino

Il 30 marzo 2023, l’Università Italo Francese, promotrice della collaborazione accademica e scientifica tra Italia e Francia, e l’Università di Torino, capofila dell’alleanza UNITA – Universitas Montium, hanno organizzato l’evento dal titolo Le università italiane e francesi nell’iniziativa delle Università Europee.

L’evento, tenutosi presso l’Aula Magna della Cavallerizza Reale dell’Ateneo torinese, ha riunito diverse Alleanze Europee che partecipano all’iniziativa delle “Università Europee” al fine di discutere e condividere progetti concreti in termini di mobilità, ricerca, programmi rivolti ai territori, didattica innovativa, iniziative studentesche e forme di internazionalizzazione della didattica all’interno delle alleanze.

Visto il grande coinvolgimento degli atenei francesi ed italiani nell’iniziativa e il forte impulso dato dal Trattato del Quirinale per promuovere la collaborazione italo-francese, la giornata ha rappresentato un importante momento di partecipazione e condivisione non solo tra i due Paesi, ma anche a livello europeo.

A fare gli onori di casa sono stati, oltre al Rettore dell’Università di Torino, Stefano Geuna, le professoresse Alessandra Fiorio Pla e Marcella Costa, rispettivamente Delegata per le relazioni internazionali con Francia e Paesi Francofoni e Vice Rettrice Vicaria per la Didattica Internazionale, e il Presidente dell’Università Italo-Francese, Stefano Guerrini.

Nel corso della giornata, sono intervenuti alcuni dei più alti rappresentanti istituzionali attivamente coinvolti nella ricerca e nella cooperazione transfrontaliera: dal Console generale di Francia a Milano ai funzionari dei Ministeri dell’Istruzione italiani e francesi, passando per i rappresentanti di agenzie di valutazione nazionali ed europee.

All’evento era presente anche una delegazione di docenti, studenti e personale tecnico amministrativo dell’Università di Genova, che è parte dell’alleanza ULYSSEUS. In particolare, Micaela Rossi, professoressa ordinaria di lingua e traduzione francese dell’Ateneo genovese, ha moderato insieme a Philippe Knauth di CIVIS uno dei quattro workshop tematici relativo alla didattica innovativa.

La giornata si è infine conclusa in presenza dell’Ambasciatore di Francia in Italia Christian Masset.

Per consultare il programma completo e ulteriori informazioni sull’evento, è possibile visitare questo sito.

 

 

 

RODOSZ/7 – Colloque des Doctorants en Philologie Romane – Budapest

Il 24 marzo 2023, il gruppo di ricerca ACRIL (Artes CRItica Linguistica) della Facoltà di Scienze Umanistiche e Sociali dell’Università Cattolica Pázmány Péter di Budapest ha organizzato RODOSZ/7 – Colloque des Doctorants en Philologie Romane.

Il RODOSZ/7, giunto ormai alla sua settima edizione, è un Convegno Internazionale rivolto a dottorandi/e di tutta Europa in letteratura o in linguistica teorica o applicata alle lingue romanze, in particolare al francese, allo spagnolo e all’italiano.

La giornata si è tenuta presso il Danubianum dell’Università Cattolica Pázmány Péter e si è aperta con i saluti della Professoressa Anikó Ádám, direttrice dell’Istituto di lingue classiche e romanze dell’Ateneo ospitante, nonché Cavaliere dell’Ordine delle Palme Accademiche. A questi è seguita la sessione plenaria, durante la quale il Professor Giampaolo Salvi dell’Università Eötvös Loránd (Budapest), celebre linguista e co-autore della Grande grammatica italiana di consultazione, ha presentato il suo studio su L’espressione del plurale nei dialetti italiani settentrionali.

Il programma della giornata ha poi previsto una ripartizione degli interventi in diverse sessioni parallele, divise per lingua (francese, italiana o spagnola) e per tematiche affini e presiedute da un membro del comitato organizzativo del Convegno.

I partecipanti provenienti da diversi atenei europei, quali ad esempio l’Università Babeș-Bolyai di Cluj-Napoca (Romania), l’Università Masaryk di Brno (Repubblica Ceca) e l’Università di Angers (Francia), hanno esposto le loro ricerche in ambiti che spaziavano dalla fonetica, al teatro, dalla critica letteraria, all’analisi del discorso.

Tra i vari contributi, vi è stato anche quello di Elena Margherita Vercelli, dottoranda in Digital Humanities dell’Università di Genova, che ha presentato un intervento dal titolo Le mouvement #MeToo des deux côtés des Alpes à l’aune des discours Twitter : une analyse socio-discursive outillée de #BalanceTonPorc et #quellavoltache. Il contributo si è incentrato su un’analisi sociodiscorsiva tool-based di due corpora comparabili di tweets in francese e in italiano, volta a descrivere le differenze socioculturali nella ricezione del movimento #MeToo in Francia e in Italia.

La versione scritta degli interventi sarà pubblicata nel prossimo numero della rivista Verbum – Analecta neolatina.

Enabling the Arts for Community Health – Arts in Health International Symposium – Barcellona


Giovedì 23 e venerdì 24 febbraio 2023 si è tenuta a Barcellona, presso il Museu Nacional d’Art de Catalunya la conferenza ‘Enabling the Arts for Community Health’, organizzata dal Museo catalano, dall’Institut Català de la Salut (ICS) e da Arts in Health International Foundation (AiHIF). In queste giornate, il tema del binomio arte e benessere è stato discusso in modo estensivo, presentando progetti di varia natura il cui scopo era quello di esplorare le potenzialità dell’arte per migliorare il benessere, la salute e potenziare le cure e la ripresa di persone fragili, gruppi sociali emarginati e malati terminali. Questo il programma: https://ics.gencat.cat/web/.content/Assistencia/Arts-en-salut/Simposi_europeu_artsensalut/Programa-simposio-EACH-23-EN.pdf.

Anche alcuni componenti dell’Università di Genova hanno preso parte al convegno. Giovedì 23 febbraio la professoressa Antonella Poce ha presentato il progetto europeo Inclusive Memory, di cui con l’Università di Modena e Reggio Emilia è coordinatrice. Lo scopo del progetto è quello di creare percorsi inclusivi museali che possano incrementare il benessere, la salute e l’inclusione di gruppi sociali fragili, fornendo specifica formazione a professionisti del settore museale, sanitario, dell’educazione e della cura.

Nella giornata del 24 febbraio, la Professoressa Poce, insieme ai partners del progetto IM e la dottoranda Maria Tolaini, ha condotto un workshop dal titolo «Museums as inclusive spaces for health and Wellbeing’ participatory workshop». 36 persone, fra professionisti museali, infermieri, designer, assistenti sociali, arte-teraupeti e medici, sono state divise in due gruppi e hanno preso parte al workshop interattivo. L’intento del workshop era quello di comprendere l’opinione dei partecipanti riguardo l’utilizzo di strumenti digitali per migliorare il benessere del pubblico al museo. Dopo un giro di presentazione per conoscere il profilo dei partecipanti, la maggior parte dei partecipanti ha raccontato di utilizzare cellullare e computer per lavorare e comunicare, dimostrando diversi livelli di competenza. Ad ogni partecipante è stato poi chiesto di descrivere con una parola la relazione tra benessere e tecnologia. Parole come creatività, velocità, inclusione, apertura e immediatezza sono state citate, dimostrando una generale concezione positiva di questo binomio.

Digital Culture & Heritage Talks – Timisoara Capitale della Cultura 2023

Venerdì 17 febbraio 2023 si è tenuta a Timisoara la conferenza “Digital Culture & Heritage Talks & XR Show with NFT launch” che ha dato avvio al ricco anno di eventi culturali organizzati a Timisoara, capitale della cultura 2023.

I temi discussi dalla conferenza organizzata da Universității Politehnica Timișoara (UPT) hanno riguardato i vari modi in cui le tecnologie digitali hanno contribuito alla creazione di nuove possibilità, stimolato innovazione nel campo culturale e permesso alle università e musei di dare avvio a nuovi sviluppi educativi e curatoriali. Esperti da tutta Europa hanno partecipato a questo evento ibrido, in presenza e on-line.

Anche alcuni componenti dell’Università di Genova hanno preso parte al convegno. La professoressa Antonella Poce ha presentato il progetto europeo Inclusive Memory, di cui con l’Università di Modena e Reggio Emilia è coordinatrice. La dottoranda Maria Tolaini insieme ad alcuni colleghi dell’Università della Sapienza sono intervenuti parlando della loro esperienza come vincitori del contest Spotligh Heritage 2021 e 2022 per studenti internazionali. Il contest Spotlight Heritage 2022 ha visto l’implementazione di esperienze di realtà virtuale ed aumentata al fine di valorizzare il quartiere Cetate di Timisoara. Gruppi di studenti internazionali provenienti dalle Università di Politehnica University di Timișoara, Aalborg University della Danimarca e l’Università di Modena e Reggio Emilia hanno collaborato alla realizzazione delle diverse esperienze che promuovevano i siti culturali di maggiore interesse del suddetto quartiere. Le università rumene e danesi si sono occupate della parte tecnologica, mentre quella italiana della creazione di contenuti di digital storytelling per la cultura. Nello specifico, la dottoranda Maria Tolaini ha collaborato alla realizzazione dell’esperienza di promozione culturale della Sinagoga del quartiere Cetate, contribuendo alla progettazione del design dell’esperienza e la creazione di contenuti testuali. Inoltre, in collaborazione con la collega Giulia Innocentini,  Silviu Berzescu (master’s student at the Politehnica University of Timișoara), Mikkel Sang Mee Baunsgaard (master’s student at the University of Aalborg, Denmark ) ha realizzato “Timisoara quest in XR”, esperienza di realtà virtuale dove gli utenti interagivano con alcuni oggetti del Museo Nazionale di Banat. 

Convegno Nazionale SIPED 2023 – Bologna

Da giovedì 2 a sabato 4 febbraio 2023 si è svolto il Convegno Nazionale della Società Italiana di Pedagogia (SIPED) a Bologna presso il Dipartimento di Scienze dell’Educazione dal titolo “Sistemi educativi, Orientamento, Lavoro”. Le giornate di studio hanno visto la partecipazione di più di 1000 studiosi e studiose provenienti da tutta Italia, che hanno affrontato il tema dell’educazione da molteplici punti di vista, dall’orientamento alla formazione al lavoro, dall’inclusione e benessere e all’innovazione digitale. 

I lavori della prima giornata, giovedì 2 febbraio, sono stati avviata dal presidente SIPED, il professor Malavasi, dal cardinale e arcivescovo Zuppi, dalla professoressa Iori e dalla professoressa Polenghi. Nel pomeriggio di giovedì si sono tenute le sessioni tematiche parallele junior.

Venerdì 3 febbraio sono proseguiti i lavori con gli interventi del professor Ara, professor Molari, professor Fabbri e del professor Malavasi. Nel pomeriggio di venerdì si sono tenute le sessioni tematiche parallele.

Nella mattinata di sabato 4 febbraio, il professor Simeone ha portato i saluti istituzionali e si sono svolte le ulteriori sessioni tematiche e tavole rotonde.

Anche alcuni componenti dell’Università di Genova hanno preso parte al convegno. La professoressa Antonella Poce ha partecipato come relatrice alla sessione tematica parallela del 3 febbraio “Inclusione, percorsi di autonomia (autodeterminazione), progettazione e lavoro. Prospettive di ricerca teorica e metodologica” con un contributo intitolato “Educazione, benessere e patrimonio per lo sviluppo sociale delle comunità di riferimento”. La dottoranda Maria Tolaini ha presentato nella sessione tematica Junior del 2 febbraio “Disegnare il futuro tra cura e benessere. Lavoro, orientamento, pratiche didattiche nei sistemi educativi per nuove cittadinanze” un contributo dal titolo “Promuovere inclusione e benessere attraverso l’apprendimento digitale delle lingue in contesti museali” basato sulla sua ricerca dottorale. 

 

Ricerca-creazione: quando le forme creano valori

Giornate di studio 

venerdì 20 e sabato 21 gennaio 2023 

Palazzo Ducale-Fondazione per la Cultura di Genova (Italia) 

Nella cornice del Palazzo Ducale di Genova, all’interno della  Sala del Munizioniere, si sono svolte due giornate di studio dedicate alla Ricerca-Creazione, termine con cui si designano pratiche che tentano di mettere in relazione Arte e Scienza, per far si che questi due poli, influenzandosi a vicenda, producano nuove metodologie per analizzare e apprendere realtà sociali e problemi pubblici, e per creare nuove forme di vita. 
Le due giornate hanno visto avvicendarsi intorno a tre tavole rotonde studiosi, esperti e performers provenienti da ambiti e campi di studio diversi, sia accademici che artistici, allo scopo di svelare le pratiche messe in atto dalla ricerca-creazione, sia sul territorio italiano che su quello francese.  

Le tavole rotonde hanno avuto come oggetto tre diverse tematiche:

  • Le forme della ricerca-creazione
  • Ricerca-creazione e istituzioni
  • Ricerca-creazione editoriale

Le forme della ricerca-creazione
In questa prima tavola rotonda, i relatori hanno tentato di rispondere a due domande: Come inventare, identificare e valutare le forme di ricerca-creazione quando sfuggono a qualsiasi criterio di distinzione? Se non esiste né metodo né modello di ricerca-creazione come riconoscerne e implementarne i processi? 
Ha aperto le due giornate un intervento di Yves Citton, docente in Letteratura e Media all’Università Paris 8 Vincennes-Saint Denis e co-direttore della rivista “Multitudes”, il quale, a partire dalla pubblicazione di Emmanuel Grimaud, Dieu Point Zéro. Une anthropologie expérimentale e riferendosi a come il filosofo statunitense Thomas Kuhn inquadrava il concetto di “paradigma”, ha individuato le metodologie per analizzare i risultati derivanti dalla ricerca-creazione.
Il poeta e artista Franck Leibovici ha inquadrato l’arte e la poesia come entità che contengono al loro interno strumenti. Per l’artista francese l’artefatto è a sua volta uno strumento in grado di influenzare altre opere d’arte, un’istanza che non si dissolve alla fine di un progetto, ma che permette ad artisti e studiosi di porsi nuove domande e di uscire dal loro campo di studi.
Stéphane Poliakov, addetto alla cooperazione scientifica e universitaria presso l’Institut français d’Italie, regista e docente al Dipartimento di Teatro dell’ Università Paris 8, ha parlato di pedagogia teatrale come di una realtà utile alla formazione della ricerca-creazione, in quanto sviluppa i concetti attraverso la performance ed eventuali pubblicazioni relative, costituendo di fatto una dinamica i cui approcci e le cui metodologie trasformano il sapere.  
Alessandra Vannucci, Associated Professor in Stage and Film Direction alla Federal University of Rio de Janeiro, Visiting Researcher presso il DISFOR e membro del Laboratorio di Sociologia Visuale dell’Università degli Studi di Genova, a partire dai suoi lavori ha individuato tre approcci per rappresentare il valore dei risultati di progetti basati su forme di ricerca-creazione: l’impatto etico, in base a cui il ricercatore-artista si pone a parte rispetto all’autorialità; l’impatto cognitivo, per cui il ricercatore-artista nel momento dell’atto creativo utilizza lo sguardo della comunità con cui lavora per produrre un artefatto; e l’impatto epistemologico, utile all’artista per assimilare lo sguardo degli altri ed assumere uno suo sguardo plurale e decoloniale. 
Maria Cecilia Reyes, ex dottoranda in Digital Humanities presso l’ateneo genovese, ha presentato i risultati del suo progetto di ricerca Interactive Fiction in Cinematic Virtual Reality. Epistemology, Creation and Evaluation. Nel realizzare ZENA. An Interactive VR Film, basato sulla storia e sull’urbanistica della città di Genova, la studiosa ha dimostrato come l’analisi delle scelte che l’utente compie all’interno della realtà virtuale e le valutazioni a posteriori di chi ha vissuto l’esperienza immersiva abbiano costituito dei dati utili per formulare una metodologia rispetto alla creazione di film interattivi.  
Il poeta e performer triestino Gabriele Stera, dottorando presso l’Université Paris Lumières e l’EUR ArTec, ha presentato il suo progetto di ricerca Archéologie et poétique du sous-titrage : du sous-titrage de film au méta-titrage du monde. Il lavoro di Stera indaga l’evoluzione delle funzioni semiologiche della sottotitolazione e, attraverso l’approccio della ricerca-creazione, vuole individuare una poetica dei sottotitoli applicando il sottotitolaggio alla videoarte, alla performance e alla poesia. 
Un’altra ex dottoranda dell’ateneo genovese, oggi docente presso l’Accademia di Belle Arti di Brera, ha chiuso questa prima tavola rotonda. Si tratta di Michela De Carlo, in arte Kamilia Kard, la quale attraverso lo studio dei Social Media e la realizzazione di giochi di ruolo in ambienti virtuali, ha notato come l’assunzione di un avatar o di un’identità digitale da parte dell’utente moltiplica e plasma il comportamento dell’individuo in un breve lasso di tempo. 

Ricerca-creazione e istituzioni
La tavola rotonda pomeridiana ha indagato il rapporto tra ricerca-creazione e istituzione con una cospicua serie di domande: che ruolo possono svolgere le istituzioni nel sostenere e promuovere la ricerca-creazione? Cosa hanno da guadagnarci? In che misura possono partecipare all’emergere delle “società di ricerca-creazione” invocate da Yves Citton, dove per affrontare le sfide del nostro tempo “ognuno è chiamato a diventare insieme ricercatore/donna e artista”? Come superare le barriere istituzionali che impediscono alla ricerca universitaria e alla ricerca artistica di incontrarsi senza che la ricerca- creazione diventi un mezzo di assorbimento da parte del capitalismo delle energie più creative? 
La docente Tiphaine Karsenty e la attuale Coordinatrice generale Annael Le Poullennec dell’École Universitaire de Recherche (EUR) ArTeC di Parigi hanno aperto la discussione descrivendo l’attività del Centro di ricerca presso cui operano: un ambiente “ibrido”, per utilizzare una loro definizione, che intende costruire una relazione solida tra realtà accademiche e artistiche, tra arti e tecnologie digitali. La collaborazione con Università, Enti e Scuole di danza permette ad ArTeC di incentivare la ricerca con borse di studio, pubblicazioni e formazione, configurandosi come modello di eccellenza. 
Segue l’intervento della docente Elisa Bricco che illustra puntualmente gli studi relativi alla ricerca-creazione emersi dal dottorato in Digital Humanities di cui è Coordinatrice; la riflessione conclusiva manifesta con chiarezza quanto sia di fondamentale importanza la relazione tra le Scienze Umanistiche e le Scienze Computazionali. Stéphane Poliakov interviene nuovamente con un contributo che ha posto l’accento sui rapporti consolidati tra Italia e Francia nell’ambito della ricerca-creazione, utili per uno sviluppo qualitativamente elevato dei contributi di ricerca. 
Antonio Camurri, docente e fondatore e direttore scientifico di InfoMus Lab e di Casa Paganini, centro internazionale di ricerca con sede a Genova, ha illustrato l’attività della realtà genovese attraverso casi studio e progetti in corso di realizzazione tra cui DanzArte: attività di welfare territoriale multidisciplinare. 
Claudia Roggero e Donato Di Pelino hanno illustrato la storia e la mission dell’Associazione no profit Mossa, residenza artistica per la promozione dell’arte contemporanea a Genova. Nata per volontà di Claudia Roggero nell’abitazione ereditata dai genitori, entrambi scomparsi a causa del COVID, la residenza accoglie artisti contemporanei promotori di diverse espressioni artistiche (arte visiva, musica, poesia, performance, danza contemporanea). 
L’ultimo intervento ha la voce di Daniela Angelucci, Coordinatrice del Laboratorio Analisi dell’ambiente e del territorio nell’ambito del Master in Studi del Territorio/Environmental Humanities dell’Università di Roma Tre, che ripercorre, anche attraverso casi studio, l’attività del laboratorio evidenziando l’importanza della multidisciplinarietà nell’ambito della ricerca.  Conclude la tavola rotonda pomeridiana la performance curata dal duo Gabriele Stera, dottorando all’ArTeC e Toi Giordani, poeta e performer: una riflessione a tutto tondo sull’interazione uomo-macchia contestualizzata nelle operazioni richieste dai captcha in fase di accesso alla pagina desiderata. Sviluppata in un dialogo iniziale tra i due artisti, si è poi conclusa in una sala adiacente con un’azione partecipata da parte dei presenti

© Andrea Daffra
© Andrea Daffra

Alcune immagini dell’installazione realizzata da Gabriele Stera e Toi Giordani

Ricerca-creazione editoriale
La mattinata della seconda giornata è stata interamente dedicata al rapporto tra editoria e ricerca-creazione. La tavola rotonda ha visto confrontarsi Valerio Mannucci, Fondatore della casa editrice Nero Edition, Christophe Hanna, fondatore del magaxine-box Jeubjeub e attualmente direttore della collana di teoria letteraria “Forbidden Beach”, all’interno della redazione Questions Théoriques e Nancy Murzilli, Docente, Università di Parigi 8, Co-direttore di UR FabLitt. Co-direttore delle collezioni “L’immaginario del testo” e “Ricerca-creazione” presso la University Press di Vincennes nonché responsabile del progetto di ricerca-creazione ArTeC “Valutazione generale”
I protagonisti di questa tavola hanno discusso nel tentativo di rispondere alla domanda: Come pubblicare ricerca-creazione? 
È emerso dal loro confronto un tema comune: la pubblicazione è essa stessa atto creativo e partecipazione al discorso artistico. Ed è basandosi su questo principio che, ad esempio Mannucci,  ha ricordato alcune pubblicazioni topiche della sua casa come “Civitani”, catalogo dedicato all’omonimo festival, e “Forgotten Architetture”. Paradigma comune è infatti la ricerca di una creazione della rappresentazione della creazione stessa presa in esame.Sulla stessa linea l’intervento di Hanna che ha riportato il discorso da una prospettiva teorica ed epistemologica del tema.
In conclusione, la professoressa Murzilli ha sviluppato il suo punto di vista partendo dalla centrale questione di come si debba rendere pubblica la ricerca-creazione per creare nuovo pubblico. 
Ha infatti tentato di rispondere a numerose domande come “Cosa vuol dire pubblicare Ricerca-Creazione?”, “Dove inizia e dove finisce l’oggetto libro?”, “Come creare nuovi pubblici per la ricerca-creazione?”, “Quali sono le nuove economie di relazione?”, domande che hanno trovato risposta in maniera circolare alla catena formata dagli anelli: pubblicare – rendere pubblico – fare pubblico – creare mondi; un circolo di costante produzione, applicazione e creazione.
A conclusione della mattinata, l’interessante performance di ricerca-creazione a cura di Franck Leibovici. La performance ha voluto evidenziare come alcune delle tecniche più recenti del giornalismo d’inchiesta ed investigativo, possano avere applicazione anche in ambiti artistici come nel caso della storia dell’arte. Mostrando infatti alcuni importanti dipinti dell XV secolo e di artisti veneziani, Leibovici ha dimostrato come sia possibile, attraverso un processo creativo di ricerca e creazione, cogliere ad esempio elementi necessari per un’analisi: nel caso della performance, si è trattato di individuare gli elementi chiave necessari alla datazione degli episodi dipinti.Per poter datare le scene, l’artista ha presentato il percorso di ricerca da lui seguito, caratterizzato da una prima parte di ricerca storico artistica dei dipinti, quindi di individuazione dei luoghi rappresentati, la ricerca geografica e infine l’individuazione degli elementi che più di altri permettono di indicare l’orario dell’azione (ombre). Da questo passaggio, passando per l’uso del sito https://www.sunearthtools.com/ è stato possibile rintracciare l’orario approssimativamente corretto dell’azione. L’esperienza ha visto il contributo dei presenti.

A cura di
Monica Canu, Andrea Daffra, Simone Dragone

Centro e periferia. Spazi di inclusione ed esclusione – PhD Conference Forlì

Nella giornata di martedì 20 dicembre si è svolto  presso il Dipartimento di Interpretazione e Traduzione dell’ Università di Bologna – Campus di Forlì, il convegno dottorale dal titolo Centro e periferia. Spazi di inclusione ed esclusione.

Il tema filo conduttore dell’incontro è stato affrontato da prospettive diverse all’interno delle quali ha trovato spazio il teatro, la linguistica e la filosofia quest’ultima in unione, in alcuni casi, con la pedagogia. 

Le aree tematiche in cui è stata divisa la giornata:

  1. Centro e periferia: uomo, Dio e natura
  2. Centro e periferia: centro urbano e periferie suburbane
  3. Centro e periferia: corpi normati e identità non normate
  4. Centro e periferia: canone letterario e letterature satelliti
  5. Centro e periferia: norma e variazioni linguistiche
  6. Centro e periferia: discorso politico e voci di opposizione

Gli interventi hanno avuto durata di circa 20 minuti ciascuno e alla fine di ogni panel è stato dato spazio alle domande ed al confronto. L’intero evento è stato condiviso in diretta streaming su zoom e accompagnato dalla traduzione nella lingua dei segni per in non udenti.

Si ringrazia il comitato scientifico ed organizzativo composto da Enrico Maria Faltoni, Alessandra Luccioli, Monica Peluso, Sara Polidoro, Beatrice Ragazzini, Francesca
Restucci

Centro e periferia – Programma

PhD Conference2022 – Book of abstracts