Lo Spazio della città tra socialità e performatività

Nella giornata di mercoledì 10 aprile, presso l’aula Benvenuto DAD della facoltà di Architettura, nell’ambito del corso di Visualizzazione dello Spazio Scenico tenuto dalla prof. Angela Zinno, è stata organizzata la giornata di studi dal titolo Lo Spazio della città tra socialità e performatività in collaborazione con il Falcone Teatro Universitario di Genova e con il patrocinio del CiVis.

A partire dall’introduzione del coordinatore del corso di laurea in Design Prodotto Evento, prof. Massimo Sale Musio, è stato chiaro fin da subito l’intento di questa giornata: riflettere sulle innumerevoli possibilità di descrizione dello spazio grazie alle intersezioni tra ambiti differenti che trattano il tema in oggetto. La componente spaziale infatti è analizzabile da prospettive di carattere artistico e tecnico e, nello specifico, in ambito ingegneristico e architettonico ma anche fisico, teatrale, performativo e sonoro.

La prima parte della mattinata ha visto succedersi tre interventi di natura differente per ambito e per approccio. Gli elementi di coesione tra le parti presenti sono state presentate dalla prof. Zinno la quale ha condiviso le modalità con cui la giornata è stata sviluppata: è essenziale riconoscere ad oggi la connessione fondamentale che lega ambiti apparentemente così distanti dal momento che si stanno aprendo nuovi confini tra design e arte performativa. Ci sono quindi elementi che devono essere presi in considerazione per poter sviluppare qualcosa di nuovo e considerare l’imprevisto che è poi l’elemento che garantisce la riuscita di un prodotto finale come nel design così nel teatro. Lo spazio scenico recupera quindi nuova linfa: coscienza dell’utenza e analisi di tutto ciò che occupa lo spazio. Il concetto dello spazio muta infatti nel tempo sino ad arrivare al momento in cui la parola spazio viene attribuita al concetto dell’infinito ma anche allo spazio emotivo, lo spazio fisico che viene condiviso.

Il primo intervento è firmato dalla prof. Gaia Leandri che ha descritto lo spazio cittadino di Genova con un’analisi dal titolo «Pietre e vuoti del medioevo genovese». Focus di questo, il concetto di vuoto spaziale: in una società oramai spesso terrorizzata dall’horror vacui che trova serenità (apparente) nella ricerca di costanti riempitivi intangibili, la prof. Leandri, con un percorso artistico-storiografico, ripercorre l’evoluzione degli spazi pubblici ed abitativi della città di Genova passando (letteralmente) attraverso le logge non più visibili ma presenti e ben nascoste nel capoluogo ligure, spazi che ad oggi ancora non sono totalmente scoperti e catalogati.

Ad un’analisi dello spazio dal punto di vista architettonico, segue l’intervento del prof. Roberto Cuppone dal titolo «Teatro, luogo dell’imminenza?»: una panoramica dello spazio teatrale in un’evoluzione architettonica ma indissolubilmente legata all’evoluzione dei valori in tale architetture contenute; un viaggio dal teatro di Pergamo passando per il teatro greco, ai teatri inglesi costruiti in legno senza alcuna pretesa di divenire testimonianza per i posteri, attraversando il teatro No giapponese fino al teatro di anatomia, scavalcando gli spazi cittadini sfruttati per le rappresentazioni delle passioni.

A chiudere gli interventi della mattinata, la presentazione di Monica Canu (DH PhD) dal titolo «Genova Sonora: tra acusma e letteratura», un confronto sull’importanza ed il valore della drammaturgia sonora e delle numerose possibilità di rappresentazione delle immagini visive trasformabili in immagini sonore per raccontare la città di Genova.

A chiudere la mattinata, Gaia Leandri e Angela Zinno in dialogo con Christian Spadarotto, presidente dell’Associazione ‘Via del Campo e Caruggi’. Partendo dai principi di performatività nello spazio, la riflessione è stata costruita a partire dalla constatazione della situazione attuale degli spazi del centro storico. Genova ed in particolare il suo secolare centro storico forniscono infatti una possibile interpretazioni dello spazio in una città diversificata, una visione artistica, storica, sonora parte di una descrizione molto più ampia che giunge a toccare ambiti come l’urbanistica e la sociologia.

Ciò che Spadarotto ha sottolineato è l’obiettivo di ‘Via del Campo e Caruggi’: ritrovarsi come associazione e ricostruire un tessuto sociale con progetti da condividere senza politicizzare quanto fatto, nella coscienza soprattutto di eterogeneità degli individui che vivono gli spazi. Genova, sostiene, appare disorganizzata, non riesce ad essere inclusiva: le piazze non vengono più frequentate. Il centro storico è un contenitore di anime che trasmettono emozioni e se si rallentasse si potrebbe capire quanto è fondamentale la sensibilità all’ascolto. Il contesto storico ci riporta a tempi lontani: Genova è storicamente una città di scambi, è un porto, è una città che parla. Spesso non si riconoscono i suoni e i luoghi ai quali sono attribuiti. Ciò che restituisce Genova, a prescindere dall’interlocutore, è sempre un arricchimento, una storia nuova. Sono fondamentali per il centro storico i momenti conviviali come una cena sociale, in cui l’atmosfera è sembrata una prima volta per tutti, un incontro di realtà, un’atmosfera famigliare che scardina le idee preconcette di un luogo. 

Sostiene però Spadarotto che le condizioni di queste zone hanno una ricaduta sul suo potenziale: nei vicoli è facile perdersi e il fattore paura è il motivo per il quale alcune zone vengono volontariamente esclusi da molti circuiti. La domanda è “perché nel Trecento il centro storico funzionava e adesso no?”

La sessione pomeridiana della giornata ha avuto il suo focus nello spazio performativo. Roberto Cuppone e Angela Zinno hanno dialogato con il Teatro Akropolis nelle figure di David Beronio (Direttore Artistico) e Clemente Tafuri (Direttore Artistico) che hanno presentato l’artista Claudio Angelini del Collettivo Città di Ebla. È stata occasione di confronto sul tema del teatro in relazione allo spazio architettonico e allo spazio della città. Akropolis nasce a Sestri Ponente quindi zona di periferia, si rivolge ad un tessuto e contesto diverso da quello solito del centro cittadino. Tuttavia, oltre le peculiarità dello spazio esterno ci sono anche quelle di quello interno: quando quindici anni fa quello spazio interno dovette essere ripensato, fu necessario immaginare (e progettare) lo spazio nella sua interezza quindi immaginazione e azione si sono fuse.

La seconda parte del pomeriggio, infine, è stata dedicata ad un fruttuoso e partecipato workshop a cura di Claudio Angelini dal titolo Spazio-presenza-azione – dialoghi spontanei sullo spazio pubblico. I presenti sono stati infatti definiti ‘cavie’ di una ricerca che, partendo dalla definizione di spazio pubblico e condividendo immagini, fotografie e citazioni ha sviluppato un ampio e diversificato dialogo sul tema dello spazio e della spazialità sfociando in questioni sociali, politiche ed economiche e da numerose riflessioni di natura davvero eterogenea.

Locandina

Locandina2

 

Monica Canu

New Music Writing Processes for Cinema (Prin2020, Prot. 2020XWWY3M)

Nella data di venerdì 2 febbraio 2024 si è svolta, presso l’aula Magna di via Balbi 2, una giornata dedicata ai risultati, sino ad ora raggiunti, all’interno del progetto New Music Writing Processes for Cinema (Prin2020, Prot. 2020XWWY3M).

La giornata, organizzata dalla prof.ssa Giada Viviani, ha visto la presenza dei più importanti musicologi nazionali e studiosi di audiovisivo presenti in sala e connessi a distanza: il progetto citato infatti vede la partecipazione di diverse unità accademiche tra cui l’ospitante Genova, alla quale si aggiungono Torino, Udine e Rovigo.

Le attività della giornata si sono suddivise tra la mattinata, dedicata al confronto attivo della tavola rotonda dei partecipanti, quindi la sessione pomeridiana in cui hanno esposto quanto ad oggi sviluppato, all’interno del progetto, gli assegnisti dott. Siel Agugliaro e dott. Daniele Peraro e la dottoranda Monica Canu.

La discussione della mattinata ha visto confrontarsi i presenti sul tema dell’archiviazione del processo compositivo della musica per film. Sono emerse criticità rispetto alla diffusa multi autorialità dei prodotti audio, sono state descritte le modalità con cui è necessario, ad oggi, indicare le fonti audio a livello archivistico, il problema della non uniformità nella denominazione dei differenti elementi presi in analisi, i rapporti che intercorrono tra formati analogici e digitali e come la diffusione dei secondi mantenga un fondamentale legame con i primi. La discussione ha inoltre messo in evidenzia il tema della postproduzione, in era digitale, dei prodotti audio, le difficoltà legate alla suddivisione delle mansioni nel processo di archiviazione dei documenti costitutivi della creazione compositiva e infine il tema dell’obsolescenza delle fonti.

La mattinata si è rivelata davvero soddisfacente per i presenti e per il denso contributo di nuove proposte metodologiche emerse dal collaborativo confronto.

La sessione pomeridiana si è rivelata preziosa occasione per gli autori dei tre interventi. Partendo da sei interviste a compositori per il cinema svolti dai ricercatori Agugliaro e Peraro, gli oratori hanno esposto i risultati sino ad ora raggiunti sul tema della ricerca. Sono state proposte infatti in questa sede questioni di carattere metodologico ed epistemologico. In particolare, le riflessioni avanzante riguardavano:

  • la ricerca del suono in  prospettiva storica. Il compositore, in epoca analogica, immaginava mentre oggi le tecnologie digitali permettono di sentire il timbro di uno strumento anche preliminarmente
  • la sperimentazione non è univoca: ogni compositore deve cimentarsi con le singole soluzioni adottate sulla standardizzazione
  • La complessità nel delineare i processi creativi all’interno della cinematografia.
  • La consapevolezza nell’approcciarsi ai nuovi strumenti digitali

Inoltre sono stati evidenziati alcuni dei fattori che influiscono sulla composizione e la produzione dei prodotti audiovisivi:

  • La definizione di un budget (necessario per affittare la sala registrazione e stipendiare i  collaboratori per missaggio oltre che i membri dell’orchestra) e l’impegno del compositore stesso che deve pensare a come gestire le spese
  • Il genere cinematografico: si rielabora il materiale preesistente ma dipende dal genere. Ad esempio i documentaristi lasciano maggior spazio alla composizione. Nei film di animazione ad esempio i tempi sono più dilatati dunque il compositore ha maggior tempo per riflettere.
  • Motivi drammaturgici: le indicazioni del regista influiscono sul compositore
  • In quale fase della produzione del film il compositore viene coinvolto? Alcuni fin da subito altri quando è espresso il soggetto altri ancora quando è stato girato il film e agiscono quindi sul film già montato.

Inoltre è stata svolto un lavoro in ambito metodologico individuando gli elementi del processo creativo in oggetto. 

La dottoranda ha avuto in questa occasione possibilità di descrivere parte del suo lavoro di ricerca in essere.

Partendo dall’analisi del progetto di Andrea Liberovici articolato tra Venezia Acustica e Acoustic Postcards Venice, si vuole proporre un’esplorazione del processo artistico per la creazione di una drammaturgia sonora. In collaborazione con il laboratorio permanente teatrale dell’Università di Genova Il Falcone, lavorando con gli studenti e sotto la supervisione del direttore artistico Angela Zinno (PhD) e del presidente (professor Roberto Cuppone), la dottoranda esplora e documenta i suoni distintivi e le atmosfere sonore uniche della città di Genova, catturando l’essenza acustica della sua cultura, dei suoi quartieri e dei suoi luoghi emblematici, promuovendo la consapevolezza e l’apprezzamento dei suoni urbani e dell’acusmatica vocale quali elementi essenziali dell’identità e della vita quotidiana della città, incoraggiando la riflessione dell’impatto del paesaggio sonoro per creare una drammaturgia sonora.

Obiettivo finale è la creazione di un podcast su piattaforma della radio universitaria UnigeRadio composto da 7 puntate. Durante la giornata di studi è stata presentata una demo della puntata 2 dal titolo Cechov. 

In questa occasione sono stati fondamentali gli apporti dei presenti in particolare dei discussant intervenuti tra cui Alessandro Cecchi, Maurizio Corbella, Marco Cosci, Roberto Cuppone, Giulia Ferdeghini, Ilario Meandri e Angela Zinno, presenti sia nelle fasi della mattina che nella sessione pomeridiana ai quali vanno i più sinceri ringraziamenti per il contributi offerti.

New Music Writing Processes for Cinema

 

Colloque jeunes chercheuses et chercheurs de R2DIP 2023 – Cergy, 18-19 dicembre 2023

Il 18 e 19 dicembre 2023, la CY Cergy Paris Université ha ospitato il convegno per giovani ricercatori e ricercatrici di R2DIP (Réseau de Recherches sur les Discours Institutionnels et Politiques), la rete universitaria di ricerca e analisi di discorsi istituzionali e politici che vede tra i suoi membri anche l’Università di Genova.

La rete R2DIP è nata nel 2014 dalla collaborazione di tre celebri ricercatori attivi nell’ambito dell’Analisi del Discorso Francese (ADF): Julien Longhi dell’Università di Cergy-Pontoise, Georges-Elia Sarfati dell’Università Ebraica di Gerusalemme e Nathalie Garric dell’Università di Nantes. Gli obiettivi di R2DIP sono la condivisione di lavori e buone pratiche tra i gruppi di ricerca associati e la promozione della ricerca universitaria sull’analisi del discorso.

Il primo convegno internazionale della rete fu organizzato nel 2015 e, da allora, si è trasformato in un appuntamento fisso, rinnovato quasi ogni anno. L’edizione 2023, intitolata Observables, Observant.e.s, Observés : construire et analyser des objets en analyse du discours, ha avuto come focus gli “osservabili” intesi, in senso lato, come gli oggetti di studio degli analisti del discorso, oggetti empirici quali parole, “formule” o costruzioni sintattiche caratterizzati da una natura ambivalente: da un lato, si tratta di dati sensibili e “concreti”, ma dall’altro, tali dati sono intrinsecamente “relazionali” perché dipendenti dalle condizioni di osservazione, dagli obiettivi della ricerca e dallo sguardo di chi li osserva e studia.

Il convegno, tenutosi presso il Site Cergy-Hirsch dell’Ateneo francese, è stato un’importante occasione di confronto per giovani dottorandi provenienti dalle università della rete (ma non solo), nonché un’opportunità per presentare i propri lavori, ricevere feedback da alcuni dei più eminenti linguisti attivi nell’ambito dell’ADF e ascoltare, durante le sessioni in plenaria, gli interventi di due ricercatrici più esperte e specializzate in questo campo: Claudia Cagninelli dell’Università di Milano e Nora Gattiglia dell’Università di Genova.

Oltre alla Dottoressa Gattiglia, per l’Ateneo genovese erano presenti anche Stefano Vicari, professore associato del Dipartimento di lingue e culture moderne, ed Elena Margherita Vercelli, dottoranda in Digital Humanities che ha tenuto una presentazione dal titolo Les représentations des réfugié.e.s des deux côtés des Alpes entre comparabilité des corpus et appropriation linguistique.

Gli scambi tra dottorandi, docenti e ricercatori si sono rivelati particolarmente fruttuosi e interessanti, anche in virtù della varietà e dell’interdisciplinarità che contraddistinguono le ricerche in ADF e che hanno marcato tanto i partecipanti – provenienti anche da background non propriamente “linguistici” – quanto le riflessioni – le quali hanno spaziato da questioni metodologiche, come la costruzione dei corpora, ad altre più etiche ed epistemologiche.  

Il programma completo delle due giornate è consultabile sul sito della rete a questo link.

XXXIII Convegno annuale dell’Associazione Italiana (Ass.I.Term) – “Terminologia del patrimonio culturale materiale e immateriale: analisi e approcci di studio” – Università L’Orientale di Napoli, 7 novembre 2023

Il 7 novembre 2023, presso il Palazzo Corigliano, sede dell’Università L’Orientale di Napoli, si è tenuto il XXXIII Convegno annuale dell’Associazione Italiana di Terminologia (Ass.I.Term).

L’evento, intitolato Terminologia del patrimonio culturale materiale e immateriale: analisi e approcci di studio, è stato promosso dal Dipartimento di Studi Letterari, Linguistici e Comparati dell’Università di Napoli L’Orientale, in collaborazione con la Rete di terminologia delle lingue romanze (REALITER), la Rete Lexicologie, Terminologie, Traduction (LTT) e l’Osservatorio di terminologie e politiche linguistiche (OTPL) dell’Università Cattolica del Sacro Cuore.

L’incontro ha generato uno spazio dinamico di dialogo e scambio di conoscenze tra docenti e ricercatori impegnati in progetti di ricerca innovativi su diverse aree tematiche correlate al contenuto del convegno.
Tra le principali spiccano gli studi linguistici, disciplinari e interdisciplinari in terminologia e l’elaborazione e diffusione dei dati terminologici. Inoltre, particolare rilevanza è stata data agli studi applicativi che includono la costruzione di terminologie, dizionari, ontologie e l’utilizzo di applicazioni informatiche per risorse terminologiche. Queste ultime spaziano dai sistemi di informazione alle biblioteche digitali specialistiche, dalla gestione delle conoscenze al web semantico.

In questo contesto, ben si è inserito il progetto ITinHeritage: Valorizzazione e mediazione del patrimonio culturale delle Tecnologie dell’Informazione. Promosso congiuntamente dall’Università di Genova e dall’Università di Grenoble-Alpes, il progetto è stato presentato durante il convegno dalla prof.ssa Caroline Djambian dell’Université Grenoble Alpe, la prof.ssa Micaela Rossi e la dottoranda di Digital Humanities Giada D’Ippolito, dell’Università di Genova.

In conclusione, il Convegno Ass.I.Term 2023 ha offerto uno sguardo approfondito sulle sfide e le opportunità legate alla terminologia nel contesto della rappresentazione e valorizzazione del patrimonio culturale.

Journée d’études internationale Horizons et enjeux de l’Analyse (et des analystes) du Discours : Trajectoires de recherche actuelles – Milano, 7 novembre 2023

Dal 21 settembre al 26 ottobre 2023, le ricercatrici Nora Gattiglia dell’Università di Genova e Claudia Cagninelli dell’Università di Milano hanno organizzato il ciclo di cinque seminari online L’Analisi del Discorso in Italia: trasmissioni, ibridazioni, traiettorie grazie alla collaborazione con il gruppo di ricerca AD – Do.Ri.F. Analyse du Discours, Argumentation, Rhétorique

L’obiettivo di questi incontri era proporre a un pubblico eterogeneo e non necessariamente esperto una riflessione su storia, ricezione, applicazione e (re)interpretazione dei principi teorici e metodologici dell’analisi del discorso di “scuola” francese (ADF) in Italia. Infatti, tale disciplina, che nasce e si situa all’intersezione tra campi di studi e di ricerca diversi (linguistica, sociologia e scienze della comunicazione, per citarne alcuni), riguarda le articolazioni tra un testo e un luogo sociale attraverso l’indagine delle modalità enunciative che legano l’uno all’altro e si presta dunque al dialogo inter- e pluri-disciplinare.

I cinque seminari hanno spaziato tra diversi argomenti e approcci teorico-metodologici dell’ADF e i relatori e le relatrici si sono soffermati in particolare su alcuni concetti fondanti per gli studi nell’ambito della francesistica e della linguistica in generale.

Di seguito vengono riportati i titoli e keynote speakers degli interventi:

  • Specificità dell’AD di tradizione francese – Paola Paissa (Università degli Studi di Torino) e Rachele Raus (Università Alma Mater di Bologna)
  • Enunciazione, polifonia, dialogismo – Francesco Attruia (Università degli Studi di Pisa) e Stefano Vicari (Università degli Studi di Genova)
  • Argomentazione, discorso politico e polemica – Silvia Modena (Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia) e Alida Maria Silletti (Università degli Studi di Bari)
  • Prospettive ibride dell’AD in Italia – Ilaria Cennamo (Università degli Studi di Torino) e Yannick Hamon (Università Ca’ Foscari Venezia)
  • Critical Discourse Analysis in Italia – Chiara Fedriani (Università degli Studi di Genova) e Chiara Zanchi (Università degli Studi di Pavia)

A conclusione del ciclo, il 7 novembre 2023, è stata organizzata presso l’Università degli Studi di Milano, la giornata di studi internazionale Horizons et enjeux de l’Analyse (et des analystes) du Discours : Trajectoires de recherche actuelles. Durante la giornata, sono intervenuti ricercatori di varie discipline, che hanno messo in luce ulteriori specificità e poliedricità dell’ADF.

Il programma della giornata è consultabile qui.

 

Rhythm, speed, path. Spatiotemporal, experiences narrative, poetry and drama. ENN7 + IGEL 2023 + ELIT. Monopoli, 26 – 30 settembre.

Dal 26 al 30 settembre 2023 presso il Museo Diocesano di Monopoli si sono svolti: il 7° convegno della ENN (European Narratology Network), il convegno annuale IGEL (International Society for the Empirical Study of Literature) e l’incontro finale del training network ELIT (Empirical Study of Literature Trainining Network). I tre convegni hanno abbracciato lo stesso tema (Rhythm, speed, path. Spatiotemporal, experiences narrative, poetry and drama) con l’obiettivo di offrire uno spazio di discussione multidisciplinare sul ruolo e sull’enactment dell’esperienza spazio-temporale in opere narrative, liriche e performative.

Il giorno 26 settembre ha visto l’incontro finale del network ELIT. ELIT mira a formare ricercatori innovativi e interdisciplinari nello studio empirico della letteratura. Ha sviluppato un programma che ruota attorno a una formazione integrativa enfatizzando la multidimensionalità dello studio dei processi di lettura. L’incontro finale ha visto le discussioni di dottorande/i le quali hanno discusso i propri lavori di ricerca acombinando approcci teorici con diversi metodi empirici. 

Lo stesso giorno ha visto l’avvio del convegno ENN, in parallelo alle discussioni ELIT. Questa giornata ha previsto un seminario dottorale che anticipava le discussioni nei panel paralleli. Le discussioni nel 1° panelhannop affrontato, precedute da due keynote speech, i seguenti temi: filmic style and devices; Digital spaces; epic constants and variants.

  • Keynote 1 ENN 
    Matías Martínez
    (University of Wuppertal, Germany)
    Borders of Narrative: Some recent challenges of Narrative Theory
    (26 settembre, 09:00 – 9:45)
  • Keynote 2 ENN 
    Stefania Sini
    (University of Eastern Piedmont, Italy)
    Energy spent in Orientation: Yuri Tynianov’s Motor-Forces Approach to Rhythm
    (26 settembre, 14:45 – 15:30)

Il giorno 27 settembre ha visto discutersi, dal 2° fino al 5° panel, i seguenti temi: The road across the media; Cognitve Narratology; Revisting key concepts; Diacrhonic narratology; Time and motion analysis; Sound and vision in reading poetry; Expansive experientiality in 21st-century storytelling; Ryhthmanalysis and narrative; Mapping Space; Narratological identity from antiquity to posthuman; Active readers.

Il giorno 28 settembre ha visto discutersi nella 6° sessione i seguenti temi: Women’s lives; Illustrating stories;  Displacement. Successivamente, una key note speech ha chiuso il convegno:

  • Keynote 3 ENN
    Evelyn Gius
    (Technical University Darmstadt, Germany)
    Time, Space, and Text: Perspectives from a Computational Narratology
    (28 settembre, 11:30 – 12:30 | Diocesan museum, ground floor)

Il giorno 28 settembre ha visto anche l’avvio del convegno IGEL. L’International Society for the Empirical Study of Literature (IGEL – Internationale Gesellschaft für Empirische Literaturwissenschaften), associazione nata in Germania, si propone di far progredire la ricerca letteraria empirica attraverso la cooperazione interdisciplinare e internazionale. La storia della società riflette una ricca tradizione di ricerca internazionale e interdisciplinare. Il convegno si è aperto con una keynote speech:

  • Keynot 1 IGEL
    Neil Cohn
    (Tilburg University, Netherlands)
    The Grammar of Visual Narrative
    (14:30 – 15:30)

La giornata è poi proseguita con una sessione di poster e una discussione nel 1° panel dei seguenti temi: The spatiotemporal in-between of music and language: poetry – ways to investigate phonemic paths, syllabic rhythmicity and metric phenomena; The virtual reality of literature, and literariness in vr; Narrative understanding.

Il giorno 29 settembre ha visto discutersi dal 2° al 4° panel i seguenti temi: Empirical ecocriticism and climate narratives or animal narratives; Reading and wellbeing; Computational models of literature; Digital reading experiences; The role of literature in life; Fictionality; Writing; Mind and others; Literary reading and the mind; Modelling emotions and narrative; the medium and its space.

Il giorno 30 ha visto discutersi nel 6° panel i seguenti temi: Reading poetry; Emotions arcs and audience response. Di seguito una keynote speech ha terminato il convegno IGEL:

  • Anežka Kuzmičová (Charles University, Czech Republic)
    Q methodology, a whole-person approach to story experience
    (Saturday 30th, 11:30 – 12:30)

Anche Naji Al Omleh, dottorando al secondo anno per il curriculum genovese Lingue, Culture e Tecnologie Digitali ha partecipato alla poster session con un poster dal titolo: Forms and Characteristics of The Unreliable Narrator in Reading “La Madre”.

LINK al programma dei convegni.
LINK all’associazione ENN.
LINK alla rete ELIT.
LINK all’associazione IGEL

Summer School – Seminario permanente di Narratologia VI 2023, Pegaso-Federico II-IULM. San Giorgio a Cremano, 5-8 settembre

Dal 5 al 8 settembre 2023 si è svolta la Summer School Seminario permanente di Narratologia VI 2023, presso la sede Villa Vannucchi dell’Universita Telematica Pegaso (San Giorgio a Cremano) organizzata in collaborazione con l’Università Federico II e l’Università IULM.

La Summer School è stata un’occasione per ripensare il quadro operativo della ricerca narratologica e verificare la fertilità degli incroci tra gli strumenti narratologici classici, la teoria dei generi compositivi, lo studio dei media e le prospettive metodologiche provenienti da retorica, stilistica, neurocognitivismo e cultural studies.

L’edizione 2023 ha esplorato come il sapere narratologico dialoga con tradizioni metodologiche focalizzate sulla consistenza linguistico-comunicativa della relazione letteraria, con la teoria e il sistema dei generi e infine con la dinamica dei media, che dalla rivoluzione industriale alla rivoluzione digitale è venuta conoscendo processi di integrazione e differenziazione molteplici, oltremodo influenti sulle forme e le possibilità della
narrazione. 

Il programma della summer school ha combinato sessioni di lezioni plenarie con sessioni laboratoriali dislocate lungo i primi tre giorni. Gli iscritti sono stati assegnati a un Tutor responsabile di uno dei laboratori seguiti. Tutor e iscritti sono stati chiamati a cooperare con per la costruzione di un intervento basato su uno spefico argomento di interesse contestuale ai temi del seminario. 

Qui di seguito il programma delle sessioni plenarie:

  • 5 settembre, ore 9.30-12.30
    Paolo Giovannetti (Università IULM, Milano), Le cornici della narratologia. Questioni di metodo e didattiche.
    Laura Neri (Università degli Studi di Milano), La dinamica delle voci in un genere ibrido: la prosa delle Operette morali di Giacomo Leopardi
  • 6 settembre, ore 9.30-12.30
    Silvia Contarini (Università degli Studi di Udine), La parola condizionata: forme dell’inattendibilità fra Tarchetti e Svevo
    Riccardo Castellana (Università degli Studi di Siena), Narratologia della finzione: lo strano caso della narrazione postuma
  • 7 settembre, ore 9.30-12.30
    Giancarlo Alfano (Università degli Studi di Napoli Federico II), Di fronte alla pagina: narrazione, fotografia, tipografia nell’opera di Sebald
    Pia Masiero (Università Ca’ Foscari Venezia), Gli uomini schifosi di David Foster Wallace tra pagina e schermo: due sistemi intenzionali a confronto

L’ultimo giornata (8 settembre) della summer school è stata impiegata per un confronto trasversale tra tutor, ricercatori e ricercatrici, avvenuto attraverso una comunicazione pubblica degli interventi elaborati durante il corso della summer school. 

Tra i partecipanti delle comunicazioni vi era anche il dottorando Naji Al Omleh, 37° ciclo del del percorso Digital Humanities: Lingue, culture e tecnologie digitali. Questi è intervenuto presentando uno componente analitica nel suo progetto di ricerca: Forme e caratteristiche dell’inattendibilità nella Trilogia della città di K. di Ágota Kristóf.

E’ prevista la pubblicazione degli atti del convegno durante l’anno accademico 2023/2024.

Per un confronto più approfondito con il programma della summer school si associa in allegato il bando.

di Naji Al Omleh.

 

TOTh 2023 TERMINOLOGY & ONTOLOGY: Theories and applications. Université Savoie Mont-Blanc (France), 30-31 MAGGIO/ 1-2 GIUGNO

Dal 1° al 2 giugno si è svolta presso l’Università Savoie Mont Blanc – Polytech Annecy Chambéry (Francia) la 17esima Conferenza Internazionale TOTh 2023, Terminology & Ontology: Theories and applications, che ha riunito come ogni anno ricercatori, professionisti ed esperti nel campo dell’ingegneria del linguaggio e della conoscenza.
Durante l’evento si sono tenute sette sessioni, di cui una dedicata all’esposizione di poster. Ogni sessione ha incluso uno o più interventi della durata di 35 minuti ciascuno, compresi i dibattiti, i suggerimenti e le riflessioni sulle tematiche appena esposte.

Di seguito viene fornita una breve panoramica dei principali argomenti trattati: classificazione terminologica, thesauri, terminologie, traduzione e traslitterazione, differenze tra termini e concetti, estrazione terminologica, ontologie e (onto)terminologie, con esempi concreti correlati a ciascun tema.
Di conseguenza, sono emersi numerosi strumenti di supporto alle attività umanistiche, che sono stati oggetto di analisi e riflessione, tra cui: Termout, Istex, Termostat e SketchEngine.

Nella prima sessione, a rappresentare l’Università degli Studi di Genova, è stato presentato il progetto Museum ‘IT – The Museums of Information Technologies Project for enhancement of digital heritage: terminology and ontology representation issues. La dottoranda Giada D’Ippolito ha partecipato come relatrice insieme a Caroline Djambian (Ass.Pr. presso l’Università Grenoble Alpes), in collaborazione con la Prof.ssa Micaela Rossi (Università degli Studi di Genova) e la Prof.ssa Elisa Bricco (Università degli Studi di Genova). La conferenza è stata preceduta da due giorni di corsi di formazione, dal 30 al 31 maggio, su Terminology & Digital Humanities, suddivisi come segue:

La prima giornata, prevalentemente teorica, è stata tenuta dalla Prof.ssa Maria Papadopoulou (Università di Atene, Università di Creta) e mirava a fornire una comprensione delle tematiche che sarebbero state affrontate nei giorni successivi. Sono state esaminate le teorie, i metodi e gli strumenti abbracciati dalle Digital Humanities, nonché il concetto di interdisciplinarietà, l’importanza del patrimonio culturale, i principi FAIR e i Linked Data e, in generale, l’incontro tra discipline umanistiche e intelligenza artificiale, in cui logica e matematica sembrano trovare trovare complicità. Sono state menzionate le norme presenti nelle DH (Europeana, CIDOC, Dublin Core, Skos) e i linguaggi per le ontologie (Owl, rdf, SPARQL), con l’esempio di alcuni progetti (FIRA, Dariah).

La seconda, affidata al prof. Christophe Roche (Università di Creta, Università Savoie Mont-Blanc), nonché presidente della Conferenza TOTh e del gruppo di ricerca Condillac, è dedicata alla costruzione di terminologie e ontologie nelle Digital Humanities, effettuando esercitazioni pratiche sull’esempio di antichi vasi greci. Lavoro che ha previsto l’utilizzo del software Protégé, l’editor di ontologie più comunemente usato.

LA MEMORIA DIGITALE – 12° EDIZIONE CONVEGNO ANNUALE AIUCD. SIENA, 5-7 GIUGNO 2023

Il consueto appuntamento annuale dell’Associazione per l’Informatica Umanistica e la Cultura Digitale si è svolto quest’anno a Siena dal 5 al 7 giugno 2023.

Il Convegno, organizzato dal Dipartimento di Filologia e critica delle letterature antiche e moderne (DFCLAM), dal Centro interuniversitario di Studi Comparati i Deug-su, con il supporto di CLARIN-IT, è stato realizzato in collaborazione con i Dipartimenti di Ingegneria dell’Informazione e Scienze Matematiche (DIISM), di Scienze sociali, politiche e cognitive (DISPOC) e di Scienze storiche e dei Beni Culturali (DSSBC) dell’Università degli Studi di Siena.

La conferenza AIUCD 2023 si è focalizzata sull’importante tema della memoria digitale. Durante questa conferenza, sono state esplorate diverse sfaccettature del topic, concentrandosi principalmente sulle forme della testualità e sull’organizzazione della conoscenza. Tuttavia, non sono stati trattati solamente questi aspetti, ma è stato possibile dare spazio a considerazioni trasversali a diversi ambiti.

La filologia digitale, ovvero lo studio delle opere e dei testi nel contesto digitale, è stato uno dei filoni chiave della conferenza. Sono state presentate riflessioni teoriche e metodologiche su come analizzare, interpretare e conservare testi digitali utilizzando strumenti e approcci computazionali.

Inoltre, è stata dedicata attenzione all’organizzazione e alla preservazione delle collezioni digitali, che comprendono sia materiali digitalizzati che contenuti nati digitalmente. Questo implica lo sviluppo di strategie efficaci per l’archiviazione, la catalogazione e l’accesso ai materiali digitali, nonché la conservazione a lungo termine di tali risorse preziose.

Un altro argomento centrale durante il convegno, attuale e di grande interesse, riguardava l’applicazione delle tecniche di Intelligenza Artificiale nell’ambito della memoria digitale. L’utilizzo di algoritmi avanzati e modelli di machine learning può consentire l’estrazione di informazioni significative dai dati digitali, facilitando l’analisi e l’interpretazione di grandi quantità di testo e immagini.

Infine, è stato affrontato anche il problema della conservazione del patrimonio digitale. Poiché sempre più informazioni e risorse culturali sono disponibili in formato digitale, sorge la necessità di garantirne la conservazione a lungo termine, evitando la perdita irreversibile di importanti testimonianze storiche e culturali.

La conferenza AIUCD 2023 ha fornito, quindi, un’importante occasione di scambio per la condivisione di conoscenze, esperienze e prospettive su questi argomenti cruciali, coinvolgendo studiosi, ricercatori e professionisti impegnati nel campo della memoria digitale e delle sue molteplici sfaccettature.

Anche l’Università di Genova ha attivamente preso parte al convegno, sia con il contributo dei dottorandi Selenia Anastasi e Daniele Zolezzi, dal titolo “Breaking the Canvas”: A Serious Game to challenge stereotypes in Visual Culture through Fine Arts, che della dottoranda Tiziana Pasciuto, la quale ha presentato un lavoro congiunto con il CNR-IMATI dal titolo GECA 3.0 – A new tool for cataloguing and enjoying cultural heritage.

Programma Convegno

Proceedings Convegno

di Anastasi Selenia, Pasciuto Tiziana, Zolezzi Daniele

EDEN 2023 ANNUAL CONFERENCE “YES WE CAN!” – DIGITAL EDUCATION FOR BETTER FUTURES. DUBLINO, 18-20 GIUGNO 2023

La nuova edizione della conferenza annuale dell’European Distance and E-learning Network (EDEN) si è tenuta dal 18 al 20 giugno 2023 a Dublino.

La conferenza, intitolata “Yes we can!” – Digital Education for Better Futures, ha rappresentato un’importante occasione per esplorare in profondità il potenziale della tecnologia nell’ambito dell’istruzione e per sfidare i partecipanti ad ampliare le proprie prospettive.

Numerose sono le sfide significative necessarie per costruire un futuro digitale più inclusivo. La conferenza ha tentato di mettere in luce l'”arte del possibile” nel reinventare il processo di insegnamento, apprendimento e valutazione, mantenendo sempre viva la promessa di un futuro migliore per tutti.

Durante l’evento, si è cercato il più possibile di introiettare lo spirito di speranza e ottimismo attraverso il linguaggio abilitante del “sì, possiamo”, volto a creare un ambiente che ispirasse i partecipanti a credere nella possibilità di realizzare un cambiamento significativo attraverso l’educazione digitale.

In particolare, il tema della conferenza pone tre domande fondamentali che sono state oggetto di discussione e riflessione:

  1. Che aspetto ha un futuro migliore?
    Con un significativo sforzo di immaginazione, si è tentato di visualizzare insieme come potrebbe essere un futuro in cui l’educazione digitale sia uno strumento chiave per l’inclusione, l’equità e l’accesso universale all’apprendimento.

  2. In che modo l’educazione digitale può contribuire a plasmare questo futuro?
    Sono stati esplorate diverse modalità in cui la tecnologia può essere utilizzata per migliorare i processi educativi, ampliare le opportunità di apprendimento e promuovere l’innovazione nel settore dell’istruzione.
  1. Cosa puoi fare tu per contribuire a creare e modellare un futuro migliore?
    Ogni partecipante è stato invitato a considerare il proprio ruolo e l’impatto che può avere nel promuovere un cambiamento positivo. Ognuno di noi ha la possibilità di fare la differenza, sia attraverso azioni individuali che collettive, nell’implementazione di un’educazione digitale che sia inclusiva, accessibile ed equa.

In conclusione, la conferenza EDEN del 2023 si è posta come un’opportunità per esplorare il potenziale dell’educazione digitale e per impegnarsi attivamente nella costruzione di un futuro migliore. Attraverso discussioni, presentazioni e collaborazioni, i partecipanti sono stati stimolati a credere nel potere del “Yes we can!” e a contribuire alla creazione di un mondo in cui l’istruzione digitale sia un pilastro fondamentale per il progresso e l’equità.

Alcuni componenti dell’Università di Genova hanno partecipato attivamente alla conferenza: la prof.ssa Antonella Poce e la dottoranda Maria Tolaini hanno partecipato in qualità di relatrici con un contributo dal titolo Distance Learning and Online Peer Tutoring for Better Digital Education Environments: a post-graduate experience; realizzato in collaborazione con il dottorando Luca Contardi, Università Roma Sapienza, la dottoranda Eliana Maria Torre, Università Roma Sapienza, Giulia Innocentini, Università Modena e Reggio Emilia e Sabina Pirchi, Università Modena e Reggio Emilia. Inoltre, le dottorande Tiziana Pasciuto e Maria Tolaini hanno preso parte al PhD Symposium, presentando rispettivamente i lavori Thematic Paths: New Ways To Enjoy The Cultural Heritage e Inclusion and Well-Being Through Digital Language Learning in Museum Contexts, scaturiti dal loro progetto dottorale.

Programma della conferenza

di Pasciuto Tiziana e Maria Tolaini

Digital Humanities and Digital Communication: AI and (new) literacies – Summer School Digital Humanities 2023 UniMoRe. Modena, 12-16 giugno

Dal 12 al 16 giugno 2023, si è svolta presso la Fondazione Marco Biagi la Summer School Digital Humanities and Digital Communication: AI and (new) literacies dell’Università di Modena e Reggio Emilia (UniMoRe).

L’edizione 2023 ha esplorato il tema dell’alfabetizzazione all’Intelligenza Artificiale (IA) e i nuovi orizzonti intellettuali aperti da strumenti digitali quali ChatGPT e simili.

Alcune delle domande a cui si è tentato di rispondere durante le cinque giornate della Summer School hanno riguardato sfide e opportunità nel dialogo tra IA ed esseri umani: è possibile che l’IA intacchi le capacità e le competenze umane al punto da renderne alcune addirittura superflue? È possibile che limiti il nostro desiderio di pensare, scrivere o disegnare per il gusto di farlo? Oppure può l’IA essere un aiuto, un supporto, stimolando nuove forme di creatività umana e nuovi percorsi di ricerca?

Il programma ha combinato workshop e lezioni di relatori di fama internazionale con sessioni in cui i giovani ricercatori hanno avuto la possibilità di presentare il loro lavoro e ricevere un feedback dai relatori. Le lezioni si sono tenute sia in modalità tradizionale sia sotto forma di laboratori pratici, in cui i partecipanti hanno potuto sperimentare l’uso di diversi applicativi. Il clima di dialogo e di confronto ha permesso anche un proficuo e stimolante scambio di opinioni a livello interdisciplinare tra i dottorandi partecipanti.

Tra tutte le lezioni proposte, di particolare interesse per la loro trasversalità sono stati gli interventi di:

  • Naomi S. Baron dal titolo AI and Human Writing: Collaboration or Appropriation? che ha presentato l’Intelligenza Artificiale sia dal punto di vista storico sia da quello applicativo. La Professoressa dell’American University di Washington ha presentato e proposto una riflessione sull’IA, che può assumere alternativamente il ruolo di autore, di traduttore, così come di collaboratore nella produzione scritta.
  • John Bateman (University of Bremen) sul tema della Multimodalità, con la lecture Digital Humanities and the Challenge of Multimodality: dealing with non-textual materials e il workshop Capturing multimodal artefacts and performances: applying theory across scales and media.

Anche l’Università di Genova ha partecipato attivamente alla Summer School grazie ai contributi delle dottorande Chiara Storace ed Elena Margherita Vercelli, che hanno presentato i propri progetti, intitolati rispettivamente Civics in middle school: CLIL and Computational Thinking in the Center-West of Genoa e The Socio-discursive construction of ‘real’ and ‘fake’ refugees: a tool-based analysis of the representations of Ukrainian and Syrian exiles.

Il programma integrale è consultabile sul sito della Summer School

Processi di scrittura e riscrittura in letteratura e linguistica – Convegno del Dottorato in Studi Linguistici e Letterature Straniere. Pisa, 7-8 giugno 2023

Locandina convegno dottorale Processi di Scrittura e Riscrittura Pisa 7-8 giugno 2023

Nei giorni 7 e 8 giugno si è tenuta la conferenza dal titolo Processi di scrittura e riscrittura in letteratura e linguistica, prima edizione del convegno organizzato dal Dottorato in Discipline linguistiche e letterature straniere (DiLLes) dell’Università di Pisa.

L’evento si è articolato su due giornate: una dedicata alle relazioni di contenuto letterario e una incentrata sulle sessioni dal contenuto linguistico. Tema principale del convegno è stato la scrittura, intesa come una costruzione sociale che corrisponde a un oggetto in dinamica trasformazione. La produzione scritta è analizzabile da innumerevoli prospettive e questo ha permesso al convegno di raggruppare interventi interdisciplinari che hanno offerto stimolanti spunti di riflessione, nonché opportunità di confronto sia tra i giovani ricercatori sia tra i docenti presenti.

Durante le sessioni del convegno dottorale si sono susseguiti diversi argomenti, come, ad esempio, alcuni casi di riscrittura o di traduzione di opere letterarie di vario genere (dalla rappresentazione teatrale al mito), così come questioni di adattamento e di scrittura legata al discorso politico o all’opinione pubblica. Si è esplorato, poi, il rapporto tra letteratura e altri media, in particolare con il cinema e con i fumetti. La conferenza ha, inoltre, trattato alcune tematiche proprie delle Digital Humanities come la filologia di autore digitale, la cultural heritage e l’uso delle nuove tecnologie in ambito educativo e divulgativo. Non sono mancati, infine, gli interventi dal respiro internazionale, uno su tutti quello tenuto da Sameena Malik e Ahsan Chandio intitolato Detecting Writing Anxiety Factors among ESL Undergraduates.

Anche l’Università di Genova ha attivamente preso parte al convegno, con l’intervento della dottoranda Chiara Storace dal titolo Scrittura e videoscrittura, insegnare il Writing in classi con studenti con DSA nella scuola secondaria di secondo grado italiana, il quale si è andato ad inserire nella sessione dedicata alla didattica della scrittura in L1 e L2 e ai disturbi legati alla produzione scritta.

Programma Convegno

Digital Humanities Day – Maggio 2023

Si tiene il giorno 19 maggio la giornata delle Digital Humanities presso L’Università degli Studi di Genova. La giornata è un momento di incontro, di formazione e di informazione su argomenti di interesse generale. Occasione per incontrarsi e comunicare intorno ad argomenti relativi al vasto oggetto del dottorato Digital Humanities – Tecnologie Digitali, Arti, Lingue, Culture e Comunicazion

La giornata si svolgerà a Genova partire dalle 10:30 e si compone di un evento al mattino in cui dottori di ricerca in DH raccontano le proprie esperienza di ricerca:

I prerequisiti della ricerca
Dott.ssa Chiara Alzetta (XXXIII ciclo)
assegnista di ricerca – Istituto di Linguistica computazionale “A. Zampolli”- CNR Pisa
Teatro e nuove tecnologie: l’interdisciplinarità come obiettivo della ricerca
Dott.ssa Ester Fuoco (XXXI ciclo) assegnista di ricerca – Media and Performing Arts, Università IULM
Tenere la linea: costruirsi un’identità di ricerca
Dott. Fabrizio Ravicchio (XXXIII ciclo)
ricercatore – Istituto Tecnologie Didattiche – CNR Genova

Il pomeriggio, alle 15:00, si assiste all’intervento:

Lotta all’odio online e automazione tramite l’uso di Language model: dati e strategie
Dott. Marco Guerini
Fondazione Bruno Kessler, Trento

Qui la locandina.

LE UNIVERSITÀ ITALIANE E FRANCESI NELL’INIZIATIVA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE – Torino

Il 30 marzo 2023, l’Università Italo Francese, promotrice della collaborazione accademica e scientifica tra Italia e Francia, e l’Università di Torino, capofila dell’alleanza UNITA – Universitas Montium, hanno organizzato l’evento dal titolo Le università italiane e francesi nell’iniziativa delle Università Europee.

L’evento, tenutosi presso l’Aula Magna della Cavallerizza Reale dell’Ateneo torinese, ha riunito diverse Alleanze Europee che partecipano all’iniziativa delle “Università Europee” al fine di discutere e condividere progetti concreti in termini di mobilità, ricerca, programmi rivolti ai territori, didattica innovativa, iniziative studentesche e forme di internazionalizzazione della didattica all’interno delle alleanze.

Visto il grande coinvolgimento degli atenei francesi ed italiani nell’iniziativa e il forte impulso dato dal Trattato del Quirinale per promuovere la collaborazione italo-francese, la giornata ha rappresentato un importante momento di partecipazione e condivisione non solo tra i due Paesi, ma anche a livello europeo.

A fare gli onori di casa sono stati, oltre al Rettore dell’Università di Torino, Stefano Geuna, le professoresse Alessandra Fiorio Pla e Marcella Costa, rispettivamente Delegata per le relazioni internazionali con Francia e Paesi Francofoni e Vice Rettrice Vicaria per la Didattica Internazionale, e il Presidente dell’Università Italo-Francese, Stefano Guerrini.

Nel corso della giornata, sono intervenuti alcuni dei più alti rappresentanti istituzionali attivamente coinvolti nella ricerca e nella cooperazione transfrontaliera: dal Console generale di Francia a Milano ai funzionari dei Ministeri dell’Istruzione italiani e francesi, passando per i rappresentanti di agenzie di valutazione nazionali ed europee.

All’evento era presente anche una delegazione di docenti, studenti e personale tecnico amministrativo dell’Università di Genova, che è parte dell’alleanza ULYSSEUS. In particolare, Micaela Rossi, professoressa ordinaria di lingua e traduzione francese dell’Ateneo genovese, ha moderato insieme a Philippe Knauth di CIVIS uno dei quattro workshop tematici relativo alla didattica innovativa.

La giornata si è infine conclusa in presenza dell’Ambasciatore di Francia in Italia Christian Masset.

Per consultare il programma completo e ulteriori informazioni sull’evento, è possibile visitare questo sito.