Esperienze di VR/AR/IR a Roma

Dal 17 al 19 aprile 2023 si è svolto il viaggio-studio a Roma organizzato dalla Scuola di Specializzazione in Beni Architettonici e del Paesaggio, dal Laboratorio di progettazione per il restauro e la valorizzaione del patrimonio culturale (docenti Prof. Arch. S.F. Musso, Ing. S. Podestà) e dal corso di Riqualificazione e riuso del patrimonio recente (docente Prof.ssa Arch. G. Franco) dell’Università degli Studi di Genova, a cui ha partecipato anche la dottoranda del XXXVIII° ciclo, Arch. Simonetta Acacia.

Il viaggio ha previsto, nelle prime due giornate, la visita di cantieri di restauro e consolidamento statico all’interno del Parco archeologico del Colosseo (https://parcocolosseo.it/) – di cui l’Ing. Podestà è progettista e direttore dei lavori per le opere strutturali – e la visita alla Domus Aurea neroniana; nella terza giornata, invece, è stato visitato il quartiere Flaminio, con tappe presso alcuni edifici realizzati in occasione delle Olimpiadi di Roma 1960, l’Auditorium Parco della Musica (https://www.auditorium.com/) e il MAXXI – Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo (https://www.maxxi.art/).

Il viaggio-studio è stato interessante non solo dal punto di vista architettonico, ma anche per quanto riguarda le tecnologie digitali adottate per la valorizzazione del patrimonio culturale. Si segnalano in particolare le seguenti esperienze:

  • Museo del Palatino: decorazione di volta dipinta reintegrata tramite video-mapping;
Museo del Palatino – decorazione di volta ricostruita tramite video-mapping
  • Chiesa di Santa Maria Antiqua (*): ricostruzione della decorazione parietale tramite video-mapping, integrato da testi descrittivi e sottofondo musicale; schermi video con ulteriori informazioni e ricostruzioni grafiche del manufatto architettonico;
Santa Maria Antiqua – video-mapping
  • Chiesa di San Pietro in Vincoli: realtà aumentata tramite l’app SPiVAR sviluppata da Land S.r.l. – Roma;
San Pietro in Vincoli – l’app SPiVAR installata su dispositivo mobile
  • Domus Aurea: proiezione emozionale nella galleria di accesso (*); lungo il percorso, illuminazione variabile (allestimento, simulazione luce naturale originaria, simulazione luce delle fiaccole al momento della riscoperta del sito); realtà immersiva nella Sala della volta dorata, tramite Oculus con audio (*); simulazione cascata d’acqua tramite video-mapping nella Sala ottagonale (*).
Domus Aurea – postazioni per esperienza di realtà immersiva allestite nella Sala della volta dorata; dispositivo Oculus indossato da una visitatrice

Le diverse esperienze di VR/AR/IR sperimentate hanno offerto un ampio ventaglio di soluzioni attualmente adottate per la valorizzazione di beni culturali di primaria importanza. La maggior parte di esse si è rivelata coinvolgente per l’utente ed efficace nel veicolare contenuti culturali.

(*) Esperienze realizzate da Progetto Katatexilux (https://www.katatexilux.com/).

Mind, Body, Culture: Cognitive Poetics Today – Lisbona – 31 Marzo, 1 Aprile 2023

I giorni 31 Marzo e 1 Aprile 2023, presso l’Università Cattolica di Lisbona, ha avuto luogo il convegno Cognitive Poetics Today, ospitato dal centro di studi sulla comunicazione e sulla cultura che attraverso una prospettiva multidisciplinare -studi culturali, studi letterari, scienze del linguaggio e scienze della comunicazione- prova a porre sotto luce le connessioni tra i sopracitati campi e altre aree scientifiche del sapere come le scienze cognitive e le neuroscienze.

La Poetica cognitiva di Peter Stockwell e numerosi altri volumi di accompagnamento hanno dato il via a un campo di ricerca ibridato che si è particolarmente irrobustito nel corso degli ultimi anni. Dal 2002 in poi (anno di pubblicazione del testo di Stockwell) sono emersi nuovi campi concentrati sul processo di costruzione del significato letterario (stilistica cognitiva) e sul come i segni si aggreggano per la formazione delle esperienza estetiche (semiotica cognitiva).
Nel campo di contatto tra le scienze cognitive e la teoria letteraria si parla di Cognitive Literary Studies, mentre si parla di Cognitive Cultural Studies nell’ambito delle convergenze tra gli studi che considerano l’essere situato della cognizione nei processi di produzione culturale.
Il convegno Cognitive Poetics Today si è chiesto come negli ultimi venti anni si sia vista la nascita di un approccio cognitivo agli studi letterari basato sui processi di cognizione umana durante la ricezione e produzione del testo.
Gli autori sono stati invitati a riflettere su temi come: qualità emotive del linguaggio poetico, cognizione e letteratura 4E, linguistica cognitiva e linguaggio della letteratura, fondamenti cognitivi del trasporto, dell’immersione e dell’identificazione, l’embodiment in letteratura, immaginazione e fantasia, narratologia cognitiva, letteratura e multimodalità, teoria della mente, simulazione incarnata ed empatia, intelligenza naturale e artificiale nella letteratura, cognizione, letteratura e altre arti.

Il giorno 31 Marzo, ha visto la discussione di interventi intorno a differenti argomenti: i metodi delle scienze cognitive applicate alla letteratura e la poetica cognitiva, multimodalità, lettori multipli ed effetti testuali. Durante la giornata sono intervenuti due invited speaker.

  • Karin Kukkonen: Studying Creativity: Interviews and Cognitive Poetics.
  • Gerhard Lauer: Little readers and little books. Cognitive Poetics and the role of
    developmental psychology.

Il giorno 1 Aprile, ha visto lo sviluppo di argomenti come: il tessuto emotivo nella ricezione dei testi, le metafore nei testi, la mente e il testo ed embodiment. Anche durante questa giornata sono intervenuti due invited speaker:

  • Riikka Rossi: A Cognitive Poetics Approach to Literature of ‘Arctic Hysteria’: Timo K. Mukka’s Ecstatic-Hypnotic Style.
  • Katja Mellmann: Quo vadis, Cognitve Poetics, if not for consilience?

Si ringrazie il centro di studi sulla comunicazione e cultura dell’Univeristà Cattolica di Lisbona.

Sito e programma del convegno Cognitive Poetics Today

 

LE UNIVERSITÀ ITALIANE E FRANCESI NELL’INIZIATIVA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE – Torino

Il 30 marzo 2023, l’Università Italo Francese, promotrice della collaborazione accademica e scientifica tra Italia e Francia, e l’Università di Torino, capofila dell’alleanza UNITA – Universitas Montium, hanno organizzato l’evento dal titolo Le università italiane e francesi nell’iniziativa delle Università Europee.

L’evento, tenutosi presso l’Aula Magna della Cavallerizza Reale dell’Ateneo torinese, ha riunito diverse Alleanze Europee che partecipano all’iniziativa delle “Università Europee” al fine di discutere e condividere progetti concreti in termini di mobilità, ricerca, programmi rivolti ai territori, didattica innovativa, iniziative studentesche e forme di internazionalizzazione della didattica all’interno delle alleanze.

Visto il grande coinvolgimento degli atenei francesi ed italiani nell’iniziativa e il forte impulso dato dal Trattato del Quirinale per promuovere la collaborazione italo-francese, la giornata ha rappresentato un importante momento di partecipazione e condivisione non solo tra i due Paesi, ma anche a livello europeo.

A fare gli onori di casa sono stati, oltre al Rettore dell’Università di Torino, Stefano Geuna, le professoresse Alessandra Fiorio Pla e Marcella Costa, rispettivamente Delegata per le relazioni internazionali con Francia e Paesi Francofoni e Vice Rettrice Vicaria per la Didattica Internazionale, e il Presidente dell’Università Italo-Francese, Stefano Guerrini.

Nel corso della giornata, sono intervenuti alcuni dei più alti rappresentanti istituzionali attivamente coinvolti nella ricerca e nella cooperazione transfrontaliera: dal Console generale di Francia a Milano ai funzionari dei Ministeri dell’Istruzione italiani e francesi, passando per i rappresentanti di agenzie di valutazione nazionali ed europee.

All’evento era presente anche una delegazione di docenti, studenti e personale tecnico amministrativo dell’Università di Genova, che è parte dell’alleanza ULYSSEUS. In particolare, Micaela Rossi, professoressa ordinaria di lingua e traduzione francese dell’Ateneo genovese, ha moderato insieme a Philippe Knauth di CIVIS uno dei quattro workshop tematici relativo alla didattica innovativa.

La giornata si è infine conclusa in presenza dell’Ambasciatore di Francia in Italia Christian Masset.

Per consultare il programma completo e ulteriori informazioni sull’evento, è possibile visitare questo sito.