Innovation in Language Learning – 15th Edition 10-11 Novembre 2022

 

La quindicesima edizione della conferenza internazionale “Innovation in Language Learning” si è svolta il 10 e 11 Novembre 2022. La conferenza è stata realizzata in modalità ibrida: le presentazioni in presenza sono avvenute presso il Grand Hotel Mediterraneo di Firenze, mentre coloro che non potevano fisicamente essere presenti durante l’evento hanno potuto presentare il proprio lavoro online. 

L’evento ha riunito insegnanti, ricercatori e professionisti della didattica delle lingue provenienti da tutto il mondo ed è stata un’ottima occasione per poter presentare i propri progetti e i risultati ottenuti, per condividere esperienze e approcci innovativi all’insegnamento e all’apprendimento delle lingue ed espandere le conoscenze di tutti i partecipanti riguardanti nuove piattaforme da utilizzare nel proprio lavoro. 

I temi trattati durante i due giorni di conferenza hanno spaziato tra i seguenti argomenti:

  1. Tecnologie Digitali nell’Insegnamento delle Lingue
  2. Sviluppo professionale degli insegnanti 
  3. Lingua, cultura e società
  4. Esperienze di insegnamento, pedagogia e pratica
  5. CLIL e multiculturalismo
  6. Linguistica applicata
  7. Utilizzo della lingue per scopi specifici
  8. Valutazione dei risultati ottenuti nell’insegnamento
  9. Strategie di insegnamento delle lingue
  10. Media utilizzati per l’apprendimento delle lingue
  11. Educazione primaria
  12. Apprendimento basato su progetti
  13. Educazione speciale

Gli interventi, durati ognuno venti minuti (quindici minuti per la presentazione del proprio lavoro e cinque minuti per confrontarsi con i colleghi), hanno dimostrato come l’insegnamento delle lingue abbia subito un’enorme modifica all’interno di tutti i livelli scolastici e professionali nel corso degli ultimi anni. L’avanzamento tecnologico e la necessità di trovare nuovi stimoli da fornire agli studenti ha spinto molti esperti del settore a cercare nuove necessarie vie per rendere più semplice e coinvolgente l’obbiettivo dell’apprendere una nuova lingua. La situazione post-pandemica ha portato molti studenti a sottovalutare il metodo educativo tradizionale spingendo gli insegnanti a cercare piattaforme e modalità nuove con cui poter rendere più efficace la padronanza di una nuova lingua.

L’evento è stato organizzato da Pixel International Conferences e ha fornito agli addetti ai lavori la possibilità di scambiarsi idee per le proprie linee di ricerca grazie all’organizzazione di una serie di eventi sociali volti a stringere rapporti di collaborazione tra i partecipanti. Il programma dell’evento è disponibile qui. I paper presentati durante l’evento sono invece disponibili presso gli Atti della Conferenza pubblicati al seguente url

1st Workshop on Artificial Intelligence for Cultural Heritage (AI4CH): Udine, 28 Nov-02 Dic

AI4CH

Il primo Workshop Artificial Intelligence for Cultural Heritage (AI4CH2022) si è svolto in occasione della 21° Conferenza Internazionale dell’Associazione Italiana di Intelligenza Artificiale (AIxIA), tenutasi a Udine dal 28 novembre al 2 dicembre 2022.

Tra le organizzatrici e gli organizzatori del Workshop figurano i nomi di Rossana Damiano (Università di Torino), Manuel Striani (Università di Torino Piemonte Orientale), Stefano Ferilli (Università di Bari) e Gianmaria Silvello (Università di Padova).

Il workshop, destinato a diventare un appuntamento annuale, ha rappresentato la prima opportunità per riunire ricercatori e professionisti, provenienti sia da aree umanistiche che tecnologiche, interessati a formare il nucleo iniziale del gruppo di lavoro. Tema centrale è il crescente bisogno di soluzioni tecnologiche per la conservazione e la valorizzazione dei Beni Culturali. Durante la riunione di chiusura dei lavori con il comitato organizzativo, che ha coinvolto tutte e tutti i partecipanti al workshop, è stato fatto esplicito riferimento alla volontà di creare utili sinergie con altri eventi rilevanti nel settore nel territorio italiano, dalle organizzazioni operanti nelle Digital Humanities a quelle più vicine all’Archeologia e alle Biblioteche Digitali. La visione è quella di un ambiente fortemente collaborativo in cui il dialogo e le sinergie sono intese come l’unica risposta possibile alle domande che una società complessa come quella attuale ci pone.

I numerosi topic della Call For Paper hanno permesso di rappresentare a pieno il respiro interdisciplinare del gruppo. Gli interventi, suddivisi in quattro sezioni, hanno affrontato il rapporto tra patrimonio culturale e digitale in diverse chiavi di lettura, a dimostrazione dell’attualità del tema in moltissimi settori:

1 sezione: prospettiva sociale e culturale (Chair: Rossana Damiano), dedicata alle implicazioni sociali e culturali del rapporto tra CH e tecnologie.

2 sezione: testo e natural language processing (Chair: Gianmaria Silvello), nuovi strumenti per il NLP e l’elaborazione di dati testuali del patrimonio culturale.

3 sessione: rappresentazioni e piattaforme (Chair: Stefano Ferilli), rappresentazioni semantiche e piattaforme per la raccolta e la gestione creativa dei dati del patrimonio culturale

4 sessione: media e interfacce (Chair: Manuel Striani ), dedicata alla costruzione di dataset e di interfacce user-friendly per l’esplorazione del patrimonio culturale 

Link al programma completo

Anche l’evento principale ha coinvolto quest’anno moltissimi interventi all’incrocio tra creatività, arti, discipline umanistiche e sociali, testimonianza di un interesse crescente anche dal versante più tecnico delle DH, verso la fertile commistione tra saperi.

Tra i Keynote di AIxIA2022 figure internazionali come Subbarao Kambhampati (Arizona State University), Georg Gottlob (Oxford University), creatore di DatalogFerdinando Fioretti (Syracuse University), Antonio Lieto (Università di Torino) e Angelo Oddi, Riccardo Rasconi e Marco Baioletti (CNR di Roma e Università di Perugia). Tra i temi di grande interesse di quest’anno la spiegabilità e la trasparenza degli algoritmi, nuovi strumenti per la gestione di database e interrogazioni, l’ottimizzazione di algorimi per il ML e l’importanza della ricerca nelle Scienze Cognitive per i nuovi sviluppi nel campo dell’Intelligenza Artificiale.

di Selenia Anastasi